/ "Nel nome del principio 'America First', gli Stati Uniti faranno ...

"Nel nome del principio 'America First', gli Stati Uniti faranno soffrire la propria gente"

 

Collaborare nel commercio con la Cina "è più proficuo", ma "non tutti lo capiscono nella Casa Bianca", ha dichiarato Yifu Lin, uno dei più importanti economisti cinesi.


Mancano meno di tre settimane al primo marzo, quando la "tregua" nella guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina finirà. In questo contesto, Yifu Lin, ex capo economista della Banca Mondiale (2008 - 2012) e uno dei più importanti economisti cinesi, ha dichiarato in un'intervista con il quotidiano russo Kommersant di sperare che le controversie tra Washington e Pechino si concludano con un accordo amichevole, e ha avvertito che altrimenti il ??gigante asiatico è pronto ad assumere le conseguenze economiche.
 
"Il commercio garantisce vantaggi reciproci per entrambi i paesi", ha spiegato Lin, esprimendo l'aspettativa che "la razionalità economica sarà più forte dell'irrazionalità politica". Tuttavia, l'economista ha sottolineato che il governo cinese è disposto a non stipulare alcun accordo il prossimo 1 marzo e anchead  intensificare il confronto con gli Stati Uniti, se le proposte di Washington saranno inaccettabili.
 
"Speriamo per il meglio, ma ci prepariamo al peggio", ha avvertito. E ha spiegato che le esportazioni cinesi negli Stati Uniti "in realtà sono molto grandi, ma la loro parte significativa è rappresentata dai prodotti di società statunitensi con sede in Cina."
 
"In larga misura, per la fabbricazione di prodotti statunitensi in Cina richiede l'importazione di componenti dagli Stati Uniti, dal Giappone, dalla Corea del Sud, dall'Europa." Se gli Stati Uniti impongono tariffe, ovviamente, i produttori cinesi soffrono in una certa misura, ma a soffrire sono anche i consumatori negli Stati Uniti e fornitori dei componenti di tutti i paesi menzionati ", ha avvertito.
 
Inoltre, secondo Lin, in queste circostanze il danno subito dall'economia cinese "non è così grande". "Secondo i nostri calcoli, la riduzione massima del tasso di crescita del PIL cinese, nel caso dell'introduzione di tutte le tariffe [dagli Stati Uniti], sarebbe dello 0,5%. Da 6,5% al 6% all'anno, che rimane uno dei migliori indicatori del mondo", ha precisato l'economista.
 
Per quanto riguarda gli Stati Uniti, la sua crescita in queste condizioni diminuirebbe dello 0,3%. La crescita del PIL totale per l'anno è di circa il 2,5%, quindi perderebbe di più in termini relativi rispetto alla Cina, circa un ottavo della sua crescita, evidenzia Lin.
"Se questa è la scelta degli Stati Uniti, cosa possiamo fare a riguardo?", è la domanda che si è posto Lin.
 
'America First' rispetto alla cooperazione redditizia
 
In tal senso, Lin ha ricordato che non è stata Pechino a dare il via a questa guerra commerciale. "Nel mese di novembre 2017, quando Donald Trump è arrivato in Cina, si arrivò ad un accordo che la Cina importerà più beni degli Stati Uniti per un valore di 250.000 milioni di dollari. Un grande affare! Ma poi la Casa Bianca ha detto 'no, questo non è abbastanza ", e ha imposto la tariffa del 25% su vari prodotti cinesi", ha ricordato Lin.
 
L'economist ha ammesso che tali misure restrittive hanno influenzato negativamente la Cina "ma ha colpito anche le società ed il popolo americano. Perché sono ora costretti a pagare molto di più per i beni che sono importanti per il loro business."
 
In risposta alle misure di Washington, Pechino ha aumentato le tariffe doganali per gli Stati Uniti.
vendere in Cina, mentre Washington ha iniziato a parlare di un possibile trasferimento di società statunitensi dalla Cina al Vietnam, alla Malesia e ad altri paesi del Sudest asiatico. "Ma se questo accadrà, sarà anche peggio per gli Stati Uniti. Perché questi paesi non hanno l'infrastruttura necessaria, è più difficile integrarli nelle catene del valore." Se così non fosse, la produzione [statunitense] già mi sarei trasferito lì, anche prima della guerra commerciale ", ha sottolineato l'economista.
 
Lin ha ribadito che anche con tariffe del 25%, l'importazione statunitense di prodotti dalla Cina è più redditizia rispetto alla sua ipotetica importazione dal Vietnam. "Quasi tutti gli economisti lo capiscono, ma sfortunatamente non tutti lo capiscono alla Casa Bianca." Nel nome del principio "America First", loro [l'amministrazione Trump] renderanno le persone e le imprese americane sofferenti", ha concluso.
 
Fonte: Kommersant - Foto Reuters
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa