La Russia avverte NATO e UE. Stallo sul Kosovo sta "andando di male in peggio"

La Russia avverte NATO e UE. Stallo sul Kosovo sta "andando di male in peggio"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Mentre le relazioni tese tra la Serbia e la regione separatista del Kosovo peggiorano, Mosca ha affermato che l'Occidente non riesce a invertire i propri sforzi per impedire l'inizio di un conflitto totale ed evitare un ritorno ai combattimenti sanguinosi.

In una dichiarazione ufficiale rilasciata oggi, la portavoce del ministero degli Esteri Maria Zakharova ha avvertito che le crescenti tensioni tra le due parti stanno andando "di male in peggio". L'alto funzionario ha anche sottolineato che la NATO si è impegnata a mantenere la pace nella regione contesa e ha ricordato che il mancato raffreddamento della situazione potrebbe portare a una pericolosa escalation.

"Le forze della NATO per il Kosovo e la missione dell'UE per lo stato di diritto hanno il loro mandato per prevenire l'illegalità, e quindi hanno la piena responsabilità di proteggere i civili, garantendo pace e sicurezza", ha affermato Zakharova.

All'inizio di questa settimana, il presidente serbo Aleksandar Vucic ha minacciato un'azione militare in Kosovo se il blocco guidato dagli Stati Uniti, che mantiene una presenza nell'area, non fosse riuscito a prendere in mano la situazione prima che la lite sul confine condiviso di fatto peggiori. Ieri, funzionari della NATO hanno annunciato di aver aumentato le pattuglie lungo la linea di demarcazione poiché Belgrado ha ordinato a un distaccamento di veicoli corazzati di allinearsi lungo la frontiera.

Le tensioni nella regione sono aumentate da quando il Kosovo ha dichiarato l'indipendenza da Belgrado nel 2008, con una mossa non riconosciuta da Mosca o da gran parte del mondo. Il conflitto è stato tuttavia riacceso dopo che i funzionari in Kosovo hanno vietato alle auto con targa serba di entrare nel suo territorio, costringendo i conducenti a pagare per le immatricolazioni temporanee. Vucic ha descritto la mossa come "un'azione criminale" e la legislazione ha causato proteste infuocate tra la popolazione di etnia serba, che avrebbe dato fuoco a un ufficio governativo e lanciato granate in un altro.

La decisione è solo un altro mezzo per lo stato "repressivo" del Kosovo per "scacciare i serbi dalla regione" , ha dichiarato Zakharova, dicendo anche che la regione separatista non ha ricevuto "corrette condanne e rimproveri" né da Washington né da Bruxelles.

Sabato, il presidente del Consiglio europeo Charles Michel ha chiesto la riduzione dell'escalation e il ritiro delle unità di polizia e delle barricate, e da allora le forze della NATO sono state messe in allerta. Tuttavia, i capitali stranieri sono apparsi riluttanti a schierarsi apertamente nella fila.

"E' tempo di esercitare pressioni sull'amministrazione di Pristina per costringerla a ritirare le forze di sicurezza dal nord del Kosovo ed evitare che la situazione si trasformi in un conflitto aperto", ha concluso Zakharova.

 

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Covid 19: la situazione in Russia di Marinella Mondaini Covid 19: la situazione in Russia

Covid 19: la situazione in Russia

Per me questa è resistenza di Savino Balzano Per me questa è resistenza

Per me questa è resistenza

Caffè: i prezzi andranno alle stelle di  Leo Essen Caffè: i prezzi andranno alle stelle

Caffè: i prezzi andranno alle stelle

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Camilla e la città di Omelas di Antonio Di Siena Camilla e la città di Omelas

Camilla e la città di Omelas

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund di Gilberto Trombetta "Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

I migranti in Libia: “Riportateci a casa” di Michelangelo Severgnini I migranti in Libia: “Riportateci a casa”

I migranti in Libia: “Riportateci a casa”

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti