Migranti e censura: infuria la polemica Musk-UE

Migranti e censura: infuria la polemica Musk-UE

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

L'amministratore delegato di Tesla e SpaceX Elon Musk è intervenuto su X (ex Twitter) per rispondere alla denuncia dell'autorità di regolamentazione dell'UE, secondo cui la sua piattaforma diffonderebbe "contenuti illegali e disinformazione" sul conflitto tra Palestina e Israele.

Rispondendo alle accuse, Musk ha scritto che la politica della piattaforma è “aperta e trasparente, un approccio che so che l'UE sostiene". Ha anche aggiunto: "Per favore, elencate le violazioni a cui alludete su ????, in modo che [sic] il pubblico possa vederle. Merci beaucoup".

Thierry Breton, il commissario europeo per il mercato interno, aveva inviato una lettera al miliardario, sostenendo che il suo ufficio ha ricevuto "indicazioni" secondo cui gruppi stanno diffondendo disinformazione e contenuti "violenti e terroristici" su X, insieme alla “riproposizione di vecchie immagini”. Breton ha esortato Musk a garantire “una risposta tempestiva, accurata e completa” e a contattare le “autorità competenti delle forze dell’ordine” entro le prossime 24 ore. Breton ha ricordato a Musk che è necessario disporre di “misure di mitigazione proporzionate ed efficaci per affrontare i rischi per la sicurezza pubblica e il discorso civico derivanti dalla disinformazione”.

Inoltre, il commissario ha accennato alla politica aggiornata di interesse pubblico della piattaforma che ridefinisce quali post sono 'di interesse pubblico'. Breton, che aveva condiviso la sua lettera tramite un post su X, aveva incluso anche un hashtag che faceva riferimento al Digital Services Act, utilizzato dalla Commissione Europea (CE) per esercitare pressione sulle piattaforme online con il pretesto di creare "uno spazio digitale più sicuro".

Il guru tecnologico ha anche risposto sulla sua piattaforma di social media a un post di Glenn Greenwald. Il giornalista e avvocato USA aveva taggato la notizia dell'avvertimento del commissario dell'UE a Elon Musk, affermando che l'UE intendeva utilizzare la sua nuova legge sulla censura per "punire" X. Greenwald ha menzionato l'azienda "Reset", che l'UE aveva ingaggiato come presunti "esperti di disinformazione". Reset è un'iniziativa gestita da Luminate Projects Limited con sede nel Regno Unito, un'azienda di proprietà di Luminate, un'organizzazione fondata dal gruppo Omidyar. Un'indagine condotta da "Reset", ha ricordato il giornalista statunitense, aveva accusato X di non censurare la "propaganda pro-Russia".

Rispondendo al post di Greenwald, Musk ha scritto che il pubblico non solo deve "sentire esattamente di cosa si tratta questa disinformazione e decidere da sé", ma che molte volte si è scoperto che il "verificatore ufficiale dei fatti" è la stessa persona che fa affermazioni false.

Questo maggio, il gigante dei social media di proprietà di Elon Musk è uscito dal Codice di condotta volontario dell'Unione Europea per la disinformazione, lanciato lo scorso giugno, che prevedeva obblighi di aumentare la trasparenza, cooperare con i verificatori dei fatti e monitorare la pubblicità politica. Elon Musk ha insistito sul fatto che ora ci sia "meno disinformazione piuttosto che di più" da quando ha preso il controllo della piattaforma nell'ottobre 2022. Tuttavia, Thierry Breton aveva avvertito Musk che "puoi correre, ma non puoi nasconderti", facendo riferimento agli obblighi della piattaforma come cosiddetta "Very Large Online Platform” (VLOP) in base al Digital Services Act (DSA) dell'UE. "Oltre agli impegni volontari, combattere la disinformazione diventerà un obbligo legale a partire dal 25 agosto. Le nostre squadre saranno pronte per l'applicazione", aveva twittato Breton.

Sotto il pretesto di proteggere gli europei dalle "informazioni indesiderate", la Commissione Europea (CE) ha concepito il Digital Services Act (DSA), entrato in vigore nel novembre 2022. Con l'obiettivo dichiarato di creare "un ambiente online più sicuro e responsabile", la nuova legislazione ha elevato i funzionari europei alla posizione di supervisori della sfera mediatica nel continente. Dopo l'entrata in vigore del DSA, le piattaforme online e i motori di ricerca sono stati obbligati a migliorare la responsabilità e la sorveglianza, ad esempio introducendo un nuovo meccanismo di segnalazione per ciò che gli autori della legge considerano "contenuti illegali". Secondo le regole, le piattaforme digitali sono obbligate a "aumentare la protezione dei minori" e "offrire agli utenti maggiore scelta e migliori informazioni". Le aziende che violano il DSA affronteranno una multa pari al 6% del fatturato globale. Coloro che continuano a violare le nuove regole digitali dell'UE potrebbero essere bandite dall'operare in Europa.

Tuttavia, nell'ambito della cosiddetta "crociata contro la disinformazione" dell'UE, il blocco ha fatto ricorso a una censura aperta dei media russi, censurando Sputnik, RT e le loro sussidiarie, insieme a singoli canali mediatici di blogger russi, durante l'operazione militare speciale di Mosca in Ucraina. Il divieto è stato accolto con condanna da parte dei membri della Federazione europea dei giornalisti e dall'Associazione olandese dei giornalisti (NVJ) dell'epoca, che hanno deplorato il fatto che agli europei fossero state negate prospettive alternative.

Musk - Europa

Non solo comunicazione e censura, il CEO di SpaceX e Tesla, Elon Musk, ha previsto un futuro cupo per l’Europa, affermando che il Vecchio Continente dovrà affrontare una “guerra civile se le tendenze attuali continueranno”.

Il magnate ha così risposto ai commenti del podcaster russo-britannico Konstantín Kisin sul peggioramento della situazione migratoria in Europa. 

"Quando vedi migliaia di persone celebrare stupri e omicidi commessi da un'organizzazione terroristica vietata mentre la polizia resta a guardare nelle principali città europee, sai che le cose vanno male. Ma la situazione non può che peggiorare", ha scritto Kisin sul suo account X in seguito alla nuova ondata di ostilità tra Hamas e Israele. 

In questo contesto, il podcaster ha affermato che le nazioni europee rifiutano di adottare una politica di immigrazione “sensata” che accolga persone con “valori culturali che coincidono con i nostri”. "Invece, apriamo il confine a chiunque sia disposto a salire su una barca e demonizziamo qualsiasi politico che cerchi di fermarli", ha affermato Kisin.

Non è la prima volta che Musk parla della crisi migratoria in Europa. Alla fine di settembre, il miliardario metteva in dubbio gli aiuti che la Germania fornisce alle ONG che salvano i migranti nel Mar Mediterraneo.

In particolare il magnate si è chiesto se la maggioranza dei tedeschi sostenga tali iniziative e ha sottolineato che l'aiuto di Berlino potrebbe rappresentare anche una violazione della sovranità di altri Stati, come l'Italia.

Secondo i dati dell’Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR), dei circa 186.000 migranti arrivati ??via mare nell’Europa meridionale tra gennaio e settembre di quest’anno, più di 130.000 sono arrivati ??in Italia, il che rappresenta un aumento dell’83% rispetto allo stesso periodo. nel 2022. L’organizzazione ha precisato che più di 2.500 migranti sono morti o scomparsi durante il tentativo di attraversare il Mediterraneo.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO di Leonardo Sinigaglia Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor di Pasquale Cicalese Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti