No all'invio delle armi in Ucraina. L'iniziativa dell'ex senatore Crucioli a Genova

No all'invio delle armi in Ucraina. L'iniziativa dell'ex senatore Crucioli a Genova

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Le manifestazioni contro la guerra, contro l'invio di armi all'Ucraina, contro le sanzioni harakiri che stanno distruggendo quel che resta del tessuto socioeconomico italiano non hanno spazio nella narrazione mediatica?

Viene dolosamente taciuta qualsiasi notizia sulla grande mobilitazione a Genova del 25 febbraio, indetta dai portuali che si rifiutano di caricare le armi, con USB e Uniti per la Costituzione, i lavoratori di Gkn, con le decine di sigle della società civile contraria alla guerra e per una risoluzione negoziale a favore della Pace?

A Genova c'erano migliaia e migliaia di cittadini, una manifestazione finalmente non di facciata ma collegata alla coscienza di classe che i lavoratori della logistica in questi ultimi anni hanno dimostrato di aver mantenuto.

Una società sempre più invisibile.

Ebbene, una soluzione per essere visibili c'è. L'ha trovata a Genova l'ex senatore del Movimento 5 Stelle, espulso perché non ha votato la fiducia al Governo Draghi, e oggi consigliere comunale di Uniti per la Costituzione a Genova.

Uniti per la Costituzione è un soggetto politico che raccoglie (esperienza unica in Italia) tutte le forme di opposizione oggi dette "antisistema", che, invece, sul territorio nazionale si presentano divise.

Cosa ha fatto Uniti per la Costituzione di così eclatante da essere ripreso ieri anche dall'agenzia ANSA?
(Ucraina: ex senatore compra spazio pubblicitario contro le armi | ANSA.it https://www.ansa.it/amp/liguria/notizie/2023/03/01/ucraina-ex-senatore-compra-spazio-pubblicitario-contro-le-armi_d4864e78-6212-497b-acba-c37287894b8d.html).

Ha comprato uno spazio  pubblicitario per esporre un enorme cartello contro la guerra e l'invio di  armi, in modo che  nessuno possa ignorare o censurare il messaggio.
 
È un invito a "chiare lettere" a non sentirsi soli se la narrazione  di propaganda  di guerra, con i pizzini di Zelensky  persino a Sanremo, suscita dubbi e disagio.
 
E questa iniziativa  non resterà isolata.

Scrive Mattia Crucioli nel suo post: NO ALLA GUERRA, A CHIARE LETTERE.

"Da ieri mattina in Corso Europa trovate il primo manifesto autofinanziato grazie ai contributi degli attivisti genovesi di Uniti per la Costituzione. Esprimeremo il nostro dissenso in tutti i modi possibili, anche così.

Chi desidera contribuire per vedere altri manifesti come questo in giro per la città, può contattarci e chiederci indicazioni all'indirizzo mail: gruppounitiperlacostituzione@comune.genova.it"

Agata Iacono

Agata Iacono

Sociologa e antropologa

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO di Leonardo Sinigaglia Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor di Pasquale Cicalese Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti