Maduro: "Siamo riusciti a sconfiggere l'assemblea parallela, non ne sono rimaste nemmeno le ceneri"

Maduro: "Siamo riusciti a sconfiggere l'assemblea parallela, non ne sono rimaste nemmeno le ceneri"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il presidente del Venezuela, Nicolás Maduro, ha presentato oggi all'Assemblea nazionale (AN) la relazione annuale e il rendiconto del 2022, un anno che ha descritto come un anno di "resistenza" e di ”risultati positivi" per il Paese.

Un anno anche segnato da progressi per la nazione sudamericana in termini di dialogo nazionale e di sconfitta da parte del popolo della strategia statunitense di imporre istituzioni parallele, di consolidamento della pace politica, di stabilità interna e di funzionamento delle istituzioni.

Un 2022 segnato inoltre da un accresciuto ascendente politico e diplomatico di Caracas sulla scena geopolitica internazionale e nella costruzione di un mondo multipolare. 

All'inizio del suo discorso, il presidente Maduro ha sottolineato che è ormai defunto il parlamento che ha terminato il suo ciclo nel 2020 e ha cercato di perpetuarsi tentando di creare un'assemblea parallela come parte di un'aggressione che è fallita e di cui non rimangono nemmeno le ceneri.

"Sapevamo come affrontarlo e come sconfiggerlo, e non esiste. Della vecchia Assemblea Nazionale che ha venduto la patria nel 2015 non sono rimaste nemmeno le ceneri", ha detto Maduro, che ha invitato i venezuelani a "respingere all'unanimità l'interventismo imperialista e straniero" contro il Venezuela.

Il presidente venezuelano ha anche criticato il governo britannico per aver rilasciato giovedì una dichiarazione, "nel vecchio stile e come i vecchi imperi", in cui riconosce l'assemblea del 2015 come la presunta assemblea legittima del Venezuela.

"È risibile, ridicolo, la verità è che a questo punto si prestano ancora alla farsa, alla menzogna, quando in Venezuela chi legifera, chi approva i bilanci, chi vigila sulle finanze pubbliche, chi nomina i poteri (...) come stabilito da questa Costituzione, è solo, esclusivamente e decisamente, l'Assemblea Nazionale eletta dal popolo nel 2020 e insediata il 5 gennaio 2021". Non c'è altro, il resto è Narnia, una farsa", ha aggiunto.

Maduro ha anche commentato che negli ultimi anni il Venezuela ha saputo difendere e far rispettare la propria Costituzione, di fronte all'odio e ai piani della "destra estremista e golpista" in America Latina e che in Venezuela ha ruotato attorno all'invenzione di un governo parallelo nella figura di Juan Guaidó.

Prima di recarsi in Parlamento, Maduro ha commentato che il 2022 è stato "un anno di obiettivi raggiunti" e di "sforzi senza precedenti", che hanno permesso di ottenere progressi grazie al "lavoro collettivo".

La presenza del presidente venezuelano davanti al potere legislativo risponde a un mandato costituzionale che prevede che entro i primi 10 giorni dall'insediamento dell'AN, il capo di Stato debba rendere conto degli aspetti politici, economici, sociali e amministrativi della sua gestione durante l'anno precedente.

Maduro ha sottolineato in altre occasioni che il 2022 ha visto anche il consolidamento della pace politica nel Paese, attraverso il dialogo con diversi settori dell'opposizione, e che l'economia è migliorata nonostante il blocco e le sanzioni imposte da Stati Uniti e Unione Europea contro Caracas.

Ha inoltre affermato che quanto raggiunto funge da preludio al 2023, che secondo le sue previsioni sarà "l'anno migliore di tutti", perché porterà "prosperità" e "stabilità" economica al Paese, grazie agli investimenti stranieri e alla diversificazione del modello economico non più dipendente dai proventi del petrolio.

Le sanzioni contro il Venezuela

Le prospettive sono certamente migliori per Caracas, ma sull’economia del Venezuela pesa ancora il non indifferente fardello delle sanzioni unilaterali statunitensi. 

Il viceministro venezuelano delle Politiche anti-blocco, William Castillo, ha denunciato la permanenza di 927 sanzioni imposte contro il suo Paese dai governi degli Stati Uniti (USA) e di altre nazioni, sottolineando chela vittima principale di queste misure illegali è il popolo. 

In dichiarazioni rilasciate ai media nazionali, Castillo ha affermato che nel 2022 è stato pubblicato il libro "Los números del Bloqueo, relato de una estadística de una agresión 2014-2022", che fornisce dati e informazioni sull'impatto della guerra economica sulla vita dei venezuelani.

Ha sottolineato che "le sanzioni sono in vigore al 100%" e ha evidenziato che i settori sociali sono stati i più colpiti, soprattutto quello sanitario, a causa della mancanza di forniture e medicinali.

Allo stesso modo, Castillo ha sottolineato che le misure coercitive hanno un impatto diretto sul significativo calo della produzione petrolifera e delle entrate pubbliche, che si riflette anche sui salari dei lavoratori.

Ma, nonostante le sanzioni illegali, ha sottolineato il ministro, il governo bolivariano ha concentrato i suoi sforzi sulla ripresa economica in un contesto internazionale sfavorevole.

Castillo ha ricordato l'ipocrisia del settore dell'opposizione che ha chiesto le sanzioni, lo stesso settore che si è messo a capo del "governo immaginario" creato dagli Stati Uniti e dall'Unione Europea e che poi ha sperperato per tre anni e mezzo i beni sottratti al Venezuela.

A questo proposito, ha affermato che "hanno rubato almeno 2,3 miliardi di dollari dati loro dai gringos, e si sono impossessati di oltre 30 miliardi di beni venezuelani”. 

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La tigre di carta è nuda di Clara Statello La tigre di carta è nuda

La tigre di carta è nuda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti