La Russia spera che la nuova amministrazione statunitense cambi il suo approccio alla crisi in Siria

La Russia spera che la nuova amministrazione statunitense cambi il suo approccio alla crisi in Siria

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.


Mosca spera che la nuova amministrazione di Washington cambi l'approccio degli Stati Uniti alla Siria, ha dichiarato a Sputnik il vice ministro degli esteri Mikhail Bogdanov.


 
"Ci auguriamo che la nuova amministrazione [USA] possa cambiare il suo approccio, in accordo con le decisioni del Consiglio di sicurezza, perché c'è la risoluzione 2.254, che stabilisce che la risoluzione del conflitto corrisponde e deve essere raggiunta dagli stessi siriani", ha ricordato  Bogdanov.
 
Il diplomatico ha definito la precedente posizione della Casa Bianca "dura e poco costruttiva", aggiungendo che Mosca si aspetta da Washington "una sorta di logica" che mira alla "pace in Siria".
Bogdanov ha ricordato che la Russia mantiene rapporti sia con le autorità siriane che con l'opposizione.
 
"Chiediamo ai nostri partner, inclusi gli americani, di assumere anche una posizione equilibrata e di lavorare sia con l'opposizione che con il governo", ha sottolineato il vice ministro degli esteri russo.
 

È il "Salvini russo" il nuovo eroe dei giornali italiani di Francesco Erspamer  È il "Salvini russo" il nuovo eroe dei giornali italiani

È il "Salvini russo" il nuovo eroe dei giornali italiani

Davvero questo mondo non ha più bisogno di comunismo? di Giorgio Cremaschi Davvero questo mondo non ha più bisogno di comunismo?

Davvero questo mondo non ha più bisogno di comunismo?

Tik Tok bloccato ai minorenni. YouTube per un caso simile niente di Francesco Santoianni Tik Tok bloccato ai minorenni. YouTube per un caso simile niente

Tik Tok bloccato ai minorenni. YouTube per un caso simile niente

Europei, Uiguri e i deliri di Washington   di Bruno Guigue Europei, Uiguri e i deliri di Washington

Europei, Uiguri e i deliri di Washington

I tecnocrati di Bruxelles temono più il contagio da Brexit di Giuseppe Masala I tecnocrati di Bruxelles temono più il contagio da Brexit

I tecnocrati di Bruxelles temono più il contagio da Brexit

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti