La Guyana come enclave militare del Comando Sud (USA) nel bacino dei Caraibi.

La Guyana come enclave militare del Comando Sud (USA) nel bacino dei Caraibi.

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Mision Verdad

Le scoperte di petrolio e gas nelle acque contese tra Venezuela e Guyana coincidono con l'escalation della tensione militare di quest'ultima sotto la chiara influenza degli Stati Uniti.

Queste acque, sulle quali la Guyana sta trivellando illegalmente pozzi petroliferi e per le quali il Venezuela chiede una giusta risoluzione attraverso l'Accordo di Ginevra del 1966, sono diventate un punto focale di crescente importanza per Washington, il che spiega l'alleanza militare promossa dal Comando Sud. In questo contesto, l'entità militare statunitense assume la leadership delle minacce e delle tattiche bellicose attraverso la Guyana.

Dal 2015, la Repubblica Cooperativa della Guyana partecipa alle manovre militari note come "Tradewinds", sponsorizzate dal Comando Sud con l'obiettivo di consolidare la supremazia statunitense in questa regione del Mar dei Caraibi.

In precedenza, nel 2012, il Comando Sud ha partecipato all'esercitazione Merged Response in Guyana. Questa esercitazione ha visto la collaborazione del Comando per le operazioni speciali degli Stati Uniti e delle Forze di difesa della Guyana. Merged Response è un'esercitazione annuale di natura multinazionale che coinvolge forze degli Stati Uniti e di altri Paesi alleati. In questa occasione, circa 350 militari statunitensi si sono uniti a circa 125 militari delle forze armate della Guyana.

La Guyana ha partecipato anche a diverse edizioni dell'UNITAS, compresa quella di quest'anno, che si è svolta a Carthage, in India e in altre zone della costa atlantica della Colombia.

Per quanto riguarda Tradewinds, la Guyana ha ospitato queste esercitazioni militari due volte. Nel 2021, il Comando meridionale ha fornito addestramento alle forze militari e di polizia della Guyana in luoghi strategici, come Camp Stephenson, situato alla foce del fiume Demerara, Camp Ayanganna, a sud di Georgetown, e Makouria Island nel fiume Essequibo.

Un esempio che illustra la natura bellicosa di queste esercitazioni è la suggestiva immagine dell'ambasciatore statunitense dell'epoca, Sara-Ann Lynch, che partecipa al tiro al bersaglio durante le esercitazioni.

All'inizio dello stesso anno è stato firmato l'Acquisition and Cross-Servicing Agreement tra il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti e la Guyana Defence Force. L'obiettivo dichiarato di questo accordo è quello di promuovere l'interoperabilità e la cooperazione logistica tra le due parti, con lo scopo di migliorare la prontezza e l'efficacia delle rispettive forze armate.

In occasione di questo evento, l'allora capo del Comando Sud, Craig Faller, ha trascorso tre giorni in Guyana, dove ha anche supervisionato le esercitazioni congiunte di sorveglianza marittima condotte dalle due nazioni nell'ambito dell'accordo Shiprider, firmato dalla Guyana e da Washington durante un viaggio dell'ex Segretario di Stato Mike Pompeo nell'era Trump. Questo accordo faceva parte della campagna internazionale di molestie contro il Venezuela, con il pretesto della lotta alle organizzazioni criminali transnazionali. Gli accordi Shiprider consentono pattugliamenti marittimi e aerei congiunti per intercettare le attività illegali.

Queste manovre si sono sviluppate con un atto provocatorio contro il Venezuela, denunciato dal governo del presidente Nicolás Maduro: la localizzazione di una nave della Guardia Costiera statunitense posizionata al largo delle coste della Guyana, in prossimità delle acque giurisdizionali del Venezuela.

Nel suo discorso di celebrazione dell'accordo per l'approvvigionamento e il servizio incrociato, Faller ha illustrato il modo in cui il suo governo percepisce la cooperazione con la Guyana. Ha sottolineato la partecipazione attiva degli ufficiali della Guyana ai programmi di formazione e addestramento militare offerti dagli Stati Uniti.

Inoltre, ha sottolineato la collaborazione tra la Guyana e la Guardia Nazionale della Florida, nonché la partecipazione della Guyana a esercitazioni multinazionali come Tradewinds. Ha inoltre sottolineato la collaborazione in materia di sicurezza marittima, come il pattugliamento congiunto delle acque marittime e dello spazio aereo.

I pattugliamenti militari congiunti sul confine conteso con il Venezuela, condotti da Stati Uniti e Guyana, sono stati annunciati da Mike Pompeo durante la sua visita ufficiale in Guyana nel 2020. Secondo le sue dichiarazioni, lo scopo di questi pattugliamenti marittimi congiunti sarebbe stato "l'interdizione della droga" e il rafforzamento della sicurezza in Guyana. In realtà, però, questa decisione è stata presa nel contesto di un significativo aumento delle esplorazioni petrolifere nelle acque territoriali della Striscia di Essequibo da parte della ExxonMobil nel blocco Stabroek.

Le azioni condotte dall'attuale capo del Comando Sud, il generale Laura Richardson, dimostrano che l'amministrazione Biden non ha rallentato il ritmo dell'assedio della precedente amministrazione al Venezuela e all'Essequibo. Durante la sua visita di quattro giorni in Guyana e Suriname nel 2022, la Richardson ha incontrato alti dirigenti della Guyana per riaffermare il sostegno degli Stati Uniti a una partnership di sicurezza con questa nazione.

La conferma che il SOUTHCOM è l'attore principale delle relazioni diplomatiche tra Stati Uniti e Guyana è stata confermata dall'accoglienza dell'ambasciatore statunitense in Guyana, Nicole Theriot, al suo arrivo nel Paese. La rilevanza del fatto che questa accoglienza sia stata gestita da Richardson e non dal Dipartimento di Stato sottolinea la preminenza del settore militare su quello diplomatico nell'interazione tra i due Paesi.

In ogni caso, si tratta della militarizzazione della diplomazia statunitense nel bacino dei Caraibi, in una regione in cui esiste una disputa territoriale sul Delta e sulla Essequiba Guiana, che si cerca di rubare de facto e de jure con Georgetown come delfino.

Nel giro di soli due anni, la Guyana ha ospitato ancora una volta la Tradewinds, questa volta nel 2023. La cerimonia di apertura si è svolta il 15 luglio a Camp Ayanganna. In questa occasione, circa 1.500 militari provenienti da 21 Paesi, tra cui tre nazioni europee (Francia, Paesi Bassi e Regno Unito), sono confluiti in Guyana per svolgere una serie di attività a terra, in aria, in mare e nel cyberspazio, distribuite in varie località del Paese, molte delle quali lungo il fiume Essequibo.

Il conflitto delegato

La Guyana non eccelle in capacità militari. Secondo un articolo di Foreign Policy, la Forza Armata Nazionale Bolivariana del Venezuela supera di oltre cento volte le forze della Guyana. L'articolo sottolinea anche la crescente importanza delle risorse energetiche nell'area contesa, nel contesto della guerra in Ucraina e dell'aumento dei prezzi degli idrocarburi, che sta portando a un maggiore interesse da parte delle multinazionali statunitensi ed europee nella nostra regione.

Nel 2022, il governo della Guyana ha condotto l'International Licensing Round, un processo volto a identificare le società qualificate a operare nello sfruttamento petrolifero nella regione contesa in modo illegale, in piena violazione dell'Accordo di Ginevra.

Sono state individuate diverse società idonee a procedere. Oltre alla ExxonMobil, l'elenco comprende società statunitensi come Hess Corporation e Liberty Petroleum Corporation, nonché la francese TotalEnergies. La Exxon ha il controllo di maggioranza del blocco di Stabroek, dove sta ancora esplorando ed estraendo petrolio per poi commercializzarlo negli Stati Uniti, ed è il grande vincitore delle concessioni della Guyana.

Dato che la Guyana non dispone di un esercito numeroso e di risorse sufficienti per affrontare la questione territoriale in disputa con il Venezuela, è plausibile l'interesse degli Stati Uniti a fornire addestramento e supporto militare per salvaguardare la sicurezza dei propri investimenti e di quelli dei propri alleati europei nell'area geografica.

Questo, a sua volta, fa pensare che Washington stia cercando un conflitto per procura attraverso la Guyana, soprattutto considerando la posizione più conciliante del governo colombiano di Gustavo Petro nei confronti del Venezuela.

La Guyana agisce come enclave militare del Comando Sud in una regione cruciale per proteggere gli interessi aziendali statunitensi e mantenere l'influenza di Washington nell'arena regionale.

(Traduzione de l’AntiDiplomatico)

Potrebbe anche interessarti

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor di Pasquale Cicalese Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

La rete di ingerenza creata dagli Stati Uniti contro Cuba di Andrea Puccio La rete di ingerenza creata dagli Stati Uniti contro Cuba

La rete di ingerenza creata dagli Stati Uniti contro Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti