Merkel e Macron chiedono un approccio europeo comune alle relazioni con la Russia

Merkel e Macron chiedono un approccio europeo comune alle relazioni con la Russia

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Nella giornata di ieri è emerso che la cancelleria tedesca Angela Merkel ha proposto invitare il presidente russo Vladimir Putin per un vertice con i leader dell’Unione Europea. Un gesto per cercare un riavvicinamento e distensione dopo che i rapporti tra Russia e Unione Europea sono scesi a un punto molto basso. L’iniziativa della cancelliera tedesca ha trovato il sostegno del francese Macron. 

Freddezza dagli altri leader: soprattutto nordici e baltici non ne vogliono sapere di un incontro con Putin. Nonostante il nuovo leader de facto dell’UE, il presidente statunitense Joe Biden, abbia recentemente incontrato il ‘reprobo’ Putin in quel di Ginevra per discutere dei problemi sul tavolo tra i due paesi. 

Angela Merkel ha quindi affermato che i leader del blocco non sono riusciti a raggiungere un'opinione comune su questo tema. Finti da Bruxelles hanno riferito che l'idea ha suscitato critiche da parte di alcuni paesi europei, perché è stata resa pubblica alla vigilia del vertice UE. 

Parigi e Berlino hanno comunque invitato i paesi dell'UE a sviluppare un approccio comune alle relazioni con la Russia, ha affermato il presidente francese Emmanuel Macron dopo il vertice dell'UE. 
Secondo il leader francese, concorde con la cancelliera tedesca Angela Merkel, è necessario formare un'agenda per il lavoro congiunto e la risoluzione dei disaccordi con Mosca.

Intanto l’Unione Europea dovrebbe prepararsi a un deterioramento delle relazioni con la Russia e condurre un dialogo con la parte russa "da una posizione di forza”, ha affermato in una conferenza stampa a margine del vertice europeo di Bruxelles, la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen. 

“Le relazioni tra l'Unione europea e la parte russa sono in una spirale negativa. Dobbiamo prepararci per un'ulteriore arretramento. Dobbiamo avvicinarci da una posizione di forza, perché se guardiamo alle relazioni economiche, vediamo che le importazioni russe nell'UE sono inferiori al cinque percento, mentre le importazioni europee in Russia sono superiori al 37 percento”, ha poi aggiunto la leader europea. 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO di Leonardo Sinigaglia Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor di Pasquale Cicalese Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative di Michele Blanco OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti