Missione AIEA verso Zaporozhye. Fallito un tentativo ucraino di impossessarsi della centrale nucleare

Missione AIEA verso Zaporozhye. Fallito un tentativo ucraino di impossessarsi della centrale nucleare

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Il team della missione dell'AIEA è in viaggio verso la centrale nucleare di Zaporozhye e "la Russia sta facendo del suo meglio per garantire che la visita abbia successo e sicurezza". Lo ha affermato la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova durante un briefing con la stampa secondo quanto riporta Tass. 

"Secondo le nostre informazioni, il team dell'agenzia sta arrivando. Da parte russa si sta facendo tutto il necessario e anche di più. Ci stiamo lavorando da tre mesi, negoziando anche il viaggio stesso il 3 giugno poiché l'ispezione, la composizione della squadra, i tempi e il percorso, in modo che la missione, guidata dal direttore generale dell'AIEA Rafael Grossi, pianificata tre mesi fa, potesse finalmente aver luogo e completare tutti i suoi obiettivi presso la centrale", ha affermato.

La portavoce del ministero degli esteri russo si è anche lamentato del fatto che l'ONU rende omaggio solo a parole al suo "sostegno" senza ammettere i suoi precedenti errori di calcolo. "Ci aspettiamo che i rappresentanti dell'agenzia, che dovrebbero arrivare a breve alla centrale, possano esaminare la situazione sul campo e in ogni dettaglio, per valutare le conseguenze dei disumani attacchi ucraini agli oggetti e alle strutture situati a questo sito, e per assicurarsi che le informazioni fornite quasi quotidianamente dalla parte russa sulla situazione sempre più pericolosa alla ZNPP e sulle fonti di queste minacce, ovvero il regime di Kiev e le sue forze, siano assolutamente vere ”, ha precisato.

Secondo Zakharova, la Russia prevede che la missione dell'AIEA sarà "obiettiva e professionale", e questo è il suo compito e obiettivo principale. "I tentativi della parte ucraina di confondere i progressi della missione internazionale dell'AIEA, gli attacchi intensificati su questo sito e l'uso di armi sempre più pesanti negano tutte le dichiarazioni pronunciate dal regime [del presidente ucraino Vladimir Zelensky]", ha affermato. "Ci auguriamo che i piani degli strateghi ucraini di ostacolare ancora una volta la missione dell'AIEA non si realizzino e che la missione abbia luogo. Uno sviluppo diverso potrebbe essere visto come nient'altro che un'ammissione di colpa da parte del regime di Kiev", ha proseguito la  Zakharova. "Esortiamo tutti i paesi, in particolare quelli che hanno un'influenza diretta sul regime di Kiev, a continuare a esercitare questa influenza e ad accendere il fuoco sulle autorità ucraine, costringendole a tornare in sé, al fine di fermare questa illegalità nucleare e ricatti, per smettere di terrorizzare il mondo intero e per fermare prima che si verifichi una catastrofe, che può avere conseguenze molto gravi", ha concluso Zakharova.

Martedì la missione dell'AIEA è partita da Vienna ed è arrivata a Kiev, dove la delegazione ha incontrato il presidente ucraino Vladimir Zelensky. Mercoledì, il corteo della missione è partito da Kiev e si è diretto alla centrale nucleare. Questa mattina il ministero della Difesa russo ha denunciato un tentativo di occupazione ucraino della centrale. 

Dichiarazione del Ministero della Difesa della Federazione Russa:

Oggi, verso le 06:00 ora di Mosca, le truppe ucraine in due gruppi di sabotaggio composti da un massimo di 60 persone in sette barche sono sbarcate sulla costa del bacino idrico di Kakhovka, tre chilometri a nord-est della centrale nucleare di Zaporozhye e hanno tentato di impossessarsi della centrale.

Furono prese misure per distruggere il nemico, anche con l'uso dell'aviazione militare. 

Inoltre, dalle 8.00 ora di Mosca, le Forze armate ucraine stanno bombardando il punto di incontro della missione dell'AIEA nell'area dell'insediamento di Vasilyevka e della centrale nucleare di Zaporozhye. 

Quattro proiettili sono esplosi a una distanza di 400 metri dal primo propulsore.

La provocazione del regime di Kiev è volta a interrompere l'arrivo del gruppo di lavoro dell'AIEA alla centrale nucleare di Zaporozhye.

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino" di Clara Statello Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino"

Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino"

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Fino a quando potranno impedire le elezioni in Libia?  di Leonardo Sinigaglia Fino a quando potranno impedire le elezioni in Libia?

Fino a quando potranno impedire le elezioni in Libia?

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

L'impatto che avrà il riarmo dell'Ue nelle nostre vite di Pasquale Cicalese L'impatto che avrà il riarmo dell'Ue nelle nostre vite

L'impatto che avrà il riarmo dell'Ue nelle nostre vite

Il "piano Draghi": ora sappiamo in cosa evolverà l'UE di Giuseppe Masala Il "piano Draghi": ora sappiamo in cosa evolverà l'UE

Il "piano Draghi": ora sappiamo in cosa evolverà l'UE

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti