La scure dell'austerità UE si abbatte sui comuni italiani

La scure dell'austerità UE si abbatte sui comuni italiani

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Stefano Porcari - Contropiano

A fine maggio era scoppiata la polemica riguardo i decreti attuativi della legge di bilancio che Palazzo Chigi aveva formulato. Tagli su tagli per i comuni del Bel Paese, con le sforbiciate maggiori per quelli che avevano ricevuto più soldi dai fondi PNRR.

In quei giorni si è svolto anche il solito teatrino della politica italiana, con Elly Schlein che aveva chiamato Giorgia Meloni la “regina dell’austerità”, forse dimenticando che il suo partito è uno dei più fieri sostenitori (e fautori) dei vincoli di bilancio.

Ma, ad ogni modo, la portata dei provvedimenti era decisamente pesante e aveva provocato la ribellione nell’Associazione Nazionale Comuni Italiani (ANCI). Il 4 luglio sono state infine pubblicate dal ministero dell’Interno le tabelle finali della revisione di spesa, frutto di settimane di correzioni.

La sostanza non è cambiata di molto. Tagli lineari tra il 2024 e il 2028 per un valore totale di 250 milioni all’anno, di cui 200 a carico dei comuni e 50 a carico di province e città metropolitane, divisi proporzionalmente alla spesa corrente e al netto di quella sociale.

La bozza iniziale – che avrebbe dovuto essere approvata entro gennaio – è stata rivista per ridurre la penalizzazione degli enti che hanno usufruito in maniera maggiore del PNRR. L’ammontare è ulteriormente mitigato dalla distribuzione del residuo dei fondi Covid, ovvero 113 milioni.

Una soluzione che non ha comunque soddisfatto i primi cittadini lo scorso 27 giugno, quando alla Conferenza Stato-città hanno bocciato le formule del nuovo decreto interministeriale. Ma il governo aveva promesso tagli per 1,25 miliardi, e manterrà questa promessa tutta dentro la logica di Bruxelles.

Si tratta di un duro colpo per le amministrazioni locali: per fare un esempio, parliamo di 80 milioni in cinque anni per Roma, 48 per Milano. E così a cascata per tutte le nostre città, con cifre che possono sembrare di poca importanza, ma che sono invece un macigno per le casse comunali.

Un rapporto della Fondazione nazionale dei commercialisti, commentato sul giornale una ventina di giorni fa, ha messo in evidenza come già il 6% dei 7.896 comuni italiani sia sull’orlo del fallimento. Si può facilmente capire perché anche solo un milione potrà essere la goccia che fa traboccare il vaso.

Come se non bastasse, è il governo stesso a cancellare quel poco che il PNRR può aver portato ai servizi locali, poiché rimane il principio che chi più ne ha usufruito più dovrà tagliare. Per evitare che questi fondi possano davvero migliorare le condizioni di vita dei cittadini.

Sta ora agli amministratori locali decidere dove e cosa tagliare, ma è chiaro che nel giro di poco tempo ci saranno ulteriori strette su servizi e personale. Sul medio termine, anche la fruizione dei diritti sociali, fatta salva dal testo così come è stato approvato, ne andrà ovviamente a risentire.

Non bisogna dimenticare, inoltre, che sta per arrivare anche la mannaia della procedura di infrazione aperta da Bruxelles. Diversi miliardi all’anno che saranno pagati ancora una volta con politiche lacrime e sangue dai settori popolari.

Centrosinistra o centrodestra, la gabbia dell’Unione Europea continua a distruggere il paese, e solo fuori da essa è data un’alternativa.

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd di Paolo Desogus Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE di Fabrizio Verde Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE

Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

La Russia e Trump: un esercizio di memoria di Andrea Puccio La Russia e Trump: un esercizio di memoria

La Russia e Trump: un esercizio di memoria

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti