Lula, Arce e Díaz-Canel: la voce unica dell'America Latina all'Onu per un nuovo ordine mondiale

Lula, Arce e Díaz-Canel: la voce unica dell'America Latina all'Onu per un nuovo ordine mondiale

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Dalla tribuna delle Nazioni Unite è risuonata forte la voce dei leader dell’America Latina che sono intervenuti in seno all’Assemblea Generale a New York. 

Lula è tornato alle Nazioni Unite, dopo 14 anni di assenza, e ha lanciato l’allarme sulla minaccia neofascista al mondo. "Il neoliberismo ha aggravato la disuguaglianza economica e politica che oggi affligge le democrazie. In mezzo alle macerie, emergono avventurieri di estrema destra che negano la politica". È urgente "rompere la dissonanza tra la voce dei mercati e quella delle strade".

Approfittando della disperazione di una moltitudine di "diseredati ed esclusi", sostiene Lula, gli estremisti propugnano un "nazionalismo primitivo, conservatore e autoritario".

Probabilmente Lula faceva riferimento al suo predecessore Jair Bolsonaro e all'ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump, ma nel suo mirino vi era con ogni probabilità anche l’argentino Javier Milei che promette dollarizzazione e macelleria sociale in Argentina. 

"La disuguaglianza deve ispirare l'indignazione, l'indignazione per la fame, l'indignazione per la povertà, la guerra, la mancanza di rispetto per gli esseri umani", ha dichiarato all'apertura della 78ª Assemblea delle Nazioni Unite. Il fondatore del Partito dei Lavoratori (PT) che intende lanciare una campagna globale contro l'esclusione e la fame dalla sua posizione di capo del G20 a partire da dicembre di quest'anno. È un progetto che ha delineato anni fa, prima di essere ri-eletto nella contesa elettorale del 2022, e di cui ha parlato due volte con Papa Francesco in Vaticano.

Se la crisi del 2008 ha innescato una spirale di concentrazione della ricchezza e del potere, la pandemia di coronavirus del 2020 ha esacerbato questa tendenza. La portata di questa calamità è riassunta in un paio di dati citati oggi dal presidente: “I primi dieci miliardari del mondo hanno più ricchezza del 40% più povero della popolazione mondiale".

Nel suo discorso di 21 minuti, il tre volte presidente e due volte prigioniero politico - negli anni '80 durante la dittatura e nel 2018 per una condanna politica e infondata nel caso Lava Jato - si è fatto portavoce del Sud globale denunciando che il FMI sottomette i Paesi africani ed è generoso con i Paesi ricchi. La "rappresentanza diseguale e distorta nella gestione del FMI e della Banca Mondiale" è "inaccettabile", ha denunciato Lula.

Per questo, di fronte agli abusi e alla "deregolamentazione" del mercato globale, sono nati i "BRICS, una piattaforma strategica per promuovere la cooperazione tra i Paesi emergenti". da cui "si rafforza la lotta per un ordine che combini la pluralità economica, geografica e politica del XXI secolo".

In questa 78ª Assemblea, Lula è l'unico membro di peso dei BRICS, data l'assenza dei presidenti Xi Jinping della Cina e Vladimir Putin della Russia, nonché del primo ministro indiano Narendra Modi.

Lula ha ricordato che al recente vertice di Johannesburg, in Sudafrica, il gruppo dei Paesi emergenti BRICS si è "allargato" da cinque a undici membri. Tra i nuovi membri c'è l'Argentina, il cui ingresso è stato promosso dal Brasile per rafforzare la presenza dei membri del Mercosur.

Una tradizione che risale alla creazione dell'ONU stabilisce che il presidente brasiliano si rivolga per primo all'Assemblea, seguito dal presidente statunitense. A causa di questo protocollo, i leader di questi Paesi si incrociano spesso nei corridoi del palazzo. È quanto accaduto nel settembre 2019, quando Jair Bolsonaro ha salutato il collega Donald Trump con la frase "Ti amo".

Il periodo del presidente-militare all'ONU è ricordato per questa dimostrazione di genuflessione nei confronti di Washington. Una delle premesse con cui invece Lula si è presentato per l'ottava volta all'ONU (sette nei suoi primi due governi) era quella di dimostrare che il Brasile si è lasciato alle spalle l'isolazionismo del bolsonismo e vuole recuperare credibilità internazionale. Prima di sbarcare a New York, in soli nove mesi di governo, il leader del PT ha visitato 21 Paesi e incontrato cinquanta presidenti.

Per questo, all'inizio del suo discorso di martedì, ha detto: "Se oggi torno qui nella condizione onorevole di presidente, è grazie alla vittoria della democrazia nel mio Paese".


Il presidente boliviano Arce: "La crisi del capitalismo mette a rischio l'umanità e l'esistenza stessa del pianeta"

Il Presidente della Bolivia, Luis Arce, nel suo intervento alla 78ª sessione dell'Assemblea Generale delle Nazioni Unite (ONU), ha incentrato il discorso sul "ripristino della fiducia e la riattivazione della solidarietà" sulle azioni che gli Stati devono intraprendere per rispettare l'Agenda 2030.

All'inizio del suo discorso, il leader boliviano ha lamentato che la "crisi capitalista", da lui denunciata un anno fa nel precedente dibattito all'Assemblea Generale delle Nazioni Unite, continua a mettere a rischio "l'umanità e l'esistenza stessa del pianeta".

"Il sistema capitalista, nella sua smania di imporre la sua decadente egemonia, replica pratiche di dominazione e sfruttamento coloniale che dovrebbero già essere superate", ha detto Arce, che ha partecipato per la terza volta all'Assemblea Generale delle Nazioni Unite.

Il leader boliviano ha aggiunto che nonostante dal seno dell'ONU siano emerse molte "brillanti proposte" per avanzare verso un nuovo ordine mondiale, dove ci sia più uguaglianza, queste "sono state ignorate o semplicemente tralasciate da interessi funzionali al selvaggio sistema di sfruttamento capitalista", che mette la vita degli esseri umani e l'esistenza del pianeta al di sopra di tutto.

In questo senso, il presidente sudamericano ha avvertito che, secondo le analisi degli esperti, il sistema capitalista imperante ha portato il mondo a superare "sei dei nove limiti planetari" in cui l'umanità e la madre terra hanno la possibilità di svilupparsi e prosperare.

Arce ha sottolineato che di fronte all'attuale "situazione tragica", che "è peggiorata ancora di più durante gli ultimi decenni di unipolarismo e unilateralismo dell'inazione e degli impegni non mantenuti", il mondo cerca ora di risolvere "le sfide pendenti" attraverso una "nuova configurazione internazionale", dove la grande maggioranza dei Paesi è "convinta" della necessaria "costruzione di un nuovo ordine mondiale".

Questo nuovo ordine globale, ha detto, si basa su un mondo "con uguali diritti e doveri, senza imposizioni di alcun tipo, senza padroni o schiavi, senza doppi standard per misurarsi a vicenda, senza sanzionatori o sanzionati". Un nuovo ordine in cui la solidarietà, la complementarietà e la collaborazione prevalgono sull'egoismo e la meschinità".

Per procedere su questa strada, ha aggiunto, la Bolivia propone sette idee e approcci per creare un mondo più equo e giusto. Tra questi punti, ha detto Arce, ci sono la dichiarazione del mondo come territorio di pace, la fine della corsa agli armamenti e la priorità al "dialogo sincero e alla diplomazia dei popoli per risolvere i conflitti armati".

In secondo luogo, ha affermato che "è necessario rompere al più presto l'ingiusto ordine internazionale" che grava sui popoli e discutere in seno alle Nazioni Unite per costruire un nuovo patto per il futuro. In questo senso, ha detto, è essenziale "eliminare la povertà e la disuguaglianza", così come raggiungere gli obiettivi "in modo giusto ed equo, con tutti e per tutti, e senza imposizioni politiche o finanziarie".

Come terzo punto, ha aggiunto, "è necessario e urgente cambiare il sistema capitalista", che in tempi di neoliberismo "moltiplica e riproduce le forme di dominio, sfruttamento ed esclusione delle grandi maggioranze".

Nei punti successivi, Arce ha auspicato di affrontare la crisi climatica con una soluzione alternativa al colonialismo e al capitalismo, "per vivere in armonia con la natura", fornendo sicurezza alimentare ed economica ai popoli, garantendo i diritti umani delle donne e di altre minoranze, e sradicando dal sistema internazionale l'attuazione di sanzioni e misure coercitive unilaterali, che "sono il segno di un sistema disfunzionale e lontano dal diritto internazionale e dal multilateralismo".

"Un chiaro esempio di queste misure è il blocco economico e finanziario illegale, disumano e criminale imposto dagli Stati Uniti contro Cuba. Le restrizioni imposte hanno ostacolato l'accesso al cibo, alle medicine e ad altri beni di base, generando sofferenza umana, con un impatto sull'economia e sullo sviluppo", ha commentato Arce, che ha anche condannato l'inclusione dell'isola caraibica nella lista dei paesi promotori del terrorismo.

"Queste misure sono contrarie alla Carta delle Nazioni Unite e al mandato del Consiglio di Sicurezza, e pertanto non hanno alcun sostegno o validità ai sensi del diritto internazionale. Peggio ancora, colpiscono gravemente il diritto allo sviluppo del popolo cubano".


Il presidente cubano sottolinea la necessità di cambiare l'attuale ordine internazionale

Il presidente di Cuba, Miguel Díaz-Canel Bermúdez, nel suo discorso ha sottolineato l'urgenza di "un nuovo e più equo contratto globale".

Díaz-Canel ha parlato a nome del gruppo G77 e della Cina, di cui Cuba detiene la presidenza pro tempore quest'anno. Ha chiesto una profonda trasformazione dell'attuale architettura finanziaria internazionale e la fine delle misure coercitive unilaterali.

Il presidente ha fatto riferimento agli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDGs) e all'Agenda 2030. A questo proposito, ha affermato che "a soli sette anni dalla scadenza fissata per la realizzazione dell'auspicata Agenda 2030, le prospettive sono scoraggianti. Questa augusta istituzione lo ha già riconosciuto: al ritmo attuale, nessuno dei 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile sarà raggiunto e più della metà dei 169 obiettivi concordati saranno mancati".

Ha fatto riferimento ai risultati del recente vertice dei capi di Stato e di governo del G77 e della Cina all'Avana e alla necessità di un cambiamento che unisca le nazioni del Sud. "Per due giorni, praticamente senza sosta, più di 100 rappresentanti delle 134 nazioni che compongono il Gruppo hanno alzato la voce per chiedere cambiamenti non più rinviabili nell'ingiusto, irrazionale e abusivo ordine economico internazionale, che ha approfondito, anno dopo anno, le enormi disuguaglianze tra una minoranza di nazioni altamente sviluppate e una maggioranza che non riesce a superare l'eufemismo di "nazioni in via di sviluppo"", ha affermato il leader cubano.

Díaz-Canel ha anche denunciato che l'attuale architettura finanziaria internazionale "è stata progettata per trarre profitto dalle riserve del Sud, perpetuare un sistema di dominio che aumenta il sottosviluppo e riprodurre un modello di colonialismo moderno".

Il presidente cubano ha avvertito che "nel XXI secolo, offende la condizione umana il fatto che quasi 800 milioni di persone soffrano la fame in un pianeta che produce abbastanza per sfamare tutti; o che nell'era della conoscenza e dello sviluppo accelerato delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione, più di 760 milioni di persone, due terzi delle quali donne, non sappiano leggere o scrivere".

Allo stesso modo, ha sottolineato che gli sforzi dei Paesi in via di sviluppo "devono essere sostenuti da azioni concrete per l'accesso ai mercati, il finanziamento a condizioni eque e preferenziali, il trasferimento di tecnologia e la cooperazione Nord-Sud".

Ha chiesto una ricapitalizzazione delle Banche Multilaterali di Sviluppo e la necessaria razionalizzazione, revisione e cambiamento del ruolo delle agenzie di rating. "Mentre i Paesi più ricchi non rispettano l'impegno di destinare almeno lo 0,7% del loro Prodotto Nazionale Lordo all'Aiuto Pubblico allo Sviluppo, le nazioni del Sud devono spendere fino al 14% del loro reddito per pagare gli interessi sul debito estero", ha osservato il presidente.

Díaz-Canel ha quindi proposto di ridisegnare gli strumenti di debito una volta per tutte e di includere clausole di attivazione per fornire sollievo e ristrutturazione non appena un Paese viene colpito da catastrofi naturali o shock macroeconomici.

A questo proposito, il presidente cubano ha affermato che "coloro che hanno meno influenza sulla crisi climatica sono quelli che soffrono maggiormente dei suoi effetti, in particolare i piccoli Stati insulari in via di sviluppo".

Nell'occasione, il presidente ha informato che il G77 sta organizzando un vertice dei leader del Sud che si terrà il 2 dicembre nel contesto della COP28 a Dubai. Ha detto che "sarà uno spazio per articolare le posizioni del nostro gruppo al più alto livello nel contesto dei negoziati sul clima".

Il presidente cubano ha anche condannato l'imposizione di misure punitive unilaterali contro Stati sovrani. Ha ricordato che Cuba è il Paese che ha sopportato per più tempo misure coercitive unilaterali con un blocco economico, commerciale e finanziario imposto dagli Stati Uniti più di mezzo secolo fa. 

Infine, ha espresso la sua condanna per le misure punitive unilaterali imposte anche a nazioni come il Venezuela e il Nicaragua, così come lo Zimbabwe, la Siria, la Repubblica Popolare Democratica di Corea e l'Iran, "tra molti altri i cui popoli soffrono l'impatto negativo di queste misure".

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon di Paolo Desogus Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Public enemy di Giuseppe Giannini Public enemy

Public enemy

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

LE SANZIONI INDEBOLISCONO IL POTERE DEL DOLLARO di Andrea Puccio LE SANZIONI INDEBOLISCONO IL POTERE DEL DOLLARO

LE SANZIONI INDEBOLISCONO IL POTERE DEL DOLLARO

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti