/ La Cina ha contribuito notevolmente alla prosperità globale

La Cina ha contribuito notevolmente alla prosperità globale

 


di Toumert Al - Global Times
 

Il 1° ottobre di quest'anno ricorre il 70° anniversario della fondazione della Repubblica Popolare Cinese. Nel giro di sette decenni, la Cina si è evoluta da un paese del terzo mondo, devastato da due guerre mondiali, a potenza emergente. È un'economia forte e un faro di speranza che sta stabilizzando l'ordine economico globale, agendo come difensore di un mondo multipolare, esercitando i suoi diritti sovrani senza influenze esterne e creando nuove istituzioni per stimolare la crescita economica.

 

La Cina come cultura, civiltà e nazione ha avuto un'impronta globale straordinaria. È impegnata in tutti i continenti e oggi la lingua cinese fa parte dei sistemi di istruzione della scuola primaria in vari paesi, tra cui molti in Europa e Nord America.

 

Tuttavia, per comprendere più chiaramente in che modo la Cina sta contribuendo a un mondo migliore e al concetto di destino condiviso, possiamo esaminare la sua influenza globale - politiche che sono state coerenti dal 1949 e hanno dimostrato la preoccupazione della Cina per la prosperità e la pace globali.

 

Quando la Cina iniziò ufficialmente gli aiuti esteri negli anni '50, la maggior parte dei paesi che ricevevano aiuti in quel momento erano africani. Tra il 1970 e il 1975, la Cina ha concesso un prestito senza interessi per la costruzione delle ferrovie Tanzania-Zambia.

 

Il prestito fu uno straordinario gesto finanziario dalla Cina, che all'epoca aveva appena iniziato a costruire la propria economia. Nello stesso periodo, la Cina ha anche finanziato diversi altri progetti come stadi di calcio, edifici pubblici e missioni sanitarie che hanno ancora un impatto sui cittadini africani oggi.

 

Con questo nuovo partenariato strategico, la Cina e i paesi africani hanno istituito il Forum sulla cooperazione Cina-Africa nel 2000.

 

Oggi, con 60 miliardi di dollari dedicati allo sviluppo africano, la Cina ha costantemente dimostrato di avere una politica e una visione e ha mantenuto le sue promesse ai paesi africani. Questa politica di prosperità non si è fermata in Africa - possiamo vederla anche in America Latina.

 

Portando il Brasile, la centrale elettrica dell'America Latina, nella piattaforma BRICS, la Cina ha chiarito che il Sudamerica è un partner strategico per la cooperazione Sud-Sud.

 

Di conseguenza, il commercio tra Cina e nazioni dell'America Latina è in costante crescita.

 

In soli 20 anni, la Cina è diventata il secondo partner commerciale dell'America Latina.

 

La Cina è un mercato importante per i semi di soia dal Brasile.

A questo proposito il Brasile è seguito da vicino da Perù, Argentina, Venezuela e Messico.

 

Inoltre, la Cina è ora la principale fonte di linee di credito internazionali per l'Ecuador, il Venezuela e l'Argentina e le banche di sviluppo economico della Cina investono di più in America Latina rispetto alla Banca Mondiale e alla Banca Interamericana di Sviluppo.

 

Il supporto che la Cina ha impegnato nella regione ha permesso a molti Stati dell'America Latina di prosperare economicamente.

 

Un altro aspetto del ruolo attivo della Cina nel sostenere la prosperità globale negli ultimi 70 anni è il suo contributo al raggiungimento degli Obiettivi di sviluppo del millennio delle Nazioni Unite (MDG).

 

Quando nel 2000 furono istituiti gli OSM, la Cina era già sulla buona strada per riuscire a far uscire dalla povertà la più grande popolazione del mondo.

 

Il Partito Comunista Cinese ha costruito il paese facendolo diventare la seconda economia più grande del mondo e ha salvato dalla povertà oltre 800 milioni di persone, trasformando il suo status in consumatore globale.

 

Alla Cina è stato assegnato un ruolo importante nel programma MDG, in particolare dopo i vertici del 2012 e del 2013 a Kunming e Pechino. I risultati raggiunti dalla Cina, l'esperienza come beneficiaria degli aiuti allo sviluppo e il suo ruolo in espansione come fornitore di assistenza allo sviluppo ad altri paesi in via di sviluppo hanno assicurato il suo ruolo.

 

La Cina è ora il sesto maggiore contribuente al bilancio delle Nazioni Unite, l'undicesimo maggiore contribuente alle operazioni di mantenimento della pace delle Nazioni Unite ed è parte di oltre 5.000 trattati internazionali.

 

La Cina si è concentrata sulla costruzione della sua economia e sull’implementazione di politiche solide negli ultimi 70 anni per stabilire un paese forte, stabile e un modello di crescita unico.

 

Tuttavia, non ha dimenticato il suo ruolo negli affari internazionali o il suo impegno nella costruzione di un destino condiviso e abbiamo 70 anni di successi a dimostrarlo.


L'autore è direttore dell'International Bachelor Program presso la International School under the China Foreign Affairs University

 

(Traduzione de l’AntiDiplomatico)

 

Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa