"Ma quali diritti umani. Io lotto per la giustizia sociale"

"Ma quali diritti umani. Io lotto per la giustizia sociale"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Ma quali diritti umani?
 
Questa mattina ho trovato un post di una carissima amica, la quale mi tagga per esprimere la stima che nutre per me.
 
E questo mi ha fatto certamente molto piacere.
 
Quando però ha sintetizzato il mio lavoro con l'espressione "impegno per i diritti umani", mi sono chiesto: è questo ciò per cui da una vita mi sto facendo il mazzo?
 
Temo di no.
 
Nel film L'Urlo - The Scream per altro lo spiego bene questo passaggio.
 
I diritti umani ci hanno un po' bruciato il cervello.
 
Come se i miei diritti possano essere soddisfatti senza che lo siano i tuoi.
 
Infatti si sentono frasi come "a questo o a quello sono stati negati i diritti, è un'ingiustizia... ecc...".
 
Consideriamo per un attimo i diritti umani come una lampadina che abbiamo sulla testa. Quando il potere attraverso la nostra vicenda intende perseguire un proprio interesse, la accende e i fortunati diventano "le vittime", sotto i riflettori per un attimo. Quando scema l'interesse per il potere, si spegne la lampadina e i cosiddetti "diritti umani" vanno a farsi benedire.
 
Fa parte anche questo della cosiddetta "dottrina del doppio standard".
 
Quando servono per creare agibilità politica alle Ong, ecco che si accendono le lampadine su chi sta annegando in mare, ad esempio.
 
Ma se accenderle significa scoperchiare la connivenza dei governi illegittimi di Tripoli e l'Europa tutta, quelle lampadine rimangono spente, anche agli occhi delle Ong.
 
Se infatti guardassimo a cosa succede in Libia ai migranti-schiavi, scopriremmo che la maggior parte di loro chiede di tornare a casa.
 
È loro diritto. È un loro diritto umano.
 
Ma non segue l'interesse del potere.
 
E le Ong stesse sono le prime a spegnere la lampadina dei diritti umani sulle loro teste, in questo caso.
 
"Altrimenti si aiuta Salvini" mi dicevano rinomati pensatori de sinistra in Italia.
 
Quindi l'intermittenza e lo strabismo sono elementi essenziali nella gestione dei diritti umani, perché non sono diritti intrinseci, "universali" come si pretende definirli: sono pretesti.
 
Nel film lo dico chiaro. Affanculo i diritti umani.
 
L'unica cosa che davvero ci può salvare ha un altro nome. Si chiama "giustizia sociale".
 
Se c'è quella, siamo tutti contenti, ma davvero tutti, dall'inizio alla fine.
 
Se manca quella, è inutile cominciare battaglie ipocrite per salvare i diritti umani di questo o quell'altro cristo, oggi no domani forse.
 
È inutile parlare di libertà di movimento in Africa, se prima non si pone mano al saccheggio mai finito e alla corruzione dei leader come pratica meschina di controllo egemonico.
 
Parlare di diritti umani a posteriori è pertanto fare il gioco del potere.
 
Io lotto per la giustizia sociale.
Potrebbe essere un'immagine raffigurante 1 persona e il seguente testo "Finalmente grazie Michelangelo Severgnini per il tuo impegno per i diritti umani. Michelangelo Severgnini leri alle 21:03 Il corrispondente da ?stanbul dell'Ansa riporta della partecipazione de L'Urlo The Scream all'??çi Filmleri Festivali."
 
 
 
 
 

Michelangelo Severgnini

Michelangelo Severgnini

Regista indipendente, esperto di Medioriente e Nord Africa, musicista. Ha vissuto per un decennio a Istanbul. Ora dalle sponde siciliane anima il progetto "Exodus" in contatto con centinaia di persone in Libia. Di prossima uscita il film "L'Urlo"

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La fine dell'impunità di Israele di Clara Statello La fine dell'impunità di Israele

La fine dell'impunità di Israele

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti