Leopard, Lula blocca la vendita di munizioni alla Germania perché sarebbero finite in Ucraina

Leopard, Lula blocca la vendita di munizioni alla Germania perché sarebbero finite in Ucraina

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Il presidente brasiliano Luiz Inácio Lula da Silva ha rifiutato di fornire alla Germania munizioni per carri armati che Berlino intendeva consegnare all'Ucraina. La decisione sarebbe stata presa il 20 gennaio durante una riunione con i vertici delle forze armate del Paese e il Ministro della Difesa José Múcio, secondo quanto riporta il quotidiano Folha de S.Paulo.

Secondo fonti informate sui fatti, il comandante dell'esercito brasiliano, Julio César de Arruda, poi licenziato, spiegò a Lula che il governo tedesco avrebbe pagato poco meno di cinque milioni di dollari per una partita di munizioni per i suoi carri armati Leopard-1. Tuttavia, il presidente avrebbe scelto di rifiutare l'offerta, sostenendo che "non valeva la pena provocare i russi", secondo quanto riportato dal quotidiano brasiliano.

Il rifiuto di Lula segue quello del suo omologo colombiano Gustavo Petro che ha negato la cessione di armi di produzione russa presenti negli arsenali di Bogotà agli Stati Uniti. Washington aveva poi intenzione di cedere le armi colombiane al regime di Kiev. 

Al contrario di quanto accade in quella colonia dove spadroneggiano USA e Nato, conosciuta come Europa, i leader latinoamericani mostrano schiena dritta e rifiutano di coinvolgere i propri paesi e popoli nella guerra per procura scatenata dalla NATO contro la Russia. 

Mosca ha ancora una volta ribadito che la fornitura di armi al regime di Kiev viene considerato dalla Russia un coinvolgimento bellico diretto. 

Tornando a Lula, se qualche ‘sbadato’ osservatore credeva che il presidente brasiliano sarebbe stato una sorta di fantoccio in mano a Biden, le prime mosse dell’ex sindacalista brasiliano hanno completamente smentito questa fallace previsione. 

Lula crede fortemente in un mondo multipolare e lavora in tal senso in concerto con gli altri leader socialisti e progressisti latinoamericani.  

Fabrizio Verde

Fabrizio Verde

Direttore de l'AntiDiplomatico. Napoletano classe '80

Giornalista di stretta osservanza maradoniana

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito di Geraldina Colotti Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse di Clara Statello La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Israele arranca – Salvo Ardizzone di Giacomo Gabellini Israele arranca – Salvo Ardizzone

Israele arranca – Salvo Ardizzone

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO) di Michelangelo Severgnini "L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza di Michele Blanco Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza

Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti