La verità dietro la crisi dei migranti in Europa orientale

La verità dietro la crisi dei migranti in Europa orientale

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

La crisi migratoria dell'Europa orientale ha preso d'assalto il continente ed è diventata inaspettatamente la sua principale preoccupazione per la sicurezza. La Polonia accusa la Bielorussia di condurre una "guerra ibrida" attraverso “l’arma della migrazione di massa" come risposta asimmetrica alla campagna di regime change dell'Occidente contro il presidente Lukashenko dalle elezioni dello scorso anno. Il leader bielorusso nega le accuse, così come la Russia, che anche Varsavia ha accusato di essere presumibilmente coinvolta nel disegno di "guerra ibrida" del paese confinante.

Le tensioni sono aumentate drammaticamente lunedì dopo che una carovana di migranti dalle dimensioni mai viste prima ha tentato di assaltare violentemente il confine polacco, portando i due paesi ad accusarsi a vicenda di violare i diritti umani di quelle persone. Il ministro degli Esteri russo Lavrov ha addossato la colpa all'Occidente per aver distrutto i paesi musulmani e quindi essere la causa ultima dietro le ondate migratorie che periodicamente giungono da quella zone.

Ha ragione, ma c'è dell'altro oltre a questo. RT ha ricordato al suo pubblico che Lukashenko ha minacciato durante l'estate di smettere di proteggere l'UE dal contrabbando (che significa anche immigrazione illegale). Questa è una posizione sensata dal suo punto di vista poiché non c'è motivo per questo paese sanzionato di continuare a investire le sue risorse finanziarie sempre più limitate nel garantire la sicurezza del suo vicino da tali minacce transnazionali non statali mentre stanno letteralmente cercando di rovesciare il suo governo.

Stando così le cose, anche la Polonia non ha completamente torto. Anche se ha svolto un ruolo importante nella guerra in Iraq guidata dagli Stati Uniti e ha preso parte alla successiva occupazione del paese, ha comunque il diritto di difendere la sua gente dalle "armi di migrazione di massa". Indipendentemente dal giudizio su un particolare governo (che sia quello polacco, bielorusso o russo), il loro popolo non dovrebbe essere punito per la politica estera che i loro rappresentanti realizzano in loro nome.

Va detto esplicitamente, tuttavia, che le accuse del governo polacco di sostegno segreto russo all’utilizzo da parte della Bielorussia dei processi di migrazione illegale come arma di pressione sono completamente sbagliate. Il Cremlino in realtà rischia di perdere più a lungo va avanti questa crisi migratoria. Questo perché rischia di essere sfruttato come pretesto per portare forze militari occidentali lungo il confine bielorusso, il che potrebbe anche portare i paesi della NATO a compiere provocazioni contro l'alleato di mutua difesa della Russia.

La soluzione è semplice in linea di principio ma politicamente difficile da attuare. L'Occidente dovrebbe revocare le sanzioni contro la Bielorussia per consentirle di controllare più efficacemente il flusso di stranieri all'interno del suo territorio, in particolare quelli che si radunano in massa e marciano verso il confine polacco. In questo momento è troppo difficile per il Paese farlo mentre soffre della crisi economica portata dal Covid e dalle sanzioni. Non si chiuderà al mondo esterno solo per garantire gli interessi di sicurezza dell'UE.

Farlo sarebbe anche politicamente inaccettabile per la sua leadership di fronte all'assalto per il regime change di cui sono responsabili il blocco e il suo patrono nordamericano. Qualunque siano le critiche a Lukashenko, nessuno può affermare in modo credibile che sia una facile preda. Si è già dimostrato resiliente a un'immensa pressione nell'ultimo anno. Non c'è motivo di aspettarsi che cambi improvvisamente posizione solo a causa dell'ultima crisi migratoria.

Purtroppo, l'Occidente non ha il pragmatismo politico per risolvere questa crisi. Al contrario, sembra solo interessato ad esacerbarla poiché si aspetta di sfruttarla per ragioni strategiche legate al possibile schieramento militare lungo i confini dell'alleato di mutua difesa della Russia. I loro doppi standard verso la crisi migratoria dell'Europa meridionale del 2015 e quella dell'Europa orientale del 2021 sono guidati da queste motivazioni anti-russe.

Nessuna soluzione sembra essere all'orizzonte poiché l'Occidente non risolverà responsabilmente questa crisi, motivo per cui gli osservatori possono aspettarsi che le sue relazioni con la Russia continueranno a deteriorarsi poiché è probabile che i paesi interessati diano credito alle false affermazioni della Polonia secondo cui il Cremlino sta orchestrando segretamente questo attacco di "guerra ibrida" contro di loro. Ciò potrebbe complicare enormemente gli sforzi incipienti tra Russia e Stati Uniti per raggiungere un "patto di non aggressione" per regolare responsabilmente la loro rivalità.

In effetti, potrebbe anche essere il caso che la Polonia abbia deciso di manipolare questa crisi fabbricata allo scopo di sabotare il suddetto riavvicinamento. Dopotutto, il paese leader dell'Europa centrale e orientale (CEE) si sente abbandonato da Biden, teme che stia "svendendo" gli interessi strategici del paese e sta subendo una pressione senza precedenti dell'UE. Presentandosi come lo "scudo" dell'Occidente contro la "guerra ibrida russa", tuttavia, spera di rimanere rilevante per loro e quindi di ridurre una certa pressione.

Dovrebbe essere una valutazione accurata di ciò che sta accadendo, a suggerire che la Polonia ha sfruttato questa crisi inizialmente provocata dagli Stati Uniti (visto come gli Stati Uniti hanno condotto le guerre dell'Occidente contro i paesi musulmani) in modi che rischiano di minare gli interessi degli Stati Uniti come l’amministrazione Biden sta gradualmente iniziando a concettualizzarli. In altre parole, è la Polonia, non la Bielorussia, che è "diventata canaglia" rifiutandosi di fare ciò che è necessario per porre fine a questa crisi nonostante abbia anche il diritto di difendersi dall'invasione.

Queste dimensioni strategiche più profonde mostrano quanto sia complicata la crisi migratoria dell'Europa orientale. Gli Stati Uniti sono i più direttamente responsabili della distruzione dei paesi musulmani, seguiti dalla Polonia per aver guidato la campagna di regime change dell'Occidente contro la Bielorussia che ha portato a sanzioni contro Minsk che a sua volta ha paralizzato la sua capacità (sia fisica che politica) di difendere l'UE dall'immigrazione illegale. A meno che le sanzioni non vengano revocate, la crisi probabilmente continuerà e rischierà di rovinare il riavvicinamento russo-statunitense.

(Articolo pubblicato in inglese su One World)

Andrew Korybko

Andrew Korybko

 

Analista politico e giornalista. Membro del consiglio di esperti dell'Istituto di studi strategici e previsioni presso l'Università dell'amicizia tra i popoli della Russia. È specializzato in questioni inerenti la Russia e geopolitica, in particolare la strategia degli Stati Uniti in Eurasia. Le sue altre aree di interesse includono tattiche di regime change, rivoluzioni colorate e guerre non convenzionali.

Potrebbe anche interessarti

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi? di Francesco Erspamer  Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Le preoccupazioni di Draghi per la Dad sono fasulle di Paolo Desogus Le preoccupazioni di Draghi per la Dad sono fasulle

Le preoccupazioni di Draghi per la Dad sono fasulle

La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia di Giorgio Cremaschi La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia

La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia

Putin ha preso la decisione di Marinella Mondaini Putin ha preso la decisione

Putin ha preso la decisione

Green Pass, quei "fascisti" di Amnesty International... di Savino Balzano Green Pass, quei "fascisti" di Amnesty International...

Green Pass, quei "fascisti" di Amnesty International...

Green Pass: si o no? di Alberto Fazolo Green Pass: si o no?

Green Pass: si o no?

Il Ventennio dell'euro di Thomas Fazi Il Ventennio dell'euro

Il Ventennio dell'euro

"Profitti zero": Siamo alla fase finale di Pasquale Cicalese "Profitti zero": Siamo alla fase finale

"Profitti zero": Siamo alla fase finale

Prima che sia troppo tardi per chiedere scusa di Antonio Di Siena Prima che sia troppo tardi per chiedere scusa

Prima che sia troppo tardi per chiedere scusa

Torna di moda la fake delle fake sulla "Germania virtuosa"... di Gilberto Trombetta Torna di moda la fake delle fake sulla "Germania virtuosa"...

Torna di moda la fake delle fake sulla "Germania virtuosa"...

Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia di Michelangelo Severgnini Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia

Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia