La giunta PD di Bologna mette al bando la parola "patriota"

La giunta PD di Bologna mette al bando la parola "patriota"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Tutta la bestiale ignoranza piddina in una foto.

La giunta comunale di Bologna ha disposto il divieto del termine “patriota” nella toponomastica cittadina, da sostituire con “partigiano” o “partigiana”.

Ebbene, al netto del fatto che solo un piddino può ritenere patriota un sinonimo di nazionalista - giacchè la patria, a differenza della nazione, si basa sull’appartenenza a una comunità, una cittadinanza, giuridica (e quindi egalitaria) e non etnica - qua il problema è assai grave. Perché tentando goffamente di perpetuare il mito di una resistenza antifascista oramai ridotta a manierismo cosmetico, modaiolo liberale e radical chic, un provvedimento tanto scellerato getta una quintalata di merda su una parola che ha ispirato secoli e generazioni di poeti.

Da Orazio a Manzoni passando per Dante, tanto per capirci. E soprattutto sulla memoria dei GAP, i Gruppi di Azione Patriottica, gente che la Resistenza l’ha fatta per davvero e per la Patria ci è morta. E che se avesse saputo in che mani lasciava il Paese prima vi avrebbe preso a a pernacchie e poi si sarebbe consegnata armi e bagagli ai tedeschi. Non so più come insultarvi perché le parolacce le ho finite da tempo.

Non resta che continuare ostinatamente a lottare affinché siate definitivamente cancellati dalla storia politica italiana, ricordati solo per ciò che realmente siete: i più vili traditori della Repubblica.

Antonio Di Siena

Antonio Di Siena

Direttore editoriale della LAD edizioni. Avvocato, blogger e autore di "Memorandum. Una moderna tragedia greca" 

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*       di Geraldina Colotti Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*      

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*  

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

L'Unione Europea nella percezione degli italiani di Leonardo Sinigaglia L'Unione Europea nella percezione degli italiani

L'Unione Europea nella percezione degli italiani

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi" di Michelangelo Severgnini Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi"

Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi"

A cosa serve la proposta di Putin di oggi di Giuseppe Masala A cosa serve la proposta di Putin di oggi

A cosa serve la proposta di Putin di oggi

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti