McDonald's e le patate di Bill Gates

McDonald's e le patate di Bill Gates

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Le patate utilizzate per produrre le patatine McDonald's provengono in parte da fattorie di proprietà di Bill Gates, così vaste che possono essere viste dallo spazio. Ma questa è solo una parte del portafoglio di terreni del più grande proprietario di terreni agricoli d'America.

In meno di un decennio, Gates e la sua ex moglie, Melinda French Gates, hanno acquisito silenziosamente quasi 109.000 ettari di terreni agricoli – all'incirca le dimensioni di Hong Kong – in 18 stati degli Stati Uniti, secondo i dati raccolti dalla pubblicazione commerciale The Land Report e Notizie della NBC.

Le patate utilizzate dal gigante del fast-food vengono coltivate in una fattoria industriale estesa su circa 5.700 ettari nello stato di Washington. La proprietà, denominata 100 Circles Farm, è stata acquistata dalla coppia per $ 171 milioni nel 2018, secondo i rapporti. 

In particolare, è stato acquistato tramite una serie di società di comodo collegate al loro gruppo di investimento, Cascade Investments, anch'esso con sede a Washington. 

Partecipando a un Reddit AMA (Ask Me Anything) a marzo, Gates lo ha confermato quando gli è stato chiesto dei suoi acquisti di terreni agricoli, aggiungendo che non erano correlati ai suoi sforzi più pubblicizzati per promuovere la consapevolezza del cambiamento climatico e l'agricoltura sostenibile.

“Il mio gruppo di investimento ha scelto di farlo. Non è collegato al clima", ha scritto in risposta prima di passare ad argomenti più legati all'obiettivo dell'AMA, la sua nuova guida su come evitare un disastro climatico.

“Il settore agricolo è importante. Con semi più produttivi, possiamo evitare la deforestazione e aiutare l'Africa ad affrontare le difficoltà climatiche che già affrontano", ha continuato Gates.

"Non è chiaro quanto possano essere economici i biocarburanti, ma se sono economici possono risolvere le emissioni dell'aviazione e dei camion", ha aggiunto, concludendo l'argomento e scegliendo di non partecipare alla discussione sull'etica dell'azienda agricola privata con altri agricoltori.

Altri prodotti coltivati ??su terreni agricoli legati ai Gates includono soia, mais, cotone, cipolle, carote e riso.

Secondo il rapporto di NBC News, ci sono aziende registrate localmente in ogni stato in cui i due possiedono terreni con collegamenti nascosti a Cascade sotto forma di indirizzi condivisi e occasionalmente anche indirizzi e-mail all'interno del Bill and Melinda Gates Investment Group.

Cascade, che è stato recentemente al centro delle polemiche dopo che sono emerse notizie su presunti comportamenti tossici sul posto di lavoro presso l'azienda, ha rifiutato di commentare a NBC News in merito a specifiche proprietà terriere.

Tuttavia, un portavoce, Charles V. Zehren, ha dichiarato che l'azienda è stata "molto favorevole all'agricoltura sostenibile". Ha osservato che i terreni agricoli di proprietà dell'azienda fanno parte di un programma di sostenibilità dal 2020 che verifica le pratiche agricole condotte su di essi.  

Secondo il rapporto, Leading Harvest – un'organizzazione no-profit di nuova costituzione che si commercializza online come “l'avanguardia dell'avanzamento dell'agricoltura sostenibile” – ha creato il programma di sostenibilità, che misura variabili come la salute del suolo, la biodiversità, la qualità delle colture e la gestione dell'acqua.

Tra i membri fondatori di Leading Harvest c'è Cottonwood Ag, una delle filiali di Cascade.

Secondo alcuni agricoltori che possiedono terreni confinanti con i Gates, tuttavia, si è fatto poco per limitare gli effetti dell'agricoltura industriale sull'ambiente.

Ricordando che aveva sperato che Gates insistesse in nuove tecniche agricole, John S. Quarterman, un agricoltore in Georgia, ha spiegato a NBC News che "non ha mai fatto nulla di così diverso da prima di arrivare qui e da ciò che altri agricoltori stavano facendo nelle vicinanze".

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Quando Mario Monti parla di "sacrifici".... di Fabrizio Verde Quando Mario Monti parla di "sacrifici"....

Quando Mario Monti parla di "sacrifici"....

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

"Il Giornale": il cane da guardia "di destra" dell'atlantismo di Marinella Mondaini "Il Giornale": il cane da guardia "di destra" dell'atlantismo

"Il Giornale": il cane da guardia "di destra" dell'atlantismo

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La dittatura del pensiero liberal di Giuseppe Giannini La dittatura del pensiero liberal

La dittatura del pensiero liberal

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Il Piano Mattei (o di quelli che lo hanno ucciso?) di Gilberto Trombetta Il Piano Mattei (o di quelli che lo hanno ucciso?)

Il Piano Mattei (o di quelli che lo hanno ucciso?)

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Il Premio Pullitzer e il mondo al contrario di Andrea Puccio Il Premio Pullitzer e il mondo al contrario

Il Premio Pullitzer e il mondo al contrario

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici? di Paolo Arigotti La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici?

La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici?

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti