World Affairs/Lo «spettacolo meraviglioso da vedere» di Hong Kong si sta diffon...

Lo «spettacolo meraviglioso da vedere» di Hong Kong si sta diffondendo negli Stati Uniti

 

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.


di Hu Xijin - Global Times



La portavoce della Camera degli Stati Uniti Nancy Pelosi una volta ha definito le violente proteste di Hong Kong "uno spettacolo meraviglioso da vedere". Ora, lo “spettacolo meraviglioso” si sta estendendo da Hong Kong a una dozzina di Stati degli USA. I politici statunitensi ora possono godere di questo spettacolo dalle loro stesse finestre. Parecchi posti negli Stati Uniti stanno assistendo a manifestanti che hanno dato fuoco alle stazioni di polizia, devastato negozi, bloccato strade, attaccato luoghi e distrutto varie strutture pubbliche, come se i ribelli radicali di Hong Kong si fossero in qualche modo infiltrati negli Stati Uniti e creato un casino come hanno fatto l'anno scorso a Hong Kong.

 

Una domanda veloce per Pelosi e il Segretario di Stato Mike Pompeo: il governo cinese e il Congresso Nazionale del Popolo dovrebbero rilasciare una dichiarazione a sostegno delle proteste degli afroamericani e sulle basi della società statunitense? Sembra essere quello che Pechino dovrebbe fare secondo la logica di Washington che incoraggia i rivoltosi di Hong Kong. Altrimenti, se la Cina non supporta le proteste negli Stati Uniti, come potrebbe continuare a giocare la sua carta di Hong Kong? Dopotutto, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha appena annunciato venerdì di imporre sanzioni contro la Cina per gli affari di Hong Kong.

 

Trump ha avuto davvero il coraggio di fare l'annuncio quando un gruppo di furiosi cittadini di Washington si stavano precipitando verso la Casa Bianca, il che ha spaventato le persone all'interno del palazzo, che li ha portati a erigere un blocco di emergenza.

 

Washington deve aver fallito nell'anticipare che la punizione potesse arrivare così in fretta. Dovrebbe pensarci però. La discriminazione razziale e la disuguaglianza sociale negli Stati Uniti sono sempre state gravi. Guardate quanti poveri appartenenti alle minoranze etniche sono morti per via del nuovo coronavirus. Le probabilità di scoppi di rivolte negli Stati Uniti sono molto più alte di quanto non lo siano in Cina. In che modo i politici di Washington potrebbero definire pubblicamente i disordini in altri paesi? È stupido farlo semplicemente perché vogliono attaccare la Cina. Aspettiamo e vediamo in quale paese ci sarà più caos.

 

Il sistema politico statunitense è declinante. Peggio ancora, il processo sta accelerando, mentre gli Stati Uniti non hanno mostrato forza per attuare riforme sostanziali. I rancori popolari restano inascoltati. Dal momento che le loro difficoltà difficilmente possono essere risolte, quelle persone non hanno altra alternativa che ricorrere a modi estremi per sfogare la loro rabbia.

 

La nuova pandemia di coronavirus ha portato impatti fondamentali nel paese, gli Stati Uniti sembrano essere diventati sempre più incapaci di calmare l'indignazione dal profondo della società. I politici statunitensi non hanno più bisogno di godere dello “spettacolo meraviglioso” da molto lontano, lo vedranno nelle loro stesse città e si ritroveranno nel bel mezzo dello "spettacolo meraviglioso" quando non lo vedranno arrivare.

 

L’autore è direttore del Global Times

 

(Traduzione de l’AntiDiplomatico)

Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa