Libia, le 685 mila bugie (in prima pagina) del Corriere

Libia, le 685 mila bugie (in prima pagina) del Corriere

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

MILIZIE LIBICHE-MIGRANTI: NESSUNA CORRELAZIONE (LA MENZOGNA SU CUI MELONI E ONG SONO D'ACCORDO)

LI CHIAMANO "SCAFISTI", MA SONO LE SOLITE MILIZIE CHE FINANZIAMO DA 12 ANNI CONTRO IL POPOLO LIBICO A IMBARCARE I MIGRANTI

E poi arriva il Corriere della Sera!

"Quanti sono i migranti in Libia?", si saranno chiesti in redazione. 

Quasi 700mila, è lo stesso numero da anni.

Sono quasi tutti in Tripolitania a fare da schiavi alle milizie, in quel 20% di Libia ancora fuori controllo, Tripoli e dintorni, dove si trovano tutti i famigerati centri di detenzione. 

In quel 20% di Libia governato dal governo illegittimo che l'Europa sostiene al fine del saccheggio del petrolio. 

"Che vorranno fare?", si saranno domandati di nuovo al Corriere.

"Saranno tutti pronti a partire!", si sono risposti.

Bravi. Solo che sono schiavi, sono di proprietà delle milizie, se partissero anche solo 100-200 mila di loro si fermerebbe l'economia in Tripolitania, ormai da anni retta dal lavoro forzato non retribuito dei neri africani in trappola.

Certo, il sogno era venire in Europa. Per quasi tutti di loro.

Ma anche volendo, i gommoni sgonfi su cui sono imbarcati non raggiungono le coste italiane, affondano prima, se nessuno interviene.

Allora, come le porti 685 mila persone con la spola "gommone sgonfio+Ong"? 

Negli anni in cui la catena funzionava a pieno regime, ne sono arrivati al massimo 180mila all'anno.

L'anno scorso, ad esempio, solo 30mila.

Cosa dunque sta cercando di dirci il Corriere?

Con lo spettro dell'invasione giustificheremo l'imminente nuova militarizzazione del Mediterraneo (a scopo bellico, i migranti non c'entrano nulla).

E con l'opportunità dell'accoglienza e dei migranti-schiavi risorsa per l'economia nazionale giustificheremo tutti gli sbarchi possibili.

Un dividendo da una parte, una lacrimuccia dall'altra.

Il Corriere della Sera, maestro in schizofrenia, dà il via alla tragicommedia.

Il canovaccio è quello.

Il filone non si discosta dal modello inaugurato nel 2011.

Nessuna correlazione tra le milizie che la Meloni (al pari dei suoi predecessori) finanzia e la tratta di esseri umani.

Infatti ora la destra di governo li chiama "scafisti".

No, si chiamano milizie e le finanziamo noi per occupare la Tripolitania e continuare a saccheggiare il petrolio libico.


--------------

COMPRA L'URLO: SCHIAVI IN CAMBIO DI PETROLIO

Michelangelo Severgnini

Michelangelo Severgnini

Regista indipendente, esperto di Medioriente e Nord Africa, musicista. Ha vissuto per un decennio a Istanbul. Ora dalle sponde siciliane anima il progetto "Exodus" in contatto con centinaia di persone in Libia. Di prossima uscita il film "L'Urlo"

Una rosa bianca in onore di José Martí di Geraldina Colotti Una rosa bianca in onore di José Martí

Una rosa bianca in onore di José Martí

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

 COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA di Leonardo Sinigaglia  COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico" di Marinella Mondaini FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa di Giuseppe Masala Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa

Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti