Marco Rizzo - Film censurati e strani silenzi di "sinistra"

Marco Rizzo - Film censurati e strani silenzi di "sinistra"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Marco Rizzo*


Ad una settimana dal suo accadimento, il violento episodio di censura avvenuto a Napoli nei confronti del regista Michelangelo Severgnini e del suo docu-film “L’Urlo” ad opera di alcuni esponenti delle ONG e nell’ambito del “festival dei diritti umani”, rimane una vicenda parzialmente ignorata dalla maggioranza della stampa mainstream e dalle forze politiche italiane.



Colpisce soprattutto il silenzio di quelle forze “di sinistra” che negli ultimi 20 anni, si sono auto-investite del ruolo di tutori della democrazia, con le loro campagne contro intolleranza, odio e discriminazioni.

Evidentemente, di fronte alle intoccabili ONG e agli interessi che muovono il business migratorio, queste tematiche hanno perso di importanza.

Evidentemente “la sinistra da salotto” preferisce non doversi confrontare con fatti e le testimonianze che potrebbero incrinare la comoda storiella che ci viene raccontata da 10 anni.

Al contrario, la vicenda è stata ampiamente trattata dal quotidiano Libero mentre dal mondo politico e istituzionale è arrivata la solidarietà del Presidente del Senato Ignazio La Russa - che richiamandosi all’art. 21 della Costituzione e riconoscendo il gravissimo episodio di cui Servegnini è stato vittima - lo ha ricevuto a Palazzo Madama, in quanto seconda carica dello Stato, impegnandosi a “tenere monitorato il prosieguo della vicenda”.

Nel 2021, con alcuni senatori e come Partito Comunista, siamo stati tra i primi sostenitori del lavoro di Severgnini, nel corso della prima presentazione dell’Urlo, al Teatro Flavio di Roma.

Ancora oggi, dopo l’episodio di Napoli, siamo stati gli unici che hanno espresso solidarietà immediata al regista, nella convinzione che il suo lavoro rappresenti uno strumento di importanza fondamentale per la comprensione delle dinamiche geopolitiche che sono alla base dell’attuale situazione della Libia; una situazione che, sebbene ormai ignorata dalla politica italiana, produce ancora delle ripercussioni gravissime sul benessere del nostro popolo (se solo si pensa all’approvvigionamento energetico!) e di cui il fenomeno migratorio rappresenta solo l’ultimo tassello.

Coi fondatori di Italia Sovrana e Popolare abbiamo apprezzato e condividiamo la condanna delle istituzioni verso episodi di violenza squadrista intollerabili in un ordinamento democratico. Non ci meraviglia il silenzio della “sinistra da salotto”.



Ci auguriamo invece che il lavoro di Servergnini possa trovare sempre maggiori spazi, poiché ci ricorda, tra le altre cose, che la situazione della Libia è il risultato dell’aggressione, immotivata e unilaterale, da parte delle forze del patto atlantico nei confronti di un Paese sovrano e pacifico e con cui l’Italia intratteneva relazioni commerciali assolutamente privilegiate. Un’aggressione a cui l’Italia ha partecipato contro i propri interessi e con l’appoggio di quasi tutte le forze parlamentari, compresi gli attuali partiti di governo. E che dopo 11 anni, la situazione politica del Paese continua ad essere destabilizzata da forze sostenute dai paesi NATO mentre la situazione economica di molti dei paesi da cui i migranti provengono è figlia di politiche neocolonialiste attuate dai governi europei.

Parlare del business migratorio e del ruolo delle ONG senza affrontare questi temi è nel migliore dei casi, miopia politica, quella di chi guarda il dito per non guardare la luna; nel peggiore dei casi, comoda ipocrisia, quella di chi difende l’immigrazione a tutti i costi, fingendo di ignorarne le cause e non curandosi delle conseguenze per i popoli coinvolti.

Serve sostenere la necessità di una politica estera indipendente che metta al centro gli interessi nazionali e che privilegi relazioni bilaterali amichevoli e cooperative. Una politica estera che non sia assoggettata ai diktat dei nostri alleati NATO, anche quando questi producono delle conseguenze devastanti per il nostro Paese.

Siamo inoltre convinti che l’accesso ad una informazione plurale, libera e indipendente sia un diritto fondamentale del popolo italiano e una condizione necessaria per un sano dibattito pubblico e per l’esercizio della vera sovranità popolare.

Per questa ragione continueremo a supportare le iniziative e gli autori che, con il loro lavoro, contribuiscono ad arricchire i punti di vista del popolo italiano, consentendo lo sviluppo di un’opinione pubblica libera e consapevole. Solo in questo modo si esercita la sovranità popolare.

-------

ACQUISTA L'URLO: SCHIAVI IN CAMBIO DI PETROLIO



* Post Facebook del 2 dicembre 2022

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza di Leonardo Sinigaglia Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Genocidio, il tabù della parola di Giuseppe Giannini Genocidio, il tabù della parola

Genocidio, il tabù della parola

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti