La variante sudafricana elude il Pfizer? I risultati (inequivocabili) di uno studio della Tel Aviv University

La variante sudafricana elude il Pfizer? I risultati (inequivocabili) di uno studio della Tel Aviv University

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

LEGGI: EMERGENZA COVID DEL PROF. GIULIO TARRO 

 

Israele viene pressoché da tutti indicato come uno dei paesi da imitare per l’efficienza nell’immunizzazione della popolazione. Ci sono tuttavia dei dubbi che permangono anche tra gli stessi scienziati israeliani circa l’efficacia dei vaccini, Pfizer e Moderna che sono quelli utilizzati da Tel Aviv, contro la variante sudafricana del virus che sarebbe capace di ‘bucare’ la protezione offerta dai questi sieri. 

La variante sudafricana del coronavirus è notevolmente più abile ad aggirare il vaccino Pfizer-BioNTech di altre varianti, secondo quanto afferma uno studio israeliano.

Israele ha usato quasi esclusivamente il vaccino Pfizer per vaccinare milioni di cittadini, con Moderna, con una simile tecnologia innovativa mRNA, usato in maniera minore. Un team dell'Università di Tel Aviv e l'organizzazione sanitaria Clalit hanno sequenziato i tamponi di 150 israeliani che sono risultati positivi al COVID-19 nonostante fossero stati vaccinati. 

La variante sudafricana, B.1.351, è stata trovata in circa l'1% di tutti i casi di COVID-19 di tutte le persone studiate, secondo lo studio dell'Università di Tel Aviv e il più grande fornitore di assistenza sanitaria di Israele, Clalit. 

Ma tra i pazienti che avevano ricevuto due dosi di vaccino, il tasso di prevalenza della variante era otto volte superiore a quelli non vaccinati - 5,4% contro 0,7%, scrive Reuters.

Nel loro studio, la prevalenza del ceppo sudafricano tra gli individui vaccinati che sono stati infettati malgrado la vaccinazione era otto volte superiore alla sua prevalenza nella popolazione infetta non vaccinata. Anche se il numero di tali infezioni tra i vaccinati era relativamente piccolo, i risultati hanno indicato che questa variante ha avuto molto più successo nel superare le difese degli individui vaccinati rispetto ad altri ceppi. "Basandoci sui modelli nella popolazione generale, ci saremmo aspettati un solo caso della variante sudafricana, ma ne abbiamo visti otto", ha detto al Times of Israel il professor Adi Stern, che ha diretto la ricerca.

"Ovviamente, questo risultato non mi ha fatto fare salti di gioia". Ha affermato come i risultati mostrino che la variante sudafricana, rispetto al ceppo originale e alla variante britannica, “sia in grado di sfondare la protezione del vaccino". Tuttavia, ha detto che la dimensione del campione è troppo piccola per mettere una cifra sulla sua maggiore capacità. "Possiamo dire che è meno efficace, ma sono necessarie altre ricerche per stabilire esattamente quanto", ha detto. 

Il Prof. Ran Balicer, direttore della ricerca di Clalit, ha detto che lo studio è "molto importante". "È il primo al mondo che si basa su dati reali, mostrando che il vaccino è meno efficace contro la variante sudafricana, rispetto sia al virus originale che alla variante britannica", ha detto.

Balicer ha aggiunto che i risultati richiedono una continua vigilanza contro il coronavirus, compreso il distacco sociale e l'uso di maschere in spazi chiusi, per prevenire l'infezione. "Questi risultati preliminari richiedono un'attenzione continua alla diffusione di questo ceppo in Israele, sottolineando la necessità di un monitoraggio epidemiologico e di un sequenziamento sistematico, al fine di contenere l'ulteriore diffusione della variante sudafricana in Israele”. 

Pfizer e BioNTech hanno affermato il 1° aprile che il loro vaccino è avuto un’efficacia di circa il 91% nel prevenire il COVID-19, citando test aggiornati. Hanno testato una terza dose del loro vaccino come richiamo, e hanno detto che potrebbero modificare il vaccino per affrontare specificamente le nuove varianti, se necessario.

Per quanto riguarda la variante sudafricana, hanno reso noto che tra un gruppo di 800 volontari di studio in Sudafrica, dove B.1.351 è diffuso, ci sono stati nove casi di COVID-19, tutti verificatisi tra i partecipanti che hanno ricevuto il placebo. Di questi nove casi, sei erano tra individui infettati con la variante sudafricana. Alcuni studi precedenti indicavano che l'iniezione Pfizer/BioNTech era meno potente contro la variante B.1.351 rispetto ad altre varianti del coronavirus, ma offriva comunque una solida difesa.

Mentre i risultati dello studio possono causare preoccupazione, la bassa prevalenza del ceppo sudafricano era incoraggiante, secondo Stern dell'Università di Tel Aviv. "Anche se la variante sudafricana può aggirare la protezione del vaccino, non si è diffusa ampiamente nella popolazione", ha detto Stern, aggiungendo che la variante britannica può "bloccare" la diffusione del ceppo sudafricano.

Quasi il 53% dei 9,3 milioni di abitanti di Israele ha ricevuto entrambe le dosi Pfizer. Israele ha in gran parte riaperto la sua economia nelle ultime settimane, mentre la pandemia sembra ritirarsi, con tassi di infezione, malattie gravi e ricoveri in forte calo. Circa un terzo degli israeliani ha meno di 16 anni, il che significa che non hanno ancora diritto all'iniezione.

Potrebbe anche interessarti

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA di Giorgio Cremaschi 80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

Nel paese più vaccinato al mondo i casi Covid si impennano di Francesco Santoianni Nel paese più vaccinato al mondo i casi Covid si impennano

Nel paese più vaccinato al mondo i casi Covid si impennano

Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia di Thomas Fazi Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia

Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia

Il vero "dividendo dell'euro" di Gilberto Trombetta Il vero "dividendo dell'euro"

Il vero "dividendo dell'euro"

Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi di Pasquale Cicalese Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi

Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti