Noam Chomsky: "Parlare di guerra con la Cina è una follia totale"

Noam Chomsky: "Parlare di guerra con la Cina è una follia totale"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il noto intellettuale nordamericano Noam Chomsky ha dato una triste prognosi sulla politica internazionale in un webinar ospitato da Massachusetts Peace Action lo scorso 26 aprile.

Chomsky ha espresso il suo sgomento nel leggere nelle pagine di Foreign Affairs, il giornale del prestigioso Council on Foreign Relations, che "possiamo avere una piccola guerra nucleare con la Russia... chi se ne frega".

Questo tipo di discorso, ha detto Chomsky, è "oltre la follia". Una guerra nucleare si tradurrà in sofferenze di massa e distruzione di gran parte del pianeta, poiché chiunque colpirà per primo genererà ritorsioni.

Chomsky ha ricordato che una volta fu chiesto ad Albert Einstein quali armi sarebbero state usate per combattere la Terza Guerra Mondiale. Ha risposto che non lo sapeva, ma che "la quarta guerra mondiale sarebbe stata combattuta con bastoni e pietre". Che sembra essere dove siamo diretti.

I generali statunitensi, che secondo Chomsky dovrebbero saperne di più, parlano apertamente di guerra con la Cina, quasi come se fosse un fatto compiuto.

Gli Stati Uniti stanno accerchiando militarmente la Cina mentre l'amministrazione Biden è in procinto di a) costruire la rete di basi militari statunitensi nelle Filippine; b) rafforzare l'alleanza militare statunitense con la Corea del Sud e il Giappone; c) l'invio di sottomarini nucleari e armi di precisione in Australia puntati contro la Cina; e d) l'invio di bombardieri nucleari B-52 a Guam.

La guerra economica degli Stati Uniti in corso contro la Cina era evidente nelle osservazioni del Segretario al Commercio degli Stati Uniti Gina Raimondo secondo cui tutti i paesi occidentali devono cooperare per impedire l'innovazione e lo sviluppo cinesi, il che implica che la Cina dovrebbe essere strangolata economicamente.

L'amministrazione Biden ha stabilito che nessun alleato degli Stati Uniti può inviare nulla alla Cina senza componenti statunitensi, compresi i Paesi Bassi, leader nell'industria litografica chiave nello sviluppo di chip per computer.

Secondo Chomsky, gli Stati Uniti stanno ora essenzialmente cercando di deindustrializzare l'Europa tagliandola fuori dal mercato cinese e dai minerali russi a seguito della guerra in Ucraina.

Gli alleati europei si stanno in parte sottomettendo, sebbene in parte rifiutando, a conformarsi ai disegni di Washington, mentre gran parte del resto del mondo è impegnata ad affermare la propria indipendenza dal sistema globale dominato dagli Stati Uniti, commerciando sempre di più in valute non statunitensi e migliorando il commercio rapporti con la Cina.

Secondo Chomsky, Washington è stata recentemente umiliata dalla Cina quando ha mediato un importante accordo di pace tra Arabia Saudita e Iran, che ha contrastato la politica statunitense di lunga data di cercare di costruire un blocco di stati arabi reazionari per contrastare l'Iran.

La distruttività delle politiche statunitensi in Medio Oriente è emblematica di un impero fallito i cui giorni sembrano sempre più condannati.

Con la minaccia incombente di un disastro ambientale, Chomsky ha affermato che i movimenti pacifisti devono richiedere un passaggio immediato dallo scontro con Cina e Russia alla cooperazione, altrimenti precipiteremo tutti insieme nel precipizio.

La crescente integrazione di Seoul nella pianificazione della guerra degli Stati Uniti

Il discorso di Chomsky è avvenuto durante una settimana in cui il presidente conservatore della Corea del Sud Yoon Suk Yeol era in visita con il presidente Biden in un vertice speciale per discutere l'ulteriore integrazione di Seoul nella pianificazione della guerra degli Stati Uniti e l'integrazione militare dei due paesi.

In una conferenza stampa congiunta dopo il vertice, Biden e Yoon ha annunciato un nuovo impegno degli Stati Uniti a schierare un sottomarino con armi nucleari in Corea del Sud per la prima volta dall'inizio degli anni '80.

Questo faceva parte di un serie di nuovi passaggi progettato per rafforzare la cooperazione USA-Corea del Sud in materia di addestramento militare, condivisione di informazioni e altre forme di collaborazione strategica, con il generale Kenneth Wilsbach, comandante delle forze aeree statunitensi del Pacifico, suggerendo che gli Stati Uniti potrebbero presto sbarcare bombardieri B-52 con capacità nucleare a Basi aeree della Corea del Sud.

In un intervista pubblicata il 19 aprile, Yoon ha stabilito l'agenda del suo viaggio, ribadendo che Seoul potrebbe potenzialmente iniziare a inviare aiuti militari letali all'Ucraina e sostenere la campagna di Washington per iniziare una guerra con la Cina a Taiwan. Yoon ha anche recentemente adottato misure per normalizzare le relazioni con il Giappone al fine di facilitare meglio un'alleanza tripartita con gli Stati Uniti contro la Cina.

A Pyongyang la sorella del leader nordcoreano Kim Jong-un, Kim Yo-jong, ha duramente denunciato l'accordo USA-Corea del Sud, avvertendo che "più i nemici sono decisi a organizzare esercitazioni di guerra nucleare e più risorse nucleari dispiegano nelle vicinanze della penisola coreana, più forte sarà l'esercizio del nostro diritto all'autodifesa in proporzione diretta a loro".

La portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova ha affermato che la nuclearizzazione dell'alleanza militare USA-Corea del Sud "non farà altro che intensificare le tensioni, provocare crisi nella sfera della sicurezza e provocare una corsa agli armamenti".

Simone Chun di Code Pink ha notato al Webinar sull'azione per la pace nel Massachusetts che l'80% dei sudcoreani si oppone al grado in cui il presidente Yoon - che ha vinto le elezioni lo scorso anno con un margine esiguo e gode solo di un indice di popolarità del 19% - ha capitolato all'imposizione di Washington di una politica anti-cinese alla Corea del Sud.

I sudcoreani sostengono in modo schiacciante relazioni estere equilibrate con Russia e Cina, la riconciliazione con il Giappone e la pace con la Corea del Nord, la cui realizzazione è stata ostacolata dagli Stati Uniti

Chomsky ha osservato che, sin dalla guerra di Corea nei primi anni '1950, la Corea del Sud è stata un "paese occupato", soggetto al dominio e al controllo degli Stati Uniti, che potrebbe cambiare solo se fosse firmato un trattato di pace con il Nord, qualcosa che la maggior parte dei sudcoreani desidera.

Chomsky ha elogiato gli sforzi degli attivisti per la pace presenti al webinar che hanno protestato contro la visita di Yoon alla Harvard Kennedy School, organizzando un mobilitazione a Washington in luglio e una conferenza come parte di un crescente movimento per una trasformazione della politica estera statunitense.

Chomsky ha anche affermato di aver tratto ispirazione dagli attivisti per la pace dell'isola di Jeju, al largo della Corea del Sud, che avevano coraggiosamente cercato di resistere alla recente costruzione di una base navale statunitense in un sito del patrimonio mondiale.

Chomsky ha ricordato i suoi viaggi nel Vietnam del Nord durante il culmine della guerra del Vietnam, dove molte delle aree che ha visitato erano come paesaggi lunari.

Le cose andrebbero ancora peggio oggi se la guerra scoppiasse di nuovo, ha lamentato Chomsky, con nuove tecnologie militari e un livello di distruzione ancora più totale. E quindi i pazzi e le donne al potere devono essere fermati.

 

 

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza di Leonardo Sinigaglia Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Genocidio, il tabù della parola di Giuseppe Giannini Genocidio, il tabù della parola

Genocidio, il tabù della parola

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti