/ La Cina costruirą 8 reattori nucleari all'anno per raggiungere gl...

La Cina costruirą 8 reattori nucleari all'anno per raggiungere gli obiettivi di sviluppo fissati per il 2030

 

La Chinese Nuclear Corporation rivela piani per costruire fino a otto reattori all'anno con l'obiettivo di raggiungere gli obiettivi di sviluppo fissati per il 2030.


La costruzione di sei-otto reattori dell'anno "dovrebbe essere sufficiente per soddisfare i piani di sviluppo del nostro paese nel 2030", ha dichiarato Yu Jianfeng, presidente della China Nuclear Corporation (CNNC) ieri, all'agenzia di stampa britannica Reuters.
 
Nelle dichiarazioni rilasciate a margine di una conferenza industriale a Pechino, Yu ha assicurato che il processo di costruzione dei reattori inizierà quando la corrispondente approvazione di Pechino sarà ricevuta "nel prossimo futuro".
 
Il direttore della CNNC, inoltre, ha sottolineato che la compagnia che dirige deve iniziare la costruzione di un piccolo reattore entro la fine dell'anno nella provincia di Hainan, anche se ha ammesso che questo progetto era previsto per il 2017.
 
Reuters ricorda che il governo del presidente cinese Xi Jinping non ha approvato l'inizio di alcun progetto negli ultimi tre anni.
Tuttavia, all'inizio del 2019, ha dato il via libera alla costruzione di due nuovi complessi di reattori nel sud-est del paese.
 
A questo proposito, Agneta Rising, direttore generale della World Nuclear Association (WNA,), ha sottolineato che la Cina deve "mostrare leadership e annunciare una fase di costruzione accelerata" del reattore.
 
Secondo i dati WNA, quasi 45 reattori operano in Cina e altri 15 sono in costruzione. Circa 41,7 gigawattora (GWh) sono prodotti nella Cina continentale e altri 3,8 GWh a Taiwan. Il piano di sviluppo statale per il periodo 2014-2020 prevede l'aumento dell'elettricità generata a 58 GWh.
 
Fonte: Reuters
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa