L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Per fortuna l'Italia è un paese democratico, sovrano e libero ... libero di prendere le decisioni in base ai dettami, ai comandi che arrivano dai padroni Usa-Nato-Ue.

Su ordine dell'UE e in nome della libertà di pensiero infatti la Farnesina ha chiamato a rapporto l'ambasciatore russo Serghej Razov in modo ufficiale per esprimergli la più alta protesta per "l'annessione russa dei territori dell'Ucraina" e per dirgli che l'"Italia non riconoscerà mai questi territori come russi". A questi politici italiani avrebbe fatto bene anche un solo "week end" nel Donbass sotto le bombe ucraine .. giusto per assaporare le dolcezze dell'amato e coccolato naziZelja o a scelta - di Poroshenko, in fin dei conti avevano 8 anni per rendersi conto di CHI sgancia le bombe sulla popolazione inerme e capire perché, dove sta la verità.

Il bello è che la buffonata imposta dagli euroburocrati è stata messa in scena non solo in Italia, ma anche nei rimanenti 26 paesi Ue. Unico dubbio che già tormenta i capi Ue: la capricciosa Ungheria, perché non ha ancora ufficializzato la convocazione del suo ambasciatore russo, ma costoro si aspettano che tutti i paesi Ue non si sottraggano all'invito - ovvero all'ordine - altrimenti la Von der Leyen tira fuori gli "strumenti" giusti, come ha platealmente essa stessa dichiarato. L'Unione - pardon - la dittatura - si muove compatta: come punizione la Russia riceverà in regalo l'ottavo pacco di sanzioni.

Perché la Ue, si legge: "non riconosce e non riconoscerà mai i referendum illegali che la Russia ha progettato come pretesto per questa ulteriore violazione dell'indipendenza della sovranità e della integrità territoriale dell'Ucraina, né i loro risultati falsi e illegali".

Certo era meglio seguire l'esempio che ha dato distruggendo la Jugoslavia e strappando il Kosovo alla Serbia, senza nemmeno uno straccio di referendum! E' bastato dichiarare in due parole ufficialmente: "Il Kosovo è indipendente" e tutti lo dovete riconoscere.
 
-------------------------------------------------------


SILENTI ED ERETICI AL TEMPO DEL COVID

Acquista ora

Marinella Mondaini

Marinella Mondaini

Scrittrice, giornalista, traduttrice. Vive e lavora a Mosca

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

Gli "utili idioti" del sistema? di Leonardo Sinigaglia Gli "utili idioti" del sistema?

Gli "utili idioti" del sistema?

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

La Hybris umana e il miraggio della Pace di Giuseppe Masala La Hybris umana e il miraggio della Pace

La Hybris umana e il miraggio della Pace

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Tassare i ricchi di Michele Blanco Tassare i ricchi

Tassare i ricchi

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti