Mosca: I leader dei gruppi terroristici cercano di innescare l'escalation in Siria nella speranza del supporto dell'Occidente

Mosca: I leader dei gruppi terroristici cercano di innescare l'escalation in Siria nella speranza del supporto dell'Occidente

A partire da ieri, secondo il generale Yuri Borenkov, i combattimenti sono ancora in corso ad Abu Djref, nella provincia di Idlib

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


I leader dei gruppi terroristici nella zona di de-escalation di Idlib, che combattono contro le forze del governo siriano, cercano di innescare una spirale di escalation, sperando nel sostegno dei paesi occidentali, al fine di mobilitare i miliziani e mantenere il controllo delle aree occupate, ha dichiarato il generale Yuri Borenkov, capo del centro russo per la riconciliazione delle parti in conflitto in Siria.
 
"Il diffuso malcontento della popolazione nei confronti della dittatura dei terroristi provoca sempre più proteste nelle aree sotto il loro controllo. Un numero enorme di membri di gruppi armati illegali sta gradualmente abbandonando l'obbedienza ai leader del terrorismo a causa di un basso livello di sostegno materiale. queste condizioni, i leader jihadisti cercano di innescare una nuova spirale di escalation per mobilitare i militanti nella zona di de-escalation di Idlib per opporsi alle forze governative e non perdere il controllo sui territori occupati.
 
Allo stesso tempo, la leadership radicale ovviamente contare sul sostegno dell'Occidente, che tenterà ancora una volta di impedire alle forze governative di intraprendere azioni decisive per sradicare il nido del terrorismo a Idlib ", ha affermato.
 
A partire da ieri, secondo il generale, i combattimenti, scoppiati venerdì notte, sono ancora in corso ad Abu Djref, nella provincia di Idlib.
 
"Alle 21.20 del 17 gennaio, una banda di fino a 50 militanti, supportata da un veicolo da combattimento di fanteria e sei carri armati, attaccò l'esercito arabo siriano vicino ad Abu Djref. I militanti avanzarono a distanze di 1,2 chilometri di profondità e di 500 metri di larghezza lungo il fronte. Il 18 gennaio le ostilità sono continuate in quella zona ", ha spiegato.
 
Combattimenti in corso
 
Borenkov ha riferito che nelle regioni di Idlib e Aleppo le forze governative supportate da artiglieria e carri armati hanno respinto gli attacchi dei miliziani venerdì scorso e li hanno costretti a ritirarsi nella posizione precedente.
 
"Gli incessanti attacchi di Hay'at Tahrir al-Sham (uno dei nomi del gruppo estremista Jabhat al-Nusra,) il 16-17 gennaio contro le truppe governative dimostrano che il comando di gruppi radicali agisce intenzionalmente per far deragliare il cessate il fuoco dichiarato in conformità con gli accordi russo-turchi ", ha spiegato il generale.
 
"L'obiettivo ovvio dei gruppi terroristici è destabilizzare la situazione. Il gruppo terroristico Hay'at Tahrir al-Sham ha la principale responsabilità dell'escalation. Ha almeno 20.000 combattenti nella zona di de-escalation di Idlib", ha sottolineato Borenkov.
 
Nelle ultime 24 ore, 66 casi di bombardamenti da parte di gruppi armati illegali operanti nella zona di de-escalation di Idlib sono stati registrati nelle aree popolate di Latakia, Aleppo, Idlib e Hama. 
 
Il centro di riconciliazione russo continua a svolgere i compiti loro assegnati dopo il completamento della campagna militare in Siria. Viaggiano regolarmente nelle aree liberate del paese per valutare la situazione umanitaria. I principali sforzi delle forze armate russe si concentrano ora sull'aiutare i rifugiati che stanno tornando alle loro case e sull'evacuazione dei civili dalle zone di de-escalation del paese dilaniato dalla guerra.
 
 

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza di Leonardo Sinigaglia Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Nella Guantanamo inglese. Le ore decisive di Assange di Geraldina Colotti Nella Guantanamo inglese. Le ore decisive di Assange

Nella Guantanamo inglese. Le ore decisive di Assange

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Genocidio, il tabù della parola di Giuseppe Giannini Genocidio, il tabù della parola

Genocidio, il tabù della parola

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Armi nucleari nello spazio: facciamo un po' di chiarezza di Andrea Puccio Armi nucleari nello spazio: facciamo un po' di chiarezza

Armi nucleari nello spazio: facciamo un po' di chiarezza

Germania: perché siamo all'anno zero di Giuseppe Masala Germania: perché siamo all'anno zero

Germania: perché siamo all'anno zero

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti