Orban: “L'Europa è a pochi centimetri dalla distruzione"

Orban: “L'Europa è a pochi centimetri dalla distruzione"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il primo ministro ungherese Viktor Orbán ha avvertito che l'Europa si sta avvicinando alla guerra con le sue decisioni di aumentare il coinvolgimento nel conflitto ucraino, il che significa che è “a pochi centimetri dalla distruzione vera e propria”.

“Ogni settimana ci avviciniamo alla guerra. Ogni settimana accade qualcosa che va nella direzione di una deriva verso la guerra", ha dichiarato Orbán alla radio Kossuth in un'intervista. Il leader ungherese ha sottolineato che “l'entrata in guerra non avviene da un giorno all'altro”. “Ha tre fasi. C'è la discussione, poi la preparazione e infine la distruzione. Abbiamo già superato la fase delle discussioni. Quello che stiamo discutendo ora, quello che stiamo analizzando ora, è una questione di preparazione, e questo significa che siamo a pochi centimetri dalla distruzione vera e propria", ha sottolineato.

Allo stesso tempo, il funzionario ha paragonato la situazione attuale a quella della Prima e della Seconda guerra mondiale, sostenendo che durante questi due conflitti la pace è stata raggiunta in quattro e cinque anni. “Dobbiamo imparare dalla storia. Dobbiamo risparmiare questi quattro o cinque anni. Quindi possiamo dire ora, all'inizio, che non c'è soluzione per questa guerra sul campo di battaglia. Chiunque voglia vincere questa guerra sul campo di battaglia si sta condannando alla guerra e rischia una guerra mondiale", ha sottolineato.

Inoltre, il leader ha sottolineato che le principali domande che l'Ungheria deve affrontare in questo momento sono se è unita nella causa della pace e se è disposta a “morire per l'Ucraina”. “Siamo pronti a dare il sangue ungherese in Ucraina per l'Ucraina? E non lo siamo", ha affermato Orbán, aggiungendo che ‘la cosa più importante è l'interesse dell'Ungheria’ e che il conflitto ucraino non è nell'interesse dell'Ungheria, quindi ‘gli ungheresi non dovrebbero soffrire per questa guerra’ e il Paese dovrebbe ‘restarne fuori’.

Il primo ministro ha anche commentato le discussioni della NATO sull'idea di dare all'Ucraina il permesso di usare le armi occidentali contro il territorio russo, definendole “preoccupanti”. Secondo Orbán, le affermazioni del Segretario Generale della NATO Jens Stoltenberg, secondo cui le armi occidentali dopo la consegna “appartengono all'Ucraina”, che “può farne ciò che vuole”, provocheranno un grande dibattito sul loro funzionamento.

“Come hanno annunciato ieri i russi, considerano questo come lo zampino della NATO nei danni armati causati dagli ucraini sul territorio russo, quindi senza la NATO l'Ucraina non sarebbe in grado di sparare sul territorio russo”, ha detto il politico, aggiungendo che con questa autorizzazione l'Alleanza ha fatto “un ulteriore passo avanti nel suo coinvolgimento” nel conflitto.

Rispondendo a una domanda sul perché i Paesi occidentali vogliano aumentare le tensioni e il loro coinvolgimento nel conflitto ucraino, Orbán ha sottolineato: “Vogliono vincere questa guerra contro la Russia, vogliono sconfiggere la Russia”. “A volte dicono che i russi non possono vincere, ma il punto è lo stesso: vogliono ottenere un successo militare contro la Russia - a qualsiasi costo”.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon di Paolo Desogus Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE di Fabrizio Verde Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE

Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

Attentato a Trump: tutti i "misteri" ancora senza risposta di Clara Statello Attentato a Trump: tutti i "misteri" ancora senza risposta

Attentato a Trump: tutti i "misteri" ancora senza risposta

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

La Russia e Trump: un esercizio di memoria di Andrea Puccio La Russia e Trump: un esercizio di memoria

La Russia e Trump: un esercizio di memoria

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti