Perché il 'Corriere' vuole una sinistra ancora più prona al sistema?

Perché il 'Corriere' vuole una sinistra ancora più prona al sistema?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Oggi Di Vico si è guadagnato la pagnotta, oltre che la gratitudine dei padroni, con un fondo sul Corriere in cui mescola sapientemente menzogne e retorica politicamente corretta, attaccando l’incapacità delle sinistre di garantire un minimo di consenso e legittimità al sistema.

Ma come, vi chiederete, questa gente non è ancora soddisfatta di tutte le abiure perpetrate negli ultimi decenni da una sinistra totalmente prona ai dettati della Ue e delle sue regole ordoliberali, delle lobby finanziarie e industriali, degli Usa e della Nato?

No perché, da un lato, costoro cominciano a rendersi conto che questi voltafaccia le hanno tolto credibilità nei confronti di quegli strati sociali che un tempo erano la sua base elettorale, sindacale e politica, per cui viene a mancare quella funzione storica che la sinistra ha sistematicamente svolto negli ultimi decenni, cioè far digerire alle classi subalterne i sacrifici che di volta il volta la razza padrona esigeva dai propri sudditi; dall’altro lato, temono che, per recuperare un minimo di credibilità, inscenino qualche  riconoscimento simbolico (vedi lo sciopero generale indetto da CGIL e Uil) del fatto che esiste ancora il conflitto capitale/lavoro.

Eh no, cari signori, li bacchetta Di Vico, il vostro compito non è agitare questo fantasma, di cui si deve a ogni costo dichiarare la fine definitiva, bensì dire che sì, il conflitto esiste ancora (negarlo sarebbe difficile, con milioni di disoccupati, di ricacciati sotto la soglia della povertà e privati dei diritti sociali e ora financo del diritto civile di manifestare la propria incazzatura, per tacere della crescita vertiginosa delle disuguaglianze), ma oggi quello fra capitale e lavoro viene dopo i conflitti generazionali, di genere, i problemi ambientali.

Occupatevi di questi che sono i “veri” problemi (evidentemente Di Vico finge di ignorare che giovani, donne e ambiente sono i primi a pagare il fio del rafforzamento dei rapporti di forza del capitale ai danni del lavoro).

Carlo Formenti

Carlo Formenti

Giornalista, professore e ricercatore in pensione. Autore di "Il socialismo è morto. Viva il socialismo! Dalla disfatta della sinistra al momento populista" (Meltemi, 2019)

Potrebbe anche interessarti

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Von Der Leyen e le elezioni italiane di Pasquale Cicalese Von Der Leyen e le elezioni italiane

Von Der Leyen e le elezioni italiane

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra