PD, M5S e "terzo polo": l'illuminante ricerca del Corriere sulla distribuzione del voto

PD, M5S e "terzo polo": l'illuminante ricerca del Corriere sulla distribuzione del voto

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Lo sapevamo già, ma vederlo tradotto in numeri fa sempre effetto. 

La ricerca sulla distribuzione del voto fra le varie forze politiche in base a posizione geografica, attività lavorativa, età, genere e livelli di scolarizzazione pubblicata pubblicata oggi sul Corriere ((a pagina 9) conferma: 

1) che il PD (ma vale anche per Leu e dintorni) è il partito delle grandi città (soprattutto dei loro centri storici), degli anziani (alta percentuale fra i pensionati), degli imprenditori e dei lavoratori autonomi mentre prende solo l'8%  (!!) del voto operaio;

2) che l'elettorato tradizionale delle sinistre (tute blu e ancora lavoro autonomo, soprattutto al Nord, periferie, giovani, in particolare se non laureati, ecc.) vota a destra. 

Andando più a fondo, per esempio il voto dei pensionati andrebbe disaggregato rispetto al reddito percepito e lo stesso dicasi del lavoro autonomo, ma soprattutto analizzando la composizione socioeconomica e culturale delle astensioni, sono convinto che il quadro apparirebbe ancora più  in controtendenza rispetto alla composizione di qualche decennio fa. 

Il punto non è tanto che queste sinistre esprimono ormai esclusivamente gli interessi delle élite economiche dominanti, quanto che la rappresentanza delle classi subalterne è ormai appannaggio delle destre, in assenza di una robusta alternativa social comunista che resta in gran parte da costruire. 

Un compito che appare tanto più urgente a mano a mano che la violenza repressiva di questo regime si fa più dura, mentre le illusioni in merito alla nascita di un "terzo polo" populista svaporano assieme al poco che resta dell'M5S. 

Per inciso: in barba all'ideologia politicamente corretta che le sinistre agitano con l'appoggio dei media per catturare il consenso femminile, l'inchiesta rivela che anche il voto delle donne non le premiano...

Carlo Formenti

Carlo Formenti

Giornalista, professore e ricercatore in pensione. Autore di "Il socialismo è morto. Viva il socialismo! Dalla disfatta della sinistra al momento populista" (Meltemi, 2019)

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

La decadenza finale dell'occidente (con un intruso) di Marinella Mondaini La decadenza finale dell'occidente (con un intruso)

La decadenza finale dell'occidente (con un intruso)

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO