La codardia di Trump

La codardia di Trump

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Julian Assange, e la 'talpa' dell'Nsa, Edward Snowden sono tra gli assenti eccellenti nella lista delle 147 persone che hanno ricevuto l'annullamento o la riduzione della pena da Donald Trump nel suo ultimo giorno da presidente degli Stati Uniti.

Trump non ha perdonato sé stesso, come alcuni media avevano suggerito stesse meditando di fare, né il suo avvocato Giuliani. Sebbene siano state organizzate diverse campagne a lungo raggio, il presidente Donald Trump ha rifiutato di perdonare l'unico giornalista mai incriminato ai sensi della legge dell'era della prima guerra mondiale.

Secondo quanto dichiara proprio Snowden, Trump si sarebbe lasciato convincere che, non concedendo la grazia ad Assange, i “repubblicani del Senato potrebbero non votare per metterlo sotto accusa”  

 Il fondatore di WikiLeaks Julian Assange e l'informatore della NSA Edward Snowden non hanno ricevuto clemenza perché Trump "non voleva far arrabbiare i repubblicani del Senato che presto determineranno la condanna durante il processo al Senato.”

"Trump sarà ricordato come il primo presidente dai tempi di JFK, che dal primo all'ultimo giorno in carica è stato odiato da NSA, CIA e FBI, o come colui che ha ceduto alle pressioni proprio all'ultimo momento", ha proseguito Snowden che ha poi dichiarato come, nonostante abbia costantemente attaccato e aggredito, soprattutto a colpi di Twitter, contro lo "stato profondo", il Deep State, durante la sua campagna e presidenza, alla fine non hai mai sfidato fino in fondo le istituzioni di sicurezza nazionale e gli apparati del Partito Repubblicano. E “ha fallito”.

Ciò non significa che le campagne di perdono di Assange, Snowden, Winner, Kiriakou e altri siano state una perdita di tempo. Nessuno avrebbe previsto che il presidente Barack Obama avrebbe commutato la condanna dell'informatore dell'esercito americano Chelsea Manning nel 2017 durante gli ultimi giorni della sua amministrazione.

Assange rimarrà a Belmarsh, una prigione di massima sicurezza a Londra dove l’emergenza COVID-19 è dirompente. Anzi, il Dipartimento di Giustizia di Biden dovrebbe perseguire un appello contro la decisione del tribunale britannico di negare la richiesta di estradizione negli Stati Uniti dove Assange rischia la pena di morte.

Da parte sua Snowden e sua moglie, Lindsay Mills, rimarranno a Mosca con il suo figlio neonato.

Agata Iacono

Agata Iacono

Sociologa, antropologa, giornalista certificata Wrep Blockchain

Potrebbe anche interessarti

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi? di Francesco Erspamer  Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Studiate la storia se non volete diventare come Cingolani di Giorgio Cremaschi Studiate la storia se non volete diventare come Cingolani

Studiate la storia se non volete diventare come Cingolani

Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"   di Bruno Guigue Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"

Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"

Ti do un bonus... se non ti ammali! di Savino Balzano Ti do un bonus... se non ti ammali!

Ti do un bonus... se non ti ammali!

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Cuba. 25 novembre, un fiore per Fidel di Roberto Cursi Cuba. 25 novembre, un fiore per Fidel

Cuba. 25 novembre, un fiore per Fidel

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti