Maduro: "Il Venezuela è pronto a esportare petrolio e gas negli Stati Uniti e in Europa per aiutare il mondo"

Maduro: "Il Venezuela è pronto a esportare petrolio e gas negli Stati Uniti e in Europa per aiutare il mondo"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il mondo si trova nel bel mezzo di una crisi energetica. Per essere più precisi il mondo occidentale si trova nel bel mezzo di una crisi energetica che promette di avere effetti devastanti sulle economie di quei paesi che hanno deciso di aderire alle folli sanzioni contro la Russia. 

A tal proposito un paese che da anni soffre per le medesime sanzioni draconiane che adesso vengono imposte alla Russia, come il Venezuela, si dichiara disposto di esportare tutti i prodotti necessari per superare l'attuale crisi energetica globale.

"Dico all'Europa e all'Unione europea, e al presidente degli Stati Uniti Joe Biden: 'Il Venezuela è qui'. Il Venezuela sarà sempre qui e il nostro petrolio e il nostro gas saranno sempre presenti per stabilizzare il mondo e aiutarlo", ha affermato il presidente bolivariano durante un evento presso la Petrocedeño, una filiale di Petróleos de Venezuela (PDVSA) nello Stato di Anzoátegui.

Nel suo discorso Maduro ha affermato che, con l'attuale conflitto in Ucraina, il Venezuela è diventato sempre più importante nell'"equazione energetica e nella stabilità economica del mondo" e ha avvertito che con l'arrivo dell'inverno nell'emisfero settentrionale la crisi di approvvigionamento potrebbe essere "tragica e spaventosa".

"Confermo all'Europa e agli Stati Uniti che il nostro Paese è pronto con petrolio e gas per stabilizzare e aiutare il mondo. Il Venezuela è pronto e preparato a esportare i nostri prodotti in tutti i mercati che lo richiedono", ha sottolineato in un messaggio su Twitter.

Queste dichiarazioni arrivano mentre crescono i disaccordi tra i leader europei e alcuni alti funzionari che mettono in guardia dalle conseguenze della crisi sul continente, soprattutto in vista dell'alta inflazione nell'eurozona e delle difficoltà energetiche di fronte al taglio delle forniture di gas russo che Mosca collega a problemi tecnici esacerbati dalle sanzioni contro di essa oltre al ridicolo tetto al prezzo di petrolio e gas a cui pensano in maniera unilaterale i paesi occidentali. 

Su questo punto la Russia ha una posizione abbastanza chiara: non venderà le proprie risorse naturali a quei paesi che decideranno di porre un tetto massimo unilaterale ai prezzi di acquisto. 

Il ministro dell'Energia russo Nikolay Shulginov, secondo quanto riporta Ria Novosti, ha dichiarato in un'intervista: "La Russia non venderà gas o petrolio ai Paesi che fanno compromessi sui prezzi, l'idea è essenzialmente una collusione di cartello da parte dei Paesi occidentali”. 

Tornando al Venezuela, Caracas ha risorse naturali in abbondanza e come ha ribadito Maduro il paese è pronto a tornare ad esportare il proprio petrolio ed anche il gas. Ovviamente i paesi occidentali dovranno rimuovere blocchi e sanzioni criminali che hanno imposto al paese nella vana speranza di provocare la caduta di Maduro e di conseguenza della Rivoluzione Bolivariana. 

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon di Paolo Desogus Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Public enemy di Giuseppe Giannini Public enemy

Public enemy

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

Zelensky: gli aiuti occidentali non sono sufficienti di Andrea Puccio Zelensky: gli aiuti occidentali non sono sufficienti

Zelensky: gli aiuti occidentali non sono sufficienti

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti