Lula paragona il massacro di Gaza al genocidio degli ebrei compiuto da Hitler

Lula paragona il massacro di Gaza al genocidio degli ebrei compiuto da Hitler

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

In una conferenza stampa il presidente Lula ha paragonato il massacro compiuto dalle forze militari israeliane contro la popolazione della Striscia di Gaza al genocidio compiuto da Adolf Hitler contro gli ebrei nella Seconda Guerra Mondiale.

"Sapete, quello che sta accadendo nella Striscia di Gaza al popolo palestinese non è accaduto in nessun altro momento della storia. In realtà, è avvenuto quando Hitler decise di uccidere gli ebrei", ha affermato il presidente brasiliano prima di lasciare l'Etiopia, dove ha partecipato al 37° vertice dell'Unione Africana, come riferisce la stampa brasiliana. 

Il discorso di Lula arriva dopo che questa settimana è emerso che cinque pazienti dell'ospedale Nasser di Gaza sono morti dopo che l'unità ha subito l'interruzione della fornitura di ossigeno a causa degli attacchi israeliani. 

L'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Diritti Umani ha dichiarato che l'operazione all'ospedale Nasser sembra essere "parte di uno schema di attacchi da parte delle forze israeliane contro le infrastrutture civili che sono essenziali per salvare vite umane a Gaza, in particolare gli ospedali". 

La situazione nella Striscia di Gaza è stata il tema principale del viaggio di cinque giorni di Lula, prima in Egitto e poi ad Addis Abeba. Secondo Folha de S. Paulo, nella giornata di sabato il presidente brasiliano ha avuto un incontro bilaterale, a margine del vertice dell'Unione Africana, con il primo ministro dell'Autorità Palestinese, Mohammad Shtayyeh, dove il politico palestinese ha denunciato che quanto avviene a Gaza equivale a un genocidio.

Navalny

Nell'intervista rilasciata prima di lasciare l'Etiopia, Lula ha anche commentato la morte in Russia di Alexei Navalny, avvenuta venerdì. Il presidente brasiliano ha espresso dubbi circa la fretta di accusare qualcuno della morte, le cui cause sono ancora oggetto di inchiesta. 

"Se la morte è sospetta, bisogna prima condurre un'indagine per scoprire di cosa è morto il cittadino. Crediamo che i medici legali lo stabiliranno. L’uomo è morto di questo o di quello, in modo da poter dare un giudizio preliminare. Perché se non lo fate, ora affermerete che è stato qualcuno a ordinare l'omicidio e invece non è stato così, e allora vi scuserete", ha affermato il leader brasiliano. 

Ha poi ricordato la morte della consigliera comunale di Rio de Janeiro Marielle Franco. "Perché tanta fretta di accusare qualcuno? Sapete da quanti anni sto cercando il mandante dell'omicidio di Marielle? Sei. E non ho fretta di dire chi è stato".

-------------------

TRE LIBRI PER CAPIRE LA PALESTINA: PROMOZIONE IN COLLABORAZIONE CON EDIZIONI Q

SCOPRI I TRE LIBRI

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La fine dell'impunità di Israele di Clara Statello La fine dell'impunità di Israele

La fine dell'impunità di Israele

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti