New York Times: gli USA inviano una delegazione in Venezuela

New York Times: gli USA inviano una delegazione in Venezuela

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Una delegazione di alti funzionari del governo statunitense si sarebbe recata in Venezuela per incontrare i rappresentanti del governo bolivariano guidato dal presidente Nicolás Maduro, mentre Joe Biden applica al Venezuela le stesse brutali sanzioni imposte alla Russia, e mentre il presidente democratico al pari del suo predecessore Trump ha confermato il Venezuela «come una minaccia alla sicurezza nazionale e alla politica estera degli Stati Uniti», secondo l’Ordine Esecutivo 13962 dell’8 marzo 2015, firmato dall’allora Presidente degli Stati Uniti d’America Barack Obama. 

Secondo il New York Times si tratterebbe della visita a Caracas con funzionari statunitensi di più alto livello da quando gli Stati Uniti e il Venezuela hanno rotto le relazioni diplomatiche, e Washington ha chiuso la sua ambasciata a Caracas nel 2019. 

L'amministrazione del presidente USA Joe Biden starebbe cercando di "separare la Russia dai suoi alleati internazionali", poiché gli statunitensi ritengono che gli alleati di Mosca in America Latina "potrebbero diventare minacce alla sicurezza se lo stallo con la Russia" sull'Ucraina peggiora.

Inoltre, sempre secondo il giornale statunitense, l'economia della Russia è "sulla strada del collasso", e il governo degli Stati Uniti sta approfittando di questa opportunità per promuovere la sua agenda tra i paesi dell'America Latina che, a suo parere, possono iniziare a vedere Putin come un alleato sempre più debole.

Il presidente Maduro ha però reso noto di aver avuto una conversazione con il presidente Vladimir Putin sullo spirito di amicizia e fratellanza tra i due paesi. Ha anche indicato che il presidente russo gli ha spiegato a lungo l'operazione militare speciale in Ucraina, nel contesto delle minacce contro la Russia, ha dichiarato il leader venezuelano in un discorso televisivo. 

La vicinanza tra i due paesi è confermata dai diplomatici russi in Venezuela. L’ambasciatore russo presso la nazione latinoamericana, Sergey Melik-Bagdasarov, ha sottolineato il sostegno di Caracas nella lotta contro le forze nazionaliste in questi tempi difficili, quando il governo di Mosca deve affrontare molteplici accuse ingiustificate e un'ondata di sanzioni economiche.

"Siamo in lotta, ed è per questo che il presidente Nicolás Maduro ci ha detto che siamo nel processo di resistenza, e siamo in questa resistenza insieme al popolo venezuelano e al governo venezuelano", ha dichiarato l'alto diplomatico. "Siamo molto onorati dell'appoggio che sentiamo qui dal Venezuela in questi giorni molto difficili in cui la Federazione Russa sta lottando contro i nazisti, che stanno alzando le loro sporche teste, specialmente in Europa", ha detto l'ambasciatore.

In precedenza, Melik-Bagdasarov aveva detto alla stampa russa che Mosca "continuerà a rafforzare la cooperazione con il Venezuela anche in condizioni di misure coercitive unilaterali illegali degli Stati Uniti e dei paesi europei" spiegato che "i contatti con il governo venezuelano sono mantenuti regolarmente".

Il presidente Maduro, così come altri alti funzionari governativi, hanno ripetutamente espresso la loro indignazione per le misure applicate alla Russia e l'immagine che varie organizzazioni e media occidentali stanno creando della situazione attuale.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Marmolada: strage del sistema di Giorgio Cremaschi Marmolada: strage del sistema

Marmolada: strage del sistema

Ecco chi pagherà (veramente) la ricostruzione dell'Ucraina di Marinella Mondaini Ecco chi pagherà (veramente) la ricostruzione dell'Ucraina

Ecco chi pagherà (veramente) la ricostruzione dell'Ucraina

Il Liquidatore entra nella fase finale di Savino Balzano Il Liquidatore entra nella fase finale

Il Liquidatore entra nella fase finale

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai