OPCW, quale segnale dall'appoggio dell'India alla Siria?

OPCW, quale segnale dall'appoggio dell'India alla Siria?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

 

di Kit Klarenberg

Damasco si ritrova nuovamente oggetto di vessazioni internazionali dopo essere stata giudicata colpevole di un attacco chimico e ostracizzata dall'OPCW. Tuttavia, il rifiuto del rapporto da parte di Nuova Delhi suggerisce che l'influenza dell'Occidente sta diminuendo.

Il 21 aprile, l'Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche (OPCW) ha annunciato che avrebbe rimosso con effetto immediato i "diritti e privilegi" della Siria all'interno dell'organismo. 

La mossa è stata accelerata da 87 stati membri dell'OPCW che hanno votato a favore di una proposta di 46 paesi - guidati da Londra, Parigi e Washington - per privare Damasco dei suoi poteri di voto nell'assemblea e impedire ai rappresentanti del paese di ricoprire qualsiasi carica all'interno del organizzazione.

È la prima volta che uno stato membro è stato sanzionato in questo modo nei suoi 24 anni di storia, e segue poco più di una settimana dopo che l'OPCW ha pubblicato i risultati della sua seconda indagine del team di investigazione e identificazione (IIT) su un presunto attacco chimico in Saraqib, Siria, nel febbraio 2018. Il team ha concluso che un elicottero dell'aeronautica militare siriana aveva lasciato cadere "almeno" una bombola contenente cloro sulla città, disperdendo il contenuto su un'ampia area. 

Le affermazioni principali del rapporto sono state diligentemente amplificate senza critiche dai media mainstream, ma questa volta non tutti erano convinti. In una riunione informale dei membri del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, convocata da Mosca e Pechino il 16 aprile, quattro giorni dopo la pubblicazione dei risultati dell'IIT, il vice rappresentante permanente dell'India, K. Nagaraj Naidu, ha pronunciato parole dure per l'OPCW. 

Ha affermato che Nuova Delhi aveva sempre sottolineato la necessità di indagini "imparziali, credibili e obiettive" sull'uso di armi chimiche, che "scrupolosamente" seguono le procedure e le disposizioni della Convenzione sulle armi chimiche per giungere a "conclusioni basate su prove" , aggiungendo in modo aspro: " l'attuale rapporto  è al di sotto di queste aspettative ". 

Il diplomatico di lungo corso non ha articolato riserve specifiche in India per i risultati, ma ha detto che è necessario “trarre lezioni” da eventi come quello di Colin Powell dell'infame  discorso All'Onu del febbraio del 2003, quando ha sostenuto Washington possedeva “inconfutabili e innegabile” prova che l'Iraq aveva armi di distruzione di massa in grado di prendere di mira l'Occidente. 

In ogni caso, non è necessaria una laurea in chimica per vedere come il rapporto IIT sia tutt'altro che "imparziale, credibile e obiettivo". 

Innanzitutto, l'OPCW afferma che i risultati dell'IIT sono stati derivati da una "revisione completa" di una montagna di prove, comprese le interviste ai testimoni oculari e alle vittime, l'analisi dei campioni raccolti nel sito e persino l'esame delle immagini satellitari. Ma allo stesso tempo ammette che l'indagine "si basava" su un'indagine sull'incidente  della missione di accertamento dei fatti (FFM) dell'OPCW del maggio 2018, che ha raggiunto le stesse conclusioni dell'IIT. 

Affidarsi al rapporto FFM è intrinsecamente problematico, dato che gli investigatori della missione non hanno effettivamente visitato il luogo dell'attacco e tutti i campioni esaminati sono stati forniti dai controversi White Helmets. Ciò significa che non esisteva una catena di custodia per questa prova fisica vitale, in violazione del protocollo OPCW di vecchia data, che afferma che tale prova cartacea è "critica al 100%".

"L'OPCW non verrebbe mai coinvolto nel testare campioni che i nostri stessi ispettori non raccolgono sul campo, perché dobbiamo mantenere la catena di custodia dei campioni dal campo al laboratorio per assicurarne l'integrità", ha detto un portavoce dell'OPCW ad aprile 2013.

È interessante notare che una tabella nel rapporto FFM che confronta i campioni prelevati da due bombole che si dice abbiano consegnato il carico utile del cloro, ha indicato che gli investigatori hanno trovato sostanze chimiche correlate al cloro, ma ha anche mostrato che molte sostanze chimiche rilevate erano correlate all'agente nervino sarin, che le forze jihadiste in Siria sono note per aver usato. 

Il rapporto FFM e il suo successore IIT, tuttavia, concludono entrambi che ci sono "fondati motivi" per ritenere che la sostanza chimica utilizzata nell'attacco fosse il cloro, quest'ultimo affermando che i "composti correlati al sarin" rappresentavano una parte trascurabile della "firma chimica" identificata nei campioni . 

Tuttavia, notano anche che gli specialisti consultati dal team "hanno convenuto che sarebbe stato difficile riempire un cilindro da utilizzare come arma sia con il sarin che con il cloro".  

Si dice che l'IIT abbia esplorato "la possibilità di contaminazione incrociata durante il processo di campionamento, o in una fase successiva nella manipolazione dei campioni stessi", i loro risultati "lasciando la possibilità che la contaminazione si sia verificata prima del campionamento o dopo il prelievo dei campioni , ma prima che fossero protetti dall'OPCW in imballaggi sigillati. " 

"Quest'ultimo scenario non spiegherebbe ancora completamente perché sono stati identificati solo i sottoprodotti e un prodotto di degradazione del sarin, piuttosto che il sarin stesso",  osserva il passaggio particolarmente incongruo. “In ogni caso, poiché la FFM non ha fatto risultati relativi all'uso del sarin a Saraqib ... l'IIT si è astenuto dal perseguire ulteriormente questo aspetto dell'incidente. Restano alcune incertezze riguardo al possibile utilizzo del sarin nella stessa area ".

Senza dubbio a causa delle recenti accuse secondo cui le forze ribelli hanno organizzato attacchi chimici "false flag" in Siria per accelerare l'intervento occidentale, il rapporto IIT ha esplorato specificamente questo scenario.

 Gli investigatori hanno ottenuto e analizzato "vari prodotti domestici a base di cloro comunemente usati nella Repubblica araba siriana e prontamente disponibili sul mercato",  che hanno identificato sei sostanze chimiche specifiche, "la cui presenza nei campioni dell'incidente di Saraqib potrebbe essere indicativa di intenzionale - o anche accidentale: la dispersione di questi prodotti a base di cloro nell'area in questione".

Nessuna traccia delle sei sostanze chimiche è stata trovata nei campioni che, sostiene l'IIT,  smentisce completamente i suggerimenti di messa in scena. Tuttavia, quali sei sostanze chimiche sono state trovate dal team non è indicato, né come e perché la loro assenza esclude un'operazione di "false flag" .

I caschi bianchi sono stati ancora più fondamentali per l'indagine FFM rispetto alla semplice fornitura dei campioni. Hanno anche messo gli investigatori in contatto con testimoni che hanno rafforzato la narrativa dell'attacco di cloro, molti dei quali hanno affermato in modo vistoso che l'odore intorno all'area colpita era un "odore pungente" simile a "prodotti per la pulizia della casa, anche se più forte".

Anche i White Helmets sono stati al centro delle indagini dell'OPCW su diversi altri presunti attacchi chimici in Siria, incluso un incidente dell'aprile 2018 a Douma. Documenti interni dell'OPCW trapelati  rivelano che due squadre FFM sono state inviate per indagare sull'incidente, con una diretta al sito stesso e l'altra in Turchia. 

Le interviste ai testimoni condotte nei diversi paesi differivano così nettamente che una bozza di rapporto interinale di 116 pagine preparata nel giugno 2018 si riferiva specificamente a "due narrazioni ampie e distinte": una in cui si è verificato un attacco chimico, l'altra in cui non si è verificato alcun evento del genere. 

Tuttavia, il rapporto rilasciato al pubblico è stato ridotto a sole 34 pagine, con tutte le prove balistiche, forensi e testimoni raccolte dal Douma FFM, che ha completamente dissipato l'idea di un attacco chimico e ha indicato direttamente o indirettamente un incidente organizzato, rimosso.

Invece, sulla base delle sole prove fornite dai Caschi Bianchi, l'OPCW ha affermato che c'erano "prove sufficienti" per concludere che il cloro era stato liberato sulla città occupata dai ribelli da bombole sganciate da un elicottero governativo. Un'eco davvero inquietante sulla sua indagine a Saraqib. 

Questo editing selettivo è stato così fuorviante che ha spinto un investigatore dell'OPCW che aveva visitato Douma a scrivere in privato al direttore generale dell'organizzazione, esprimendo la loro "più grave preoccupazione" per il grado in cui i risultati "travisano i fatti". Non è stato fino a novembre 2019, 18 mesi dopo la pubblicazione del rapporto, che le loro agghiaccianti parole sono trapelate online.

Nessuno può immaginare se internamente siano state espresse preoccupazioni altrettanto gravi riguardo all'evidente ugualmente sospetta sonda FFM di Saraqib, sebbene in questo caso nessun investigatore si sia effettivamente recato in città per condurre un'ispezione sul campo “imparziale, credibile e obiettiva” . Gli stessi paesi che hanno proposto la censura dell'OPCW della Siria sono senza dubbio sollevati - ed è estremamente improbabile che lo stesso OPCW commetta mai più un errore così eclatante.

Potrebbe anche interessarti

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi? di Francesco Erspamer  Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Le preoccupazioni di Draghi per la Dad sono fasulle di Paolo Desogus Le preoccupazioni di Draghi per la Dad sono fasulle

Le preoccupazioni di Draghi per la Dad sono fasulle

La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia di Giorgio Cremaschi La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia

La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia

Putin ha preso la decisione di Marinella Mondaini Putin ha preso la decisione

Putin ha preso la decisione

Green Pass, quei "fascisti" di Amnesty International... di Savino Balzano Green Pass, quei "fascisti" di Amnesty International...

Green Pass, quei "fascisti" di Amnesty International...

Green Pass: si o no? di Alberto Fazolo Green Pass: si o no?

Green Pass: si o no?

Il Ventennio dell'euro di Thomas Fazi Il Ventennio dell'euro

Il Ventennio dell'euro

"Profitti zero": Siamo alla fase finale di Pasquale Cicalese "Profitti zero": Siamo alla fase finale

"Profitti zero": Siamo alla fase finale

Prima che sia troppo tardi per chiedere scusa di Antonio Di Siena Prima che sia troppo tardi per chiedere scusa

Prima che sia troppo tardi per chiedere scusa

Torna di moda la fake delle fake sulla "Germania virtuosa"... di Gilberto Trombetta Torna di moda la fake delle fake sulla "Germania virtuosa"...

Torna di moda la fake delle fake sulla "Germania virtuosa"...

Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia di Michelangelo Severgnini Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia

Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia