La leggenda del basket Shaquille O'Neal si schiera contro obbligo vaccinale

La leggenda del basket Shaquille O'Neal si schiera contro obbligo vaccinale

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Dal 2 gennaio la nostra pagina Facebook subisce un immotivato blocco deciso da "fact checker" appartenenti a testate giornalistiche a noi concorrenti. Aiutateci ad aggirare la loro censura. Iscrivetevi al Canale Telegram de l'AntiDiplomatico

 

Con un intervento nel suo podcast, la leggenda del basket NBA Shaquille O'Neal ha pubblicamente dichiarato che secondo lui nessuno «dovrebbe essere costretto» a vaccinarsi. 

«Sentite, io incoraggio tutti a essere sicuri e a prendersi cura della propria famiglia; lo faccio. Ma ci sono ancora alcune persone che non vogliono. E non si dovrebbe essere costretti a fare qualcosa contro la propria volontà».

A quel punto la sua ospite Nischelle Turner, giornalista della CBS, ha affermato che gli obblighi vaccinali non costituiscono una forzatura, ma O'Neal ha contestato questa affermazione. 

«È forzato. Perché se una persona non si vaccina, verrà licenziata», ha ribattuto. 

Visto il clima di caccia alle streghe vero chiunque provi a mettere in dubbio la narrazione vaccinale e pandemica, Shaquille O'Neal poi aggiunge: «Probabilmente mi metterò nei guai per questo». 

A questo punto l’ex leggenda NBA ha fatto un esempio alla sua interlocutrice: «Di' Nischelle, il tuo tecnico del suono a 'ET' lavora lì da 10 anni. Quel lavoro è tutto ciò che conosce. Diciamo che 'ET' adotta una nuova politica: Se non fai la vaccinazione, perderai il lavoro», ha detto O'Neal, aggiungendo che crede che non sia giusto che le persone debbano scegliere tra il loro sostentamento e «andare contro la (loro) morale».

La Turner ha risposto di «non essere assolutamente d'accordo» con O'Neal, affermando che «non stai colpendo solo te stesso, stai mettendo a rischio il pubblico ed è un problema di salute pubblica».

«Lavori per una società privata, fratello», ha affermato Turner, aggiungendo: «siamo una società capitalista. È una società di libero mercato. Se non vuoi seguire la politica di quell'azienda, allora porta te stesso fuori dalla porta».

«Sono con te sulle regole perché sono un tipo da regole», ha risposto O'Neal, aggiungendo: «Ma mi sento solidale con le persone che devono prendere questo tipo di decisione». 

Dal 2 gennaio la nostra pagina Facebook subisce un immotivato blocco deciso da "fact checker" appartenenti a testate giornalistiche a noi concorrenti. Aiutateci ad aggirare la loro censura. Iscrivetevi al Canale Telegram de l'AntiDiplomatico

 

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Marmolada: strage del sistema di Giorgio Cremaschi Marmolada: strage del sistema

Marmolada: strage del sistema

Il Liquidatore entra nella fase finale di Savino Balzano Il Liquidatore entra nella fase finale

Il Liquidatore entra nella fase finale

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti