Mes, è la stessa strategia che ha distrutto la Grecia

Mes, è la stessa strategia che ha distrutto la Grecia

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Antonio Di Siena
 

Ieri la BCE ci ha detto chiaramente che non muoveranno un dito in nostro aiuto.
 

Di fatto, senza uscita da €uro, ci stanno obbligando a firmare il MES.


E per lubrificare la supposta ci stanno per presentare la cosa come l’unico salvagente possibile.


Ora, uno dei principali problemi del MES è che l’Italia ha un rapporto deficit/PIL ben superiore a quel 60% richiesto per ottenere agevolmente aiuto economico dall’Europa. E quindi, per poter ottenere i nostri soldi in prestito (sì, avete letto bene, i nostri stessi soldi ma i prestito da loro), saremo obbligati a sottoscrivere un memorandum.


Questo impegno preso con Bruxelles ci vincolerà a fare le famose “riforme”. Quindi una volta ottenuti i (nostri) soldi dovremo iniziare una politica di draconiana austerità tutta lacrime e sangue. Roba che in confronto Monti e la Fornero vi sembreranno due caritatevoli frati francescani.


Detto in altre parole sarà lo stesso meccanismo “d’aiuto” imposto alla Grecia, la quale ha dovuto tagliare stipendi e pensioni del 50%, aumentare vertiginosamente le tasse, privatizzare il privatizzabile, tagliare il rendimento dei BOT del 75% e tante altre simpatiche cose che hanno trasformato la Grecia in un paese del terzo mondo.


Praticamente se accettiamo la riforma del MES firmiamo col sangue la nostra condanna a morte.


Difronte a quella che quindi è a tutti gli effetti una richiesta di resa senza condizioni il vile silenzio di Conte (scavalcato pure dall’europeista Mattarella) e le dichiarazioni dal servilismo fantozziano del (solo formalmente nostro) ministro dell’economia, rendono evidente pure agli organismi monocellulari il livello di tradimento della nostra classe politica.


Ma non disperate, vada come vada, alla fine di tutto questo ci rialzeremo.


Dopo ci sarà la nostra personalissima Norimberga.

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La fine dell'impunità di Israele di Clara Statello La fine dell'impunità di Israele

La fine dell'impunità di Israele

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti