/ La morte del caccia F-35: la Russia sviluppa il suo caccia di ses...

La morte del caccia F-35: la Russia sviluppa il suo caccia di sesta generazione che sostituirà gli Su-57

 
 

L’F-35 morto e già superato? Secondo quanto afferma The National Interest l’industria della difesa russa sta iniziando a creare prototipi per un caccia di sesta generazione che alla fine sostituirà il Sukhoi Su-57 PAK-FA.

 

La Russia sviluppa una vasta gamma di concetti, tra cui droni senza equipaggio, armi energetiche dirette e ipersoniche. I russi stanno anche esaminando nuove tecnologie radar e di sensori elettro-ottici che sembrano progettate per contrastare la furtività.

 

Un sistema in fase di sviluppo per il potenziale nuovo velivolo è un cosiddetto radar radio-fotonico.

 

“Il radar radio-fotonico sarà in grado di vedere più lontano dei radar esistenti, nelle nostre stime. E, mentre irradiamo un nemico in una gamma di frequenze senza precedenti, sapremo la sua posizione con la massima precisione e dopo l'elaborazione ne avremo un'immagine quasi fotografica - la visione radio ", ha dichiarato Vladimir Mikheyev consigliere del primo vice CEO del Radio-Electronic Technologies Group (KRET) in un'intervista all'agenzia di stampa statale TASS.

 

"Questo è importante per determinare il tipo [di un aereo]: il computer dell'aereo identificherà immediatamente e automaticamente un oggetto volante, ad esempio un F-18 con tipi specifici di armamento missilistico".

 

Oltre al suo nuovo radar, i russi prevedono di mettere in campo un nuovo sensore elettro-ottico.

 

"Un potente sistema ottico multispettrale che opera in varie gamme: il laser, l'infrarosso, l'ultravioletto e, in realtà, nella banda ottica, che tuttavia supera notevolmente lo spettro visibile all'uomo", ha spiegato Mikheyev.

 

L'aereo sarà inoltre dotato di armi ad energia diretta e volerà come parte di uno sciame di droni.

In effetti, mentre due aerei in un volo potrebbero essere presidiati, potrebbero esserci da 20 a 30 velivoli senza pilota che accompagnano quei getti.

 

"Un drone in un volo di formazione trasporterà armi a microonde, incluse munizioni elettroniche guidate, mentre un altro drone trasporterà mezzi di soppressione e distruzione radio-elettronici e un terzo UAV sarà armato con un set di armi standard", ha detto Mikheyev.

 

Mikheyev ha anche descritto un'arma laser di autodifesa per il futuro aereo.

 

"Abbiamo già installato sistemi di protezione laser su aerei ed elicotteri e ora stiamo parlando di sviluppi nel campo dei laser a motore che saranno in grado di distruggere fisicamente le teste di attacco dei missili", ha reso noto Mikheyev.

 

"In parole povere, saremo in grado di bruciare" gli occhi "dei missili che "guardano dove siamo”. Naturalmente, tali sistemi verranno installati anche su velivoli di sesta generazione.

Fonte: The National Interest
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa