Patto di stabilità e condizionalità: la CDU tedesca vuole ancora austerità

Patto di stabilità e condizionalità: la CDU tedesca vuole ancora austerità

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

ESTRATTO DAL MANIFESTO ELETTORALE CDU/CSU. “DAS PROGRAMM FÜR STABILITÄT UND ERNEUERUNG. GEMEINSAM FÜR EIN MODERNES DEUTSCHLAND”, IL PROGRAMMA PER LA STABILITÀ E IL RINNOVAMENTO. INSIEME PER UNA GERMANIA MODERNA 

 

 

 

625 2.4. Europa competitiva e stabile 

626 Imporre criteri di stabilità per l'unione economica e monetaria 

L'Unione economica e monetaria (UEM) e l'introduzione dell'euro sono pietre miliari dell'integrazione europea. Sosteniamo una vera unione di stabilità e crescita. 

Vogliamo ripristinare rapidamente le regole fiscali del patto di stabilità e crescita e del Fiscal Compact dopo la pandemia del Covid e svilupparle ulteriormente senza indebolirle. 

Vogliamo limitare il margine di discrezionalità nella procedura per i disavanzi eccessivi e rafforzare il principio di condizionalità. Le violazioni dei criteri di stabilità devono essere sanzionate in modo coerente. 

L'Unione europea ha risposto in modo appropriato e solidale alla crisi della corona con lo strumento di sviluppo "Next Generation EU" in combinazione con il quadro finanziario pluriennale dal 2021 al 2027. L'Europa può essere forte solo insieme. Abbiamo quindi fatto una campagna per sostenere i paesi dell'Europa meridionale che sono stati particolarmente colpiti dalla crisi. 

Il prestito europeo associato è temporaneo e una tantum. Non è un ingresso in un'unione del debito - e non deve mai esserlo. Perché per una politica finanziaria e di bilancio responsabile negli Stati membri, l’onere di rispondere ed il potere di decidere devono rimanere in una mano sola. 

I Trattati parlano un linguaggio chiaro: ogni Stato membro è responsabile dei propri debiti. Continuiamo a rifiutarci di mettere in comune i debiti o i rischi degli Stati membri. Perché vogliamo una vera unione di stabilità e non un'unione di debiti e oneri. 

La nostra Europa è sinonimo di una solida politica di bilancio. Soprattutto, le risorse di bilancio devono essere utilizzate per misure che creino valore aggiunto europeo. Devono concentrarsi ancora di più sui futuri compiti europei. 

653 Armonizzare meglio la politica economica europea, rafforzare l'unione monetaria 

Per rafforzare l'unione economica e monetaria, le politiche economiche nazionali devono essere meglio coordinate e tra loro armonizzate. 

Vogliamo un ruolo più forte per il Commissario per gli affari economici e monetari dell'UE, in particolare per far rispettare i criteri di stabilità. Le raccomandazioni specifiche per paese dovrebbero riguardare settori chiave, in particolare le riforme strutturali e il consolidamento fiscale. I fondi strutturali devono essere utilizzati per sostenere i processi di riforma e le innovazioni. 

La regolamentazione dei mercati finanziari europei (tassonomia), il reporting di sostenibilità e la legislazione sulla catena di approvvigionamento richiedono analisi precise della concorrenza globale, in particolare per le aziende di medie dimensioni. 

Ci impegniamo per un regolamento UE per le catene di approvvigionamento. Ciò deve rafforzare gli standard della legge tedesca sulla cura della catena di approvvigionamento nel mercato interno dell'UE in tutta Europa, ma non rafforzarli. In questo modo evitiamo normative diverse e quindi impraticabili e creiamo condizioni concorrenziali eque. 

Con il certificato A1 per il distacco dei dipendenti in altri paesi dell'UE, sosteniamo una soluzione pratica che protegga dagli abusi e allo stesso tempo sia non burocratica e gestibile digitalmente. 

Ci impegniamo per l'indipendenza della Banca centrale europea (BCE). La politica monetaria e quella finanziaria devono rimanere separate. Rifiutiamo quindi il finanziamento statale monetario. L'obiettivo prioritario della BCE resta il mantenimento della stabilità monetaria e finanziaria. 

La nostra valuta deve essere ben preparata per l'era digitale. Sosteniamo un euro digitale come mezzo di pagamento veloce, facile e sicuro. Può solo integrare il denaro contante non compromettere la stabilità dei prezzi e finanziaria. Perché il denaro contante in pratica è libertà. Continuiamo quindi ad attenerci al denaro contante come mezzo di pagamento. 

680 Rendere l'architettura finanziaria europea a prova di crisi 

L'Europa deve essere meglio preparata alle crisi economiche o finanziarie in modo che possano essere superate più rapidamente e meglio. Ciò richiede maggiore stabilità in tutta Europa. 

Vogliamo sviluppare e completare ulteriormente il meccanismo europeo di stabilità (MES), l'unione bancaria e l'unione dei mercati dei capitali, tenendo conto degli aspetti di stabilità. 

Per far fronte a Stati colpiti da una crisi economica e/o finanziaria, abbiamo bisogno di procedure ordinate fino alla procedura di insolvenza per gli Stati. 

Per completare l'unione bancaria, è imperativo ridurre i rischi esistenti nel sistema bancario. Rifiutiamo i salvataggi bancari dalle entrate fiscali e una messa in comune dei costi nel quadro dell'assicurazione europea dei depositi. 

Con tutti i cambiamenti a livello europeo, devono essere mantenute le caratteristiche speciali del nostro collaudato sistema a tre pilastri di banche private, banche pubbliche e banche cooperative. In particolare, l'offerta di credito alle PMI e il finanziamento di immobili residenziali non devono essere inutilmente limitati a causa di eccessivi requisiti normativi. È così che garantiamo che le crisi siano rapide e può essere superato meglio. 

700 Rafforzare il commercio mondiale equo 

In Germania un posto di lavoro su quattro dipende dalle esportazioni e nell'industria tedesca anche più di uno su due. Facciamo affidamento sul libero commercio mondiale con condizioni di concorrenza internazionale eque invece del protezionismo e dell'isolamento. 

Insieme ai nostri partner, vogliamo rafforzare il multilateralismo attraverso la riforma dell'Organizzazione mondiale del commercio e promuovere la conclusione di accordi di libero scambio da parte dell'Unione europea. Nel complesso, abbiamo bisogno di un incastro delle misure di difesa commerciale con gli strumenti del diritto della concorrenza. 

Vogliamo che la politica commerciale europea lavori in modo coerente per migliorare l'accesso al mercato di beni e servizi al fine di rimuovere gli ostacoli per le imprese europee nei mercati terzi. In tal modo, le aperture di mercato devono essere garantite reciprocamente nella stessa misura e la pirateria dei marchi deve essere frenata. 

Vogliamo creare incentivi affinché i nostri standard elevati, ad esempio in termini di tutela dell'ambiente, dei consumatori e dei dipendenti, diventino standard internazionali. Perché il nostro obiettivo è un commercio multilaterale, equo e basato su regole che apra prospettive di prosperità per tutti, rafforzi la lotta contro i cambiamenti climatici, metta al bando il lavoro minorile e lavori per migliorare le condizioni di lavoro in altri paesi. 

Vogliamo stabilire e rafforzare ulteriormente i meccanismi sanzionatori per le violazioni degli aspetti di sostenibilità e protezione del clima. 

Vogliamo stabilire i nostri valori di base comuni e standard comuni, in particolare con i nostri partner transatlantici nella politica commerciale in tutto il mondo. 

Sosteniamo la tardiva ratifica dell'accordo economico tra l'Unione europea e il Canada (CETA). Sosteniamo inoltre la piena attuazione dell'accordo commerciale dell'UE con l'area del Mercosur, a condizione che si possa garantire che, in particolare in agricoltura, gli standard di produzione e di prodotto soddisfino i nostri standard. 

Ci stiamo impegnando per un rapido riavvio dei negoziati tra l'UE e gli Stati Uniti: vogliamo un accordo commerciale, economico e di investimento transatlantico con gli Stati Uniti che stabilisca anche standard ecologici a livello mondiale. 

730 Impegnarsi per una moderna politica industriale europea 

Rafforzare la competitività dell'industria europea è più importante che mai alla luce delle condizioni quadro globali più restrittive e del ruolo della Cina. Il nostro obiettivo è che l'Europa assuma una posizione di primo piano a livello mondiale in importanti settori industriali futuri come l'intelligenza artificiale, la tecnologia quantistica, i semiconduttori, l'idrogeno e la blockchain. 

Per questo abbiamo bisogno di una tecnologia europea ambiziosa e di una strategia industriale. 

Vogliamo promuovere ulteriormente la capacità di sviluppare e produrre tecnologie chiave in Europa. I progetti di finanziamento strategico dell'UE devono sviluppare ulteriormente i punti di forza esistenti in sedi europee, come la microelettronica o l'aerospazio, nell'interesse della competitività globale. 

Vogliamo adeguare la normativa europea in materia di concorrenza e aiuti di Stato per compensare le distorsioni negli scambi e nella concorrenza dovute a sussidi e interventi statali in altre parti del mondo. Per fare questo, l'Unione europea deve portare avanti i negoziati con altri grandi paesi industrializzati. 

Dobbiamo chiudere le catene del valore all'interno dell'Europa e quindi renderci più indipendenti dalle altre parti del mondo. Abbiamo bisogno di una nuova sovranità per l'Europa in tutte le aree economiche di rilevanza sistemica. 

Vogliamo modernizzare la normativa UE sugli appalti pubblici per ridurre la burocrazia.

(Traduzione di Musso)

Potrebbe anche interessarti

Ma perché oggi, con i vaccini, la situazione è peggiore di un anno fa? di Francesco Santoianni Ma perché oggi, con i vaccini, la situazione è peggiore di un anno fa?

Ma perché oggi, con i vaccini, la situazione è peggiore di un anno fa?

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina   di Bruno Guigue I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass di Thomas Fazi Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio? di Giuseppe Masala Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia di Gilberto Trombetta Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti