Patto di stabilità. Dati, stime e tabelle: una risposta al "sito di informazione della LUISS"

Patto di stabilità. Dati, stime e tabelle: una risposta al "sito di informazione della LUISS"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Gilberto Trombetta

 

Tante parole per nulla, verrebbe da dire. L’articolo “Il nuovo Patto di stabilità ci costa 20 miliardi l’anno? Non proprio” a firma di Luca Graziani e Lavinia Monaco avrebbe voluto confutare i dati riportati nell’analisi degli effetti per l’Italia del nuovo patto di stabilità e crescita, ma non ha potuto farlo.

Nello stesso articolo del sito di informazione della Luiss, si fa infatti riferimento alle tabelle elaborate dal think tank Bruegel¹, le stesse utilizzate per l’articolo contestato.

Cosa dicono per l’Italia i dati elaborati da Bruegel? Dicono che in caso di programma di aggiustamento della durata di 7 anni (2025/31), il deficit strutturale dovrà essere tagliato dello 0,61% l’anno (13 miliardi di euro circa) ogni anno (per un totale di 91 miliardi) mentre se l’Italia opterà per il programma quadriennale (2025/28) anziché settennale l’aggiustamento sarà dell’1,15% l’anno (25,5 miliardi) ogni anno (per un totale di 98 miliardi).

Visto che l’articolo in questione prendeva in considerazione lo scenario quadriennale, le cifre fornite (un taglio di circa 20 miliardi di euro l’anno che a fine periodo di aggiustamento raggiungerebbero i 100 miliardi circa) risultano sostanzialmente corrette. Anzi calcolatrice alla mano, il taglio annuale rispetto allo scenario di aggiustamento quadriennale risulterebbe addirittura leggermente sottostimato (25,5 miliardi contro i 20 citati nell’articolo).

Questo attenendosi ai dati e alle proiezioni degli economisti di Bruegel, le uniche disponibili e  comunque le più affidabili. La contestazione mossa secondo la quale “i numeri proposti, infatti, non solo non provengono da alcuna fonte ufficiale o autorevole, ma sarebbero delle stime” è, dispiace dirlo, campata in aria visto che le stime fatte da Bruegel (decisamente autorevole) sono state elaborate in base ai contenuti del nuovo Patto pubblicati dalla Commissione (una fonte decisamente ufficiale).

E sono stati proprio gli studiosi del Bruegel, commentando l’accordo, che hanno sì evidenziato alcuni aspetti migliorativi rispetto al vecchio patto di stabilità, me ponendo anche l’accento su alcuni aspetti negativi e peggiorativi. Soprattutto per Paesi come l’Italia. Jeromin Zettelmeyer, autore del lavoro di Bruegel, ha infatti così commentato²: «il margine dell’1,5% potrebbe rivelarsi troppo rigido per alcuni Paesi – in particolare l’Italia, per il quale ciò si traduce in un requisito di saldo primario strutturale superiore al 4% del PIL».

Tutte le altre argomentazioni portate nell’articolo e prese dalle considerazioni personali di vari opinionisti (Gentiloni, Cottarelli, Goria) lasciano il tempo che trovano rispetto ai dati che sono invece in linea con quelli riportati nell’articolo pubblicato su l'AntiDiplomatico.

 

¹ https://www.bruegel.org/first-glance/assessing-ecofin-compromise-fiscal-rules-reform

² https://twitter.com/jzettelmeyer/status/1737589708639596966

 

Gilberto Trombetta

Gilberto Trombetta

43 anni, giornalista politico economico e candidato Sindaco di Roma con la lista Riconquistare l'Italia del Fronte Sovranista Italiano

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti