Israele rivendica l'assassinio di Soleimani. "E' stato un successo"

Israele rivendica l'assassinio di Soleimani. "E' stato un successo"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

L'ex capo dell'intelligence delle forze di difesa israeliane (IDF) il generale Tamir Hayman ha ammesso il ruolo del regime di Tel Aviv nell'assassinio del comandante iraniano Qassem Soleimani, descrivendo l'uccisione come "significativa e importante".

In un'intervista con l'Israel Intelligence Heritage and Commemoration Center, Hayman, che si è dimesso a ottobre, ha rivelato il coinvolgimento di Israele nell'attacco dei droni statunitensi che ha abbattuto l'ufficiale militare iraniano.

L'uccisione di Soleimani, che ha servito come comandante della Forza Quds nel Corpo delle guardie rivoluzionarie islamiche, è stata descritta come uno dei "due omicidi significativi e importanti" da parte dell'ufficiale israeliano. L'altro era Baha Abu al-Ata, un militante islamico ucciso in un attacco missilistico a Gaza.

"L'assassinio di Soleimani è un successo, dal momento che il nostro principale nemico, ai miei occhi, sono gli iraniani" , ha ribadito Hayman, sottolineando il lavoro del paese per interrompere le attività del suo rivale nella regione. 

Soleimani è morto in un attacco di droni il 3 gennaio 2020 a Baghdad, in Iraq, dopo che l'allora presidente Donald Trump aveva ordinato l'assassinio mirato. All'epoca, i media statunitensi hanno riferito che l'intelligence israeliana aveva lavorato con funzionari americani per localizzare il funzionario iraniano. 

La rivelazione dell'ex capo dell'intelligence dell'IDF arriva giorni dopo i commenti dell'ex presidente Trump sull'assassinio. Secondo i rapporti, in un'intervista per un libro in uscita, Trump ha affermato che l'allora primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu era "disposto a combattere l'Iran fino all'ultimo soldato americano". 

L'ex leader americano ha espresso disappunto per il fatto che Israele non abbia svolto un ruolo maggiore nell'assassinio, fornendo solo l'intelligence. Tuttavia, i commenti di Trump sembrano contraddire i funzionari israeliani intervistati per il libro che, secondo quanto riferito, hanno affermato che gli Stati Uniti hanno insistito sul fatto che fossero loro a condurre l'attacco, rifiutando l'assistenza militare da Tel Aviv.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito di Geraldina Colotti Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

L'Unione Europea nella percezione degli italiani di Leonardo Sinigaglia L'Unione Europea nella percezione degli italiani

L'Unione Europea nella percezione degli italiani

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi" di Michelangelo Severgnini Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi"

Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi"

A cosa serve la proposta di Putin di oggi di Giuseppe Masala A cosa serve la proposta di Putin di oggi

A cosa serve la proposta di Putin di oggi

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti