Non lasciate che i profitti "green" seppelliscano le vostre giuste aspirazioni

Non lasciate che i profitti "green" seppelliscano le vostre giuste aspirazioni

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

"Il capitalismo è il primo responsabile, con le continue emissioni di gas serra, l'uso di combustibili fossili, le centrali a carbone, il gas estratto con il fracking. E' tutto frutto del sistema capitalista che dà priorità al profitto invece che alle persone". Così l'attivista ambientalista ugandese Vanessa Nakate intervistata dal Corriere, che aggiunge considerazioni sulle responsabilità del colonialismo. Una boccata d'aria fresca che lascia qualche speranza in merito al fatto che un movimento pompato dai media, che hanno fatto della Greta Turnberg una star, e osannato da quei leader politici occidentali che sono i primi responsabili del degrado ambientale, resti quell'innocua esibizione di "sardine verdi" che è stato finora.

Del resto, uno tsunami di mondanità, celebrazioni mediatiche, buonismi di vario conio, personalizzazione di leader adolescenti, seduzioni istituzionali si è rovesciato sulla manifestazione dei giovani ambientalisti a Milano. Riusciranno a seppellire le aspirazioni di una generazione che si affaccia sulla scena politica con tante buone intenzioni e altrettante ingenuità, integrandole nei progetti mistificatori di una green economy che guarda ai profitti assai più che agli equilibri ambientali, oppure una parte almeno del movimento si salverà, maturando una coscienza politica anti capitalista? Staremo a vedere, ma viste le energie dispiegate da media, partiti e oligarchie neoliberiste per riuscire a normalizzarli, sarebbe un miracolo...
 
---------------------------
 
A questi due post del Prof. Carlo Formenti integriamo questo commento - duro, anche eccessivo nei toni, ma che alimenta un dibattito necessario sulle aspirazioni di una generazione che deve rovesciare i tavoli non farsi portare laddove li portano i profitti delle multinazionali e media compiacenti - del giornalista australiano Andrew Bolt. Era il 2019 ma restano parole profondamente attuali:
 
“Voi siete la prima generazione che ha preteso l’aria condizionata in ogni sala d’aula; le vostre lezioni sono fatte al computer; avete un televisore in ogni stanza; passate la giornata a usare mezzi elettronici; invece di camminare a scuola prendete una flotta di mezzi privati che intasano le vie; siete i maggiori consumatori di beni di consumo di tutta la storia, comperando in continuazione costosi capi di abbigliamento per essere ‘trendy’; la vostra protesta è pubblicizzata con mezzi digitali e elettronici.
Ragazzi, prima di protestare, spegnete l’aria condizionata, andate a scuola a piedi, spegnete i vostri telefonini e leggete un libro, fatevi un panino invece di acquistare cibo confezionato.
Siete egoisti, mal educati, manipolati da persone che vi usano proclamando di avere una causa nobile, mentre vi trastullate. Svegliatevi, maturate. Informatevi dei fatti prima di protestare”
 
La Redazione
 
 
 
 

Carlo Formenti

Carlo Formenti

Giornalista, professore e ricercatore in pensione. Autore di "Il socialismo è morto. Viva il socialismo! Dalla disfatta della sinistra al momento populista" (Meltemi, 2019)

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza di Leonardo Sinigaglia Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Nella Guantanamo inglese. Le ore decisive di Assange di Geraldina Colotti Nella Guantanamo inglese. Le ore decisive di Assange

Nella Guantanamo inglese. Le ore decisive di Assange

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Genocidio, il tabù della parola di Giuseppe Giannini Genocidio, il tabù della parola

Genocidio, il tabù della parola

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Armi nucleari nello spazio: facciamo un po' di chiarezza di Andrea Puccio Armi nucleari nello spazio: facciamo un po' di chiarezza

Armi nucleari nello spazio: facciamo un po' di chiarezza

Germania: perché siamo all'anno zero di Giuseppe Masala Germania: perché siamo all'anno zero

Germania: perché siamo all'anno zero

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti