27 gennaio 1944: "Leningradskaia" e il trionfo dello spirito

27 gennaio 1944: "Leningradskaia" e il trionfo dello spirito

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Nora Hoppe

 

La Settima Sinfonia di Shostakovich fu scritta nel 1941, principalmente durante l'Assedio di Leningrado da parte delle forze naziste. Quando fu eseguita per la prima volta nella città devastata dalla guerra, il 9 agosto 1942 – dagli emaciati musicisti superstiti dell'Orchestra della Radio di Leningrado, integrati da esecutori militari, davanti a un pubblico affamato ma euforico – fu salutata come un faro universale di resistenza alla barbarie.

Il direttore d'orchestra, Karl Eliasberg, concluse che "in quel momento, abbiamo trionfato sulla macchina da guerra nazista senz'anima".

 

*   *   *

"In quella tranquilla mattina d'estate del 22 giugno 1941, mi stavo recando allo stadio di Leningrado per assistere alla mia partita di calcio domenicale preferita", scrisse Dmitri Dmitrievich Shostakovich, "ma il discorso radiofonico di Molotov mi trovò ad affrettarmi lungo la strada... La nostra fruttuosa e costruttiva esistenza era stata bruscamente spezzata!" L'invasione nazista della Russia aveva portato le orde di Hitler alle porte di Leningrado.

Proprio in quella data Adolf Hitler lanciò l'Operazione Barbarossa (il piano per l'invasione dell'Unione Sovietica)... Hitler era così sicuro di conquistare Leningrado e di annientare la sua popolazione che aveva già fatto stampare gli inviti per le celebrazioni della vittoria che si sarebbero tenute all'Hotel Astoria della città.

Secondo il piano tedesco per il fronte orientale, il compito originario della formazione strategica tedesca nota come Gruppo d'Armate Nord era quello di conquistare Leningrado entro la metà di settembre del 1941. Tuttavia, questo obiettivo si rivelò presto impossibile. La mobilitazione della popolazione civile per creare linee difensive nel sud della città – soprattutto donne, poiché gli uomini erano impiegati nelle fabbriche o dovevano andare al fronte – e la strenua resistenza dell'Armata Rossa impedirono ai tedeschi di prendere d'assalto la città.

Nel luglio 1941, Franz Alfred Six, capo del "Comando di Avanzamento a Mosca dell'Einsatzgruppe B", disse agli ufficiali militari tedeschi: "Hitler intende estendere il confine orientale del Reich fino alla linea Baku-Stalingrado-Mosca-Leningrado... emergerà una 'striscia infuocata' in cui sarà cancellata ogni forma di vita", disse, aggiungendo: "Si intende decimare circa 30 milioni di russi che vivono in questa striscia per fame, eliminando tutti i prodotti alimentari". Six disse agli uomini che Leningrado doveva essere "rasa al suolo" e che a tutti i tedeschi era "vietato, pena la morte, dare a un russo anche solo un pezzo di pane".

Sotto il comando del Feldmaresciallo Wilhelm Ritter von Leeb, il "Gruppo d'armate Nord" avanzò su Leningrado da sud, mentre le forze militari finlandesi erano stanziate a nord (la loro partecipazione al blocco consisteva principalmente nella riconquista delle terre perse nella Guerra d'Inverno). L'obiettivo era quello di accerchiare Leningrado, tagliando così tutte le comunicazioni con la città e impedendo ai difensori di ricevere rifornimenti. La politica tedesca della fame era l'arma principale da usare contro i cittadini; gli scienziati tedeschi avevano già calcolato che la città sarebbe arrivata alla fame dopo poche settimane.

*   *   *

Venerdì 27 giugno 1941, il Consiglio dei Deputati dell'amministrazione di Leningrado organizzò i "primi gruppi di risposta" di civili. Nei giorni successivi, la popolazione civile di Leningrado fu informata della minaccia nazista e oltre un milione di cittadini fu mobilitato per la costruzione di fortificazioni.

Il trentaquattrenne Shostakovich, che all'epoca dirigeva il dipartimento di pianoforte del Conservatorio di Leningrado, presentò tre domande per essere inviato nell'Armata Rossa e poi nella Milizia Popolare, ma fu rifiutato da entrambi per motivi medici – a causa della sua scarsa vista. Al compositore fu invece consigliato di "battere il nemico con l'arma che possedeva".

Ma Shostakovich insistette per partecipare alla difesa antiaerea e si arruolò volontario nella Guardia Nazionale di Leningrado. Insieme ad altri compagni, scavò trincee e fece la guardia durante i raid aerei notturni, arrangiando musica leggera da suonare al fronte. Il mese successivo fu riassegnato alla brigata antincendio del Conservatorio di Leningrado, dove fu fotografato in uniforme da pompiere, in piedi sul tetto del conservatorio.

Il 15 luglio 1941, spinto e galvanizzato dall'atmosfera minacciosa della guerra e dalla grande trepidazione che provava per la sua madrepatria e la sua amata città, Shostakovich iniziò a lavorare febbrilmente al primo movimento di una composizione che sarebbe diventata la sua settima sinfonia.

Il primo movimento della sinfonia fu scritto durante un incessante bombardamento della città. Shostakovich ha ricordato che: "Né i raid selvaggi, né gli aerei tedeschi, né l'atmosfera sinistra della città assediata potevano ostacolare il flusso. Lavoravo con un'intensità sovrumana che non avevo mai raggiunto prima."

Il 2 settembre, il giorno in cui i tedeschi intensificarono i bombardamenti sulla città, Shostakovich iniziò a lavorare al secondo movimento. Lavorando ad alta intensità, tra una corsa e l'altra verso il rifugio antiaereo più vicino, lo completò in due settimane.

 

L'8 settembre Leningrado fu chiusa nel fatidico assedio.

Il 16 settembre, il compositore fece una trasmissione radiofonica speciale (un estratto di questa trasmissione) per incoraggiare i soldati al fronte, dicendo: "Un'ora fa ho completato la seconda parte della mia nuova opera. Se riuscirò a completare la terza e la quarta parte di questa composizione, e se verrà bene, potrò chiamarla Settima Sinfonia... Nonostante le condizioni di guerra, nonostante il pericolo che minaccia Leningrado, ho scritto le prime due parti in un tempo relativamente breve. Perché ve lo racconto? Perché gli ascoltatori sintonizzati ora sappiano che la vita, il quotidiano nella nostra città è normale. Nonostante la minaccia di invasione, nella nostra città le cose vanno avanti come sempre. Tutti noi siamo soldati oggi, e coloro che lavorano nel campo della cultura e delle arti fanno il loro dovere come tutti gli altri cittadini di Leningrado... Musicisti sovietici, miei cari, numerosi compagni d'arme, miei amici! Ricordate che un grave pericolo incombe sulla nostra arte. Difendiamo la nostra musica, lavoriamo onestamente e disinteressatamente... Compagni, presto completerò la mia Settima Sinfonia. La mia mente è chiara e l'impulso a creare mi spinge a concludere la mia composizione. Poi tornerò in onda con il mio nuovo lavoro e aspetterò nervosamente il vostro severo e amichevole giudizio. Vi assicuro a nome di tutti i leningradesi, a nome di tutti coloro che lavorano nel campo della cultura e delle arti, che siamo invincibili e che siamo sempre al nostro posto... Vi assicuro che siamo invincibili".

La sera stessa Shostakovich aveva invitato diversi musicisti nel suo appartamento per ascoltare ciò che aveva scritto fino a quel momento. Dopo aver terminato il primo movimento, ci fu un lungo silenzio. Suonò un allarme aereo. Nessuno si mosse. Tutti volevano riascoltare il pezzo. Ma il compositore si assentò brevemente per accompagnare la moglie Nina e i figli Galina e Maxim al rifugio antiaereo più vicino. Quando tornò dai suoi ospiti, ripeté il primo movimento sotto gli scoppi delle bombe della Luftwaffe e del fuoco della contraerea e poi procedette a suonare il movimento successivo. Le reazioni profondamente emotive degli ospiti lo incoraggiarono a iniziare quella sera l'Adagio – la terza parte. Completò questo movimento il 29 settembre.

Dopo un mese di condizioni strazianti a Leningrado, a Shostakovich fu ordinato di evacuare la città. Inizialmente si oppose, ma Stalin era determinato a proteggere i beni più rinomati della cultura sovietica. Alla fine il compositore accettò di essere evacuato con la famiglia a Mosca e portò con sé i primi tre movimenti della sinfonia. In un articolo scritto l'8 ottobre, Shostakovich scrisse che la sua nuova composizione sarebbe stata una "sinfonia sulla nostra epoca, sul nostro popolo, sulla nostra guerra sacra e sulla nostra vittoria".

Con la stessa Mosca minacciata, gli artisti e le industrie russe furono trapiantati a est. Due settimane dopo il loro arrivo nella capitale, Shostakovich e la sua famiglia salirono su un treno, insieme ai compositori Aram Khachaturian e Dmitri Kabalevsky e ai membri del Teatro Bolshoi. La loro destinazione era la capitale temporanea Kuybyshev (oggi conosciuta come Samara sul Volga), oltre 600 miglia a est di Mosca. Lì la famiglia si stabilì in una suite di tre stanze con un pianoforte a coda.

Sconsolato dalla devastazione di cui era stato testimone a Leningrado e dai pericoli che ora incombevano su Mosca, Shostakovich si sentì paralizzato e non riuscì a concentrarsi creativamente per diverse settimane. Ma all'inizio di dicembre, quando l'Armata Rossa riuscì a respingere i tedeschi prima che potessero raggiungere Mosca, sperimentò una nuova esplosione di energia... e nel giro di due settimane portò la composizione a una conclusione trionfale, il 27 dicembre 1941.

Sul frontespizio della partitura fu apposta un'iscrizione: "Dedicato alla Città di Leningrado. Dmitrij Dmitrievich Shostakovich" e sulla pagina finale "27.XII.1941. Kuybyshev".

Concepita sulle rive della Neva e completata sulle rive del Volga, quest'opera musicale divenne la composizione musicale più leggendaria dell'intero periodo della Seconda Guerra Mondiale... per non parlare di un coronamento sociale e politica su scala mondiale.

*   *   *

Le condizioni di Leningrado durante gli 872 giorni di assedio furono atroci. Migliaia di soldati morirono di morte tremendi nel tentativo di difendere la città, mentre i suoi abitanti soccombevano a varie malattie o alla fame. La città era diventata un inferno, con cadaveri che disseminavano le strade, poiché poche persone potevano risparmiare le energie per dare loro una degna sepoltura. A febbraio, squadre speciali rimossero oltre 1.000 salme al giorno dalle strade. I testimoni oculari hanno raccontato di persone morte di freddo e di fame che giacevano nelle porte e nelle scale. "Giacevano lì perché la gente li aveva lasciati lì, come un tempo si lasciavano i neonati. Gli inservienti li spazzavano via al mattino come spazzatura. I funerali, le tombe, le bare sono stati dimenticati da tempo. Era un'inondazione di morte che non poteva essere gestita. Intere famiglie scomparvero, interi appartamenti con le loro famiglie collettive. Sparirono case, strade e quartieri."

Sui campi di battaglia, le temperature invernali rendevano impossibile scavare fosse nel terreno ghiacciato e i cadaveri rappresi venivano usati al posto dei tronchi di legno per rinforzare le pareti delle trincee e i tetti dei rifugi.

Secondo le statistiche ufficiali presentate al Processo di Norimberga, come riportato da RT, i bombardamenti e i bombardamenti incessanti sulla città uccisero un totale di 17.000 persone, mentre il freddo pungente e la carestia – pianificata dai tedeschi attraverso l'interruzione dei servizi, dell'acqua, dell'energia e delle forniture alimentari – causarono la morte di altre 632.000 persone. Nel frattempo, 332.000 soldati perirono. Inoltre, molti di coloro che erano stati evacuati (altri 1.400.000, soprattutto donne e bambini) morirono durante l'evacuazione a causa della fame e dei bombardamenti.

Lo storico Michael Walzer ha riassunto che "sono morti più civili nell'assedio di Leningrado che negli inferni modernisti di Amburgo, Dresda, Tokyo, Hiroshima e Nagasaki messi insieme". L'assedio di Leningrado costituisce l'assedio più letale della storia mondiale, e alcuni storici parlano delle operazioni di assedio in termini di genocidio, come di una "politica di fame a sfondo razziale" che divenne parte integrante della guerra di sterminio tedesca senza precedenti contro le popolazioni dell'Unione Sovietica in generale.

Un articolo intitolato "How Saint Petersburg survived the bloodiest blockade in human history" ["Come San Pietroburgo è sopravvissuta al blocco più sanguinoso della storia dell'umanità"] riporta che nell'ottobre del 2022 il Tribunale della città di San Pietroburgo ha finalmente riconosciuto l'assedio come genocidio. Il Presidente Vladimir Putin ha osservato nel novembre 2022: "Proprio di recente, anche il blocco di Leningrado è stato riconosciuto come un atto di genocidio. Era giunto il momento di farlo. Organizzando il blocco, i nazisti cercarono intenzionalmente di annientare i leningradesi, dai bambini agli anziani. Questo è confermato, come ho già detto, anche dai loro stessi documenti".

L'articolo prosegue descrivendo come il Presidente Putin, nato dieci anni dopo la fine dell'assedio di Leningrado, sia stato lui stesso direttamente colpito dalla tragedia: "All'inizio del blocco, il figlio di un anno e mezzo della madre di Vladimir Putin, Maria Ivanovna, fu portato via per l'evacuazione, ma non riuscì mai a lasciare la città. Secondo il resoconto ufficiale, il bambino, Viktor, è morto per una malattia. L'unica notifica ricevuta dalla madre fu un certificato di morte. Come ha detto lo stesso leader russo, la madre è riuscita a sopravvivere solo grazie al fatto che suo marito, il padre di Putin, era stato ferito al fronte e aveva ricevuto razioni maggiorate, che passava alla moglie durante le sue visite quotidiane all'ospedale. Questo andò avanti fino a quando non svenne per la fame e i medici, che capirono cosa stava accadendo, vietarono ulteriori visite. Dopo aver lasciato l'ospedale con le stampelle e una gamba frantumata, assistette la moglie, che aveva smesso di camminare per la debolezza. Vladimir Spiridonovich aveva combattuto sulla testa di ponte della Neva". È sulla testa di ponte della Neva che "aveva avuto il tallone e la caviglia frantumati da una granata, aveva dovuto attraversare il fiume a nuoto ed era riuscito a raggiungere la riva destra solo con l'aiuto di un compagno d'armi".

*   *   *

Poche composizioni importanti sono state eseguite in circostanze così spietate come la Sinfonia n. 7 di Dmitri Shostakovich. Al culmine degli orrori dell'assedio, il direttore d'orchestra Karl Eliasberg ricevette l'ordine di iniziare le prove della Settima Sinfonia di Dmitri Shostakovich con l'Orchestra della Radio di Leningrado. La città era stata assediata per così tanto tempo che, dei 40 membri originari dell'Orchestra della Radio di Leningrado, solo 15 erano rimasti in città, gli altri erano morti o stavano combattendo al fronte. Fu necessario dare un ordine ai soldati al fronte, chiedendo a chiunque avesse capacità musicali di unirsi all'orchestra. In questo modo, la formazione della sinfonia unì e ispirò la popolazione di Leningrado e dimostrò che il popolo di Leningrado non si sarebbe mai arreso ai suoi nemici.

Durante il secondo inverno dell'Assedio, con temperature invernali inferiori ai 30 gradi centigradi e senza elettricità né riscaldamento, il pianista dell'orchestra Alexander Kamensky si teneva le mani calde ponendo due mattoni roventi su entrambi i lati del pianoforte per irradiare un po' di calore. Il direttore d'orchestra Karl Eliasberg era così debole da dover essere portato alle prove su una slitta.

L'oboista Ksenia Mattus, una sopravvissuta, aveva dovuto portare il suo strumento a un artigiano per ripararlo, poiché alcune parti si erano decomposte dopo il primo inverno dell'Assedio. Come pagamento, l'artigiano le aveva chiesto se poteva trovargli un "micio" – per il suo prossimo pasto.

La flautista Galina Lelukhina, un'altra sopravvissuta, ricorda: "Quando ho sentito l'annuncio alla radio ho preso il mio flauto sottobraccio e sono andata. Sono entrata e ho visto Karl Ilyich Eliasberg, con un aspetto distrofico. Mi disse: 'Non andare più in fabbrica. Ora lavorerai nell'orchestra.' All'inizio eravamo pochi. Alcuni venivano portati in slitta, altri camminavano con un bastone."

La prima prova, il 30 marzo 1942, durò venti minuti perché tutti erano troppo deboli ed esausti per continuare. L'oboista Ksenia Mattus paragonò la mano del direttore d'orchestra a "un uccello ferito che cade dal cielo".

I membri dell'orchestra non solo dovevano lottare per procurarsi il cibo ogni giorno, ma dovevano anche affrontare la morte straziante dei loro cari.

Poiché la maggior parte dei musicisti sopravvissuti soffriva di fame, le prove erano difficili: molti crollavano spesso durante le prove e tre morirono addirittura in quel periodo. Alla fine, l'orchestra riuscì a provare la sinfonia fino in fondo solo una volta prima del concerto.

Finalmente arrivò il grande giorno, e i musicisti semi-affamati e il loro strenuo direttore Eliasberg si riunirono nella Grande Sala della Filarmonia di Leningrado il 9 agosto 1942 per la grande prima.

 

L'esecuzione della Settima Sinfonia di Shostakovich fu simbolica sotto molti aspetti. Hitler aveva organizzato un banchetto all'Hotel Astoria il 9 agosto 1942, proprio il giorno della prima di Leningrado. Ma non solo i tedeschi non erano riusciti a entrare in città, nessun raid aereo tedesco interruppe l'esecuzione e quella sera non cadde nemmeno una bomba sulla Grande Sala Filarmonica, nonostante l'edificio fosse illuminato.

"Non c'erano tende e la luce dall'interno della sala si riversava dalle finestre nella notte", ha ricordato il trombonista Viktor Orlovsky. "Le persone tra il pubblico strizzarono gli occhi perché non erano più abituate alle luci elettriche. Tutti erano vestiti con i loro abiti migliori e alcuni avevano anche i capelli acconciati. L'atmosfera era così festosa e ottimista che sembrava una vittoria."

L'esibizione fu trasmessa dagli altoparlanti lungo tutto il perimetro della città – sia per rincuorare il popolo russo sia per comunicare ai tedeschi che la resa era fuori questione.

Per il concerto venivano posizionate sedie vuote nell'orchestra in rappresentanza di quei musicisti che erano morti prima che l'esibizione potesse avere luogo.

"Le sale erano sempre piene, ad ogni esibizione, il che mi sembrava straordinario", ha ricordato il trombonista Viktor Orlovsky. "Durante il periodo più duro dell'assedio, quando la razione giornaliera della gente era scesa a 125 grammi di pane, alcuni scambiavano il loro pasto quotidiano con un biglietto per il nostro concerto." Molti leningradesi che non avevano una radio a casa si riunivano per strada per ascoltare la musica orchestrale proveniente dagli altoparlanti. Era un'affermazione, un'opportunità per elevarsi al di sopra della propria debolezza fisica, della paura e della fame.

 

 

Il 9 agosto 1942 fu "il giorno della vittoria in tempo di guerra", come lo descrisse la celebre poetessa leningradese Olga Berggolts, una delle sopravvissute al blocco.

Olga Prut, direttrice di "Le Muse non tacevano", una mostra del museo di San Pietroburgo incentrata sulle arti durante l'assedio, ha affermato che il fenomeno di quella colossale dedizione alle arti durante il blocco era molto più di una semplice distrazione dalle paure, dalla fame e dalla solitudine.

"Nessuno ascolta la musica con la stessa profondità di chi è vicino alla morte... La musica opera una trasformazione miracolosa su un prigioniero del campo di concentramento o su un malato senza speranza, trasformando lo schiavo in un uomo libero. È una rinascita emotiva."

Molti anni dopo la fine della guerra, il direttore d'orchestra Eliasberg fu avvicinato da un gruppo di turisti tedeschi che erano stati dall'altra parte delle barricate e che avevano ascoltato la sua orchestra eseguire la Settima Sinfonia di Shostakovich. Erano venuti appositamente per dire al direttore d'orchestra che allora, il 9 agosto 1942, avevano capito che non avrebbero mai preso Leningrado. Perché, dicevano, c'era un fattore più importante della fame, della paura e della morte. Era la volontà di rimanere umani.

Tatiana Vasilyeva, sopravvissuta all'assedio e spettatrice di quella leggendaria esibizione, ricorderà in seguito: "Quando sono entrata nella sala, le lacrime mi hanno riempito gli occhi, perché c'erano così tante persone, tutte in uno stato di euforia. Abbiamo ascoltato con grande emozione, perché avevamo vissuto tutti per questo momento: venire alla Sala Filharmonica, per ascoltare questa sinfonia. Questa era una sinfonia vivente, quella che abbiamo vissuto noi. Questa era la nostra sinfonia. La Leningradskaia..."

*   *   *

Quest'opera appassionata denuncia i crimini della guerra e celebra la nobile lotta contro il male e le persone che perseverano di fronte alle avversità. Commentando il movimento finale della sua sinfonia, "Vittoria", Dmitri Dmitrievich Shostakovich disse: "La mia idea di vittoria non è qualcosa di brutale; si spiega meglio come la vittoria della luce sulle tenebre, dell'umanità sulla barbarie, della ragione sulla reazione."

Questa lotta continua ancora oggi.

 

*    *    *    *    *

"La settima sinfonia di Shostakovich"

Questo breve video contiene: estratti di Valery Gergiev che dirige la 6ª e la 7ª sinfonia di Shostakovich; filmati dell'Assedio/Blocco; Dmitrij Shostakovich che parla brevemente e suona parte del primo movimento della Settima Sinfonia (nel 1941); dichiarazioni dei colleghi di Shostakovich e dei sopravvissuti all'Assedio.

(Shostakovich – Simfonia n. 7 "Leningradskaia")

*   *   *   *   *

 

Alcuni riferimenti:

https://www.philharmonia.spb.ru/en/afisha/7symphony/timeline/

https://archive.ph/20130417144817/http://sptimes.ru/index.php?action_id=2&story_id=12054#selection-521.232-521.405

https://web.archive.org/web/20230118133950/https://www.rt.com/russia/570004-salvation-from-genocide-leningrad-seige/

https://www.rt.com/russia/570004-salvation-from-genocide-leningrad-seige/

https://russianlife.com/the-russia-file/music-defeats-war/

https://www.classicfm.com/composers/shostakovich/guides/story-behind-shostakovich-leningrad-symphony/

http://www.researchhistory.org/2011/03/10/leningrad-bolshoi-symphony-orchestra/ – "Siege memories" by Galina Stolyarova – staff Writer Alexander Belenky / The St. Petersburg Times

https://soviethistory.msu.edu/1943-2/900-days/900-days-texts/this-is-radio-leningrad/

 

 

Nora dell'autrice:

 

In occasione della fine dell'Assedio di Leningrado... 27 gennaio 1944. Questo saggio contiene parti di un contributo che avevo scritto per questa rubrica lo scorso aprile sulla Settima Sinfonia di Shostakovich… ma in occasione del "79° Anniversario della Fine dell'Assedio di Leningrado", ho ampliato notevolmente il testo per dare un senso maggiore a quello che è stato questo Assedio, come  hanno sofferto gli abitanti di Leningrado, di come l'opera "Leningradskaia" ha colpito la popolazione… e infine quello che ha portato allo straordinario trionfo del popolo russo/sovietico.

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista di Francesco Erspamer  Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

L'IRA Usa si abbatte sulla dormiente Europa di Paolo Desogus L'IRA Usa si abbatte sulla dormiente Europa

L'IRA Usa si abbatte sulla dormiente Europa

Sa(n)remo arruolati in guerra di Giorgio Cremaschi Sa(n)remo arruolati in guerra

Sa(n)remo arruolati in guerra

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?   di Bruno Guigue Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Terremoto in Siria. Via le sanzioni o almeno tacete di Alberto Fazolo Terremoto in Siria. Via le sanzioni o almeno tacete

Terremoto in Siria. Via le sanzioni o almeno tacete

L'(ancien) Regime di Antonio Di Siena L'(ancien) Regime

L'(ancien) Regime

PNRR. Le gravi bugie (per omissione) della Corte dei Conti di Gilberto Trombetta PNRR. Le gravi bugie (per omissione) della Corte dei Conti

PNRR. Le gravi bugie (per omissione) della Corte dei Conti

Come Londra trama per l'eliminazione di Saif Gheddafi di Michelangelo Severgnini Come Londra trama per l'eliminazione di Saif Gheddafi

Come Londra trama per l'eliminazione di Saif Gheddafi

I Sonnambuli di oggi  di Giuseppe Masala I Sonnambuli di oggi

I Sonnambuli di oggi

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente di Damiano Mazzotti Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente