«Le dichiarazioni di Draghi servono solo all’Atlantico e non fanno gli interessi del popolo italiano»

«Le dichiarazioni di Draghi servono solo all’Atlantico e non fanno gli interessi del popolo italiano»

Intervista all'esperto di geopolitica turco Onur Sinan Güzaltan

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

«Le dichiarazioni del premier italiano Mario Draghi, in riferimento al presidente turco Recep Tayyip Erdogan, violano le più semplici regole di gestione interstatale e le regole del rispetto reciproco», così l’avvocato ed esperto di geopolitica turco, Onur Sinan Güzaltan, da noi sollecitato sulla questione commenta l’attacco improvvido portato da Mario Draghi al presidente turco Erdogan. 

Avevamo già realizzato un’intervista con Güzaltan - che figura anche tra gli esperti del think thank United World International - ma vista la tensione diplomatica innescata da Draghi abbiamo ritenuto opportuno verificare come la questione viene letta in Turchia. 

Quindi, a chi serve questo attacco?

«Questo tipo di dichiarazioni che minano la cooperazione italo-turca, che ha un grande potenziale per trasformare il Mediterraneo in un mare di amicizia e prosperità, servono solo all’Atlantico, e non fanno gli interessi del popolo italiano».

Un attacco frontale che tra l’altro arriva dopo una significativa apertura del nostro ambasciatore in quel di Ankara, come rileva Güzaltan: «L'ambasciatore italiano in Turchia ha rilasciato alcune dichiarazioni molto recenti, esprimendo il proprio sostegno alla normalizzazione turco-egiziana. Pertanto, un atteggiamento corretto non dovrebbe passare attraverso dichiarazioni inadeguate, ma attraverso passaggi che approfondiscono le opportunità di collaborazione». 

A seguire l’intervista realizzata all’esperto turco sugli ultimi accadimenti in Turchia.

La Turchia ha recentemente deciso di uscire dalla Convenzione di Istanbul. Ci può spiegare i motivi che hanno portato il governo turco a prendere questa decisione e quali sono le implicazioni concrete di questa decisione?

Il governo turco ha deciso di recedere dalla Convenzione di Istanbul, adducendo il motivo che questa è contraria alle tradizioni familiari turche ed in contraddizione con la legge turca. Tuttavia, ci sono stati molti errori legali durante l'attuazione di questa decisione; mentre il parlamento turco avrebbe dovuto essere l'autorità a decidere il destino della convenzione, è stato annunciato il ritiro con un improvviso decreto presidenziale. Pertanto, siamo di fronte a una decisione che contiene handicap molto cruciali.
Il codice civile turco è un insieme di leggi con una solida base giuridica, che protegge i diritti delle donne turche. La Convenzione di Istanbul, invece, è una convenzione internazionale di cui la Turchia è diventata la prima firmataria.
Considero che si tratti un'azione inerente la politica interna da parte del governo sollevare tali discorsi e discussioni politiche sulla convenzione.
Non credo che ci sarà alcun vantaggio per il sistema legislativo turco, in termini di principio di indipendenza.

Il partito HDP, accusato di essere sostanzialmente il braccio politico del PKK, potrebbe essere messo al bando. Quali sono le motivazioni che hanno portato a questa azione legale? Secondo lei la richiesta presentata dalla procura generale della Cassazione alla Corte Costituzionale turca ha basi legali solide e quindi il partito verrà messo al bando?

Vorrei innanzitutto sottolineare che il PKK e le sue controparti nella regione, come le YPG/PYD/PJAK, sono organizzazioni terroristiche che operano sotto il controllo statunitense e fungono da pedine dell'imperialismo che minaccia le integrità territoriali della Turchia, Iran, Siria e Iraq.
Il supporto politico, finanziario e logistico fornito dalle forze armate statunitensi a queste organizzazioni, è la più grande prova di questa situazione.
L'obiettivo principale, sarebbe quello di stabilire uno stato collaborazionista americano tra Turchia, Iran, Siria e Iraq e trasformare la regione in un centro di costante tumulto.
E per quanto riguarda l'HDP;
È l'ala legale dell'organizzazione terroristica PKK, che da circa 40 anni prende di mira l'integrità territoriale della Turchia.
E quando la struttura, i membri e le attività del partito vengono attentamente esaminati, si può facilmente vedere che il partito ha nomi associati all'organizzazione terroristica del PKK e che è stato il messaggero della retorica politica dell'organizzazione terroristica.
Questo partito ha usato i suoi mezzi, ottenuti attraverso le elezioni municipali soprattutto nelle province orientali della Turchia, per fornire supporto logistico e finanziario all'organizzazione terroristica.
In molte parti della Turchia, anche gli uffici provinciali e distrettuali di questo partito e altre associazioni e istituzioni/organizzazioni hanno operato come centro di reclutamento per quell'organizzazione terroristica.
Pertanto, il caso di chiusura dell'HDP è giustificato su prove e fatti reali, solidi e legali.
Tutti devono capire che c'è un caso di terrorismo, contro una struttura che agisce in nome dell'imperialismo, e non della democrazia.

In entrambi i casi gli Stati Uniti hanno espresso critiche nei confronti della Turchia. Al momento quali sono i rapporti tra l’amministrazione Biden e il governo turco?

Una delle politiche più importanti che rimane invariata anche quando cambiano le amministrazioni negli Stati Uniti, è la politica di destabilizzazione della Turchia attraverso le organizzazioni terroristiche e tenere sotto controllo Ankara.
Sfortunatamente, l'organizzazione Gladio controllata da USA/NATO si è infiltrata a tutti i nervi capillari dello Stato turco, da quando è diventato membro della NATO nel 1952.
L'infido tentativo di colpo di Stato pianificato dalla FETO il 15 luglio 2016, è il più grande esempio di questa situazione.
FETO è un'organizzazione terroristica che è stata per molti anni sotto la protezione e il patrocinio di molti Stati membri della NATO, e in particolare degli Stati Uniti.
Il fatto che il suo leader risieda ancora negli Stati Uniti e che alcuni dei suoi membri abbiano disertato negli Stati Uniti dopo il tentativo di golpe, ne sono la chiara evidenza.
Pertanto, non c'è dubbio che l'amministrazione Biden proteggerà questa organizzazione e i suoi simili.
Il loro atteggiamento nei confronti della questione HDP è molto naturale poiché l'HDP/PKK, proprio come il FETO, sono gli alleati degli Stati Uniti nella regione... Gli Stati Uniti proteggono i propri alleati assumendo tale atteggiamento.
D'altra parte, gli Stati Uniti stanno cercando di assumere il ruolo di cosiddetti "protettori dei diritti umani e dei diritti delle donne" riguardo alla questione della Convenzione di Istanbul. Tuttavia, il fatto che questo gioco di ruolo non significhi nulla di reale è ben noto anche a qualsiasi gruppo di opposizione ragionevole in Turchia.
È un fatto ben noto che l'imperialismo statunitense ha preso parte e/o sostenuto i giusti movimenti popolari e sociali per manipolarli dall'interno.
Mentre la Turchia si dirige verso l'Asia, sembra probabile che gli Stati Uniti aumenteranno le loro azioni anti-turche... E il modo corretto per respingerle sarebbe aumentare la cooperazione con i paesi vicini, mentre si muovono verso un'unità nazionale all'interno.

Martedì 6 aprile sono giunti in Turchia per incontrare il presidente Erdogan il presidente del Consiglio europeo Charles Michel e la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen. Perché in questa fase Bruxelles ha deciso di rilanciare il dialogo con Ankara? I dirigenti europei sono preoccupati dal fatto che la Turchia guardi sempre di più verso est?

Le relazioni tra la Turchia e l'Unione Europea si sono inasprite da molto tempo.
Il doppio standard dell'UE implicito nei confronti della Turchia e gli atteggiamenti aggressivi delle figure e dei gruppi filoatlantici all'interno dell'UE, è la ragione principale alla base di ciò.
Le relazioni politiche ed economiche tra la Turchia e gli Stati membri dell'UE possono sicuramente continuare su un terreno di parità, ma diffondere retoriche come la Turchia come membro dell'UE ecc. Non è altro che umorismo nero a questo punto.
Gli interessi turchi sono più nella cooperazione con i suoi vicini, in particolare con Russia, Iran, Iraq e con l'Azerbaigian.
Tuttavia, l'UE ha fissato questi paesi come obiettivi principali.
Mentre la Turchia sostiene una soluzione a due stati nell'isola di Cipro, l'UE definisce ancora la TRNC come una forza di occupazione sull'isola.
Mentre la Turchia sostiene una soluzione comune che tenga conto anche degli interessi di Ankara, l'UE si ostina a contenere la Turchia nel Golfo di Antalya, nel Mediterraneo orientale.
Gli interessi della Turchia e gli interessi dell'UE sono in contraddizione.
Tuttavia, ciò non impedisce la continuazione delle relazioni tra Ankara e Bruxelles su un terreno di parità.
E la nazione turca è stufa delle offerte che arrivano dall'UE a questo punto.

Passiamo all’economia. La Turchia ha deciso un cambio al vertice della Banca Centrale sostituendo Naci Agbal con Sahap Kavioglu. Così Kaviogli è diventato il quarto governatore della banca centrale della Turchia dal luglio del 2019. Perché questa nuova sostituzione? 

La Turchia sta attraversando una situazione difficile dal punto di vista economico. Le fluttuazioni costanti dei tassi di cambio e l'aumento dei tassi di interesse hanno destabilizzato e reso difficile la gestione della situazione economica.
Per comprendere meglio la situazione economica odierna, sarebbe meglio considerare queste tre principali dinamiche che sono fattori più critici, piuttosto che concentrarsi sulle riserve in valuta estera e/o sui governatori della Banca Centrale;

- Le operazioni politiche dal fronte atlantico
La Turchia ha recentemente accelerato i suoi passi allontanandosi dall'Atlantico e ha preso misure che hanno rafforzato la sua posizione in Eurasia. Nelle politiche di equilibrio dei poteri della Turchia, il peso ha cominciato a spostarsi verso l'Eurasia. E la rappresaglia che proviene dalle potenze atlantiche contro queste azioni, è stata quel tentativo di colpo di Stato pianificato dalla CIA il 15 luglio 2016, il sostegno alle organizzazioni terroristiche che minacciano direttamente la Turchia, come il PKK/PYD/YPG, e come abbiamo recentemente assistito, le operazioni economiche.
Pertanto, le azioni manipolative dal fronte atlantico, sono una delle tante componenti dell'attuale caos economico in Turchia.

- I problemi strutturali
Da quando è entrata a far parte della NATO nel 1952, la Turchia è diventata un paese che si è definito e formato secondo il sistema occidentale, non solo in termini politici e militari, ma anche nella sua economia. Ciò è stato ulteriormente rafforzato dal modello neoliberista implementato dopo il golpe militare del 1980.
Queste politiche, che erano ben integrate in Occidente e incentrate sul libero mercato e sulla privatizzazione, continuarono ad essere attuate intensamente, nel primo periodo del governo AKP. Non si può ancora parlare di un governo che sia riuscito a staccarsi da tutte queste politiche che sono state perseguite in quel periodo di cui sopra.
Sebbene la Turchia si stia orientando politicamente verso l'Asia oggi, la sua dipendenza economica dal sistema centrato sull'Occidente è ancora persistente.
E ad ogni passo che la Turchia compie per sbarazzarsi di queste catene, deve affrontare molte sfide economiche poiché non è pronta per un radicale rimodellamento strutturale.
La transizione verso un modello economico orientato alla produzione, le misure per nazionalizzare il mercato in termini economici e l'istituzione di cooperazioni commerciali con i paesi vicini, rappresentano le opzioni sulla strada della Turchia, come soluzioni per uscire dalla crisi.

- La crisi globale centrata sull'Occidente
È chiaro che c'è una recessione globale e la bolla del libero mercato è chiaramente scoppiata, dal 2008. Oggi, l'Occidente e le economie basate sull'Occidente sono in un grande abisso. Le rivolte popolari scaturite da ragioni economiche negli Stati Uniti e nei paesi europei sono il più grande esempio di questa situazione.
La crisi globale già esistente e in continua crescita è diventata ancora più dura con la pandemia di coronavirus in corso. Oggi siamo di fronte a un ordine neoliberista che è diventato quasi paralizzato. L'ondata di globalizzazione incentrata sull'Occidente e il suo sistema economico sono in un collasso totale.
E l'economia turca, che ha anche forti legami con questo sistema centralizzato, è stata colpita proprio come le sue controparti nel resto del mondo.
La soluzione per la Turchia contro questa crisi economica, sarebbe da trovare solo attraverso le politiche che fanno affidamento sul lavoro, e non sul capitale, e politiche basate sulla produzione piuttosto che sugli investimenti esteri a breve termine, oltre a migliorare la cooperazione con i paesi vicini.

Due importanti paesi del Mediterraneo come Egitto e Turchia sono tornati a parlarsi. Riusciranno a giungere a una normalizzazione delle relazioni? Un eventuale riavvicinamento di Egitto e Turchia gioverebbe anche ad altri paesi come l’Italia?

Oltre ad essere i due paesi più grandi del Mediterraneo orientale, la Turchia e l'Egitto, insieme all'Iran, sono gli stati più antichi e consolidati con solide tradizioni nella regione.
Purtroppo, le relazioni tra questi due paesi sono rimaste aspre dal rovesciamento del governo di Mohammed Morsi nel 2013.
Ma come hanno dimostrato i recenti sviluppi, entrambe le parti hanno la volontà di aprire un nuovo capitolo, piuttosto che rimanere bloccate nel passato.
Poiché l'Egitto ha compiuto passi in linea con gli interessi turchi nel Mediterraneo orientale, la richiesta di essere pronti per un dialogo con il Cairo e la sua leadership è arrivata da Ankara.
Queste chiamate sono state fatte al livello più alto, ed è nata la possibilità che le discussioni in corso a livello di agenzie di intelligence siano state rivolte a un livello di reciproci ministeri degli Esteri.
Le fonti dicono che i funzionari di entrambi i paesi si sono recentemente incontrati nella città di Sharm el-Sheikh, in Egitto.
Si tratta di uno sviluppo positivo, non solo a favore della Turchia e dell'Egitto, ma anche a favore dell'intera regione.
L'iniziativa congiunta di Turchia ed Egitto renderà anche più facile risolvere i problemi nel Mediterraneo orientale, nonché le crisi in Libia e in Palestina. So anche che i diversi gruppi in Libia e in Palestina attendono con impazienza questo riavvicinamento.
E per quanto riguarda l'Italia;
Molto importanti le dichiarazioni di Massimo Gaiani, ambasciatore italiano ad Ankara, che ha salutato come "positivo" questo processo di normalizzazione tra Turchia ed Egitto.
Finché rispetterà i diritti di Turchia ed Egitto, è chiaro che nasceranno molte nuove aree di cooperazione tra Ankara, Il Cairo e Roma.
Un terreno adatto per creare nuove opportunità di cooperazione, nel quadro del rispetto reciproco per gli affari interni e per gli interessi comuni sulla base di un principio vantaggioso per tutti, è alle porte.

Fabrizio Verde

Fabrizio Verde

Direttore de l'AntiDiplomatico. Napoletano classe '80

Giornalista di stretta osservanza maradoniana

Il servilismo di un paese praticamente fallito di Paolo Desogus Il servilismo di un paese praticamente fallito

Il servilismo di un paese praticamente fallito

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA di Giorgio Cremaschi 80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

Mosca condanna le azioni di Israele di Marinella Mondaini Mosca condanna le azioni di Israele

Mosca condanna le azioni di Israele

Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia di Thomas Fazi Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia

Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia

Caos in Rai per un servizio critico dell'Unione Europea di Gilberto Trombetta Caos in Rai per un servizio critico dell'Unione Europea

Caos in Rai per un servizio critico dell'Unione Europea

Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi di Pasquale Cicalese Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi

Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti