Morti sul lavoro. L'appello disperato di una madre alla stampa

Morti sul lavoro. L'appello disperato di una madre alla stampa

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Le morti sul lavoro, o meglio definirli gli omicidi per il profitto sono un argomento tabù, la cattiva coscienza di media, istituzioni e politica.

I media si limitano a dare il macabro bollettino, politici e sindacalisti ci propinano le solite dichiarazioni di circostanza e con i consueti appelli a "fare più controlli".

Da anni è così. Così ogni anno 1000 lavoratori, una media di 3 al giorno, muoiono per i profitti del padronato, incurante delle misure si sicurezza, considerate un costo.

Non fa notizia, almeno non sulle prime pagine dei giornali e in apertura dei Tg, la vicenda di una madre di Perugia, Lena Dodaj, che si è incatenata ad una fontana per chiedere giustizia. Suo figlio Maringleno Dodaj, è morto all'età di 25 anni, il 18 novembre del 2011, dopo essere precipitato dal tetto di una ditta di Narni Scalo.

Come ha riferito l'Ansa Lena ha lanciato un "appello a tutta la stampa nazionale perché voi siete la voce dei cittadini. Siamo vittime della magistratura" c'è scritto sullo striscione.

“Chiedo che il Ministero intervenga sulla vicenda raccapricciante di mio figlio. La magistratura ha sempre ignorato l’omicidio di mio figlio e i nostri appelli. Mio figlio è stato ucciso disteso sul pavimento nudo, umiliato vivo e da morto. Una scena dell’orrore”, ha denunciato ancora la donna.

Nessuno ha ascoltato la voce di Lena, né un politico, né un sindacalista sempre pronti al tweet compulsivo quando si tratta di argomenti inutili.

Questo silenzio è solo la riprova dell'ipocrisia e della complicità di politici, sindacati e istituzioni con il padronato, tante parole per non cambiare nulla. Nessuna legge, nessuna tutela, bisogna riportare l'economia ai tempi pre Covid-19, arriveranno i soldi del PNRR, non si possono disturbare i manovratori, i lavoratori continuino pure a morire. Giustizia non c'è. Come ha detto un mese fa  il direttore generale dell’Ispettorato nazionale del lavoro, Bruno Giordano, rispetto ai 15 000 morti sul lavoro dal 2006 ad oggi, “avremmo dovuto avere 15mila sentenze, perché ne abbiamo solo alcune centinaia? E’ necessario un coordinamento investigativo. Le vittime hanno necessità di avere la stessa giustizia”.

Chi la coglierà questa necessità?

Finché non ci sarà una forza politica che rifiuti in toto le politiche liberiste e metto al centro i problemi di natura sociale ed economica, si continuerà a morire per il profitto ed a ricorrere a proteste estreme che, salvo l'enfasi del momento, non cambieranno nulla.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi? di Francesco Erspamer  Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Stage e tirocini? Caporalato legalizzato di Savino Balzano Stage e tirocini? Caporalato legalizzato

Stage e tirocini? Caporalato legalizzato

Il Ventennio dell'euro di Thomas Fazi Il Ventennio dell'euro

Il Ventennio dell'euro

La situazione Nato-Russia precipita di Giuseppe Masala La situazione Nato-Russia precipita

La situazione Nato-Russia precipita

"Profitti zero": Siamo alla fase finale di Pasquale Cicalese "Profitti zero": Siamo alla fase finale

"Profitti zero": Siamo alla fase finale

La filosofia scientifica. Miss inco-scienza di Damiano Mazzotti La filosofia scientifica. Miss inco-scienza

La filosofia scientifica. Miss inco-scienza

Privatizzazioni, Draghi tornato per concludere il lavoro... di Gilberto Trombetta Privatizzazioni, Draghi tornato per concludere il lavoro...

Privatizzazioni, Draghi tornato per concludere il lavoro...

Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia di Michelangelo Severgnini Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia

Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti