Perché Obama sta muovendo truppe in Polonia, provocando la Russia prima dell'insediamento di Trump?

 Perché Obama sta muovendo truppe in Polonia, provocando la Russia prima dell'insediamento di Trump?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

  
 Invece di fare un passo indietro e cercare di garantire una transizione agevole per Donald Trump, Barack Obama ha deciso di utilizzare ogni oncia del potere presidenziale ancora a sua disposizione, denuncia Michael Snyder. Ha autorizzaato una serie di nuovi monumenti nazionali, ha appena pugnalato Israele alla schiena alle Nazioni Unite e ha anche avuto il tempo per dare a Joe Biden una Medaglia Presidenziale della Libertà. Ma ciò che preoccupa maggiormente le persone sono le continue provocazioni nei confronti della Russia. Ogni giorno sembra che Obama stia facendo qualcosa per aggravare la situazione con la Russia, e se non stesse per lasciare la carica, i media mainstream sarebbe pieni di speculazioni su una possibile guerra.

 I Presidenti uscenti non dovrebbero fare mosse rischiose come questa una volta che un nuovo presidente è stato eletto. 

E invece, come sappiamo, una brigata di 3.500 militari americani, con 550 blindati e 87 cingolati, è arrivata in Polonia e si è sistemata nelle basi di Zagan, non lontano dal confine con la Germania, e di Olsztyn, nel Nord del Paese. Si tratta di una mossa decisa dalla Nato già nel 2014 nell’ambito dell’operazione Atlantic Resolve.

La Polonia era una volta un membro chiave del Patto di Varsavia, e i russi sono molto allarmati dal fatto che le truppe Usa saranno ora di stanza così vicino al cuore russo. Era dai tempi della Guerra Fredda che non si vedevano manovre americane di questa portata in Europa.

 Ed è stato anche annunciato che le truppe della Nato arriveranno in Lituania a fine gennaio . Se si ricorderà, la Lituania era in realtà parte dell'Unione Sovietica durante la Guerra Fredda.

Tutto ad un tratto, la Russia è diventata il nemico numero uno.  Barack Obama e Hillary Clinton dicono che la Russia è responsabile della sconfitta della Clinton, e così alla fine del mese di dicembre Obama ha espulso 35 diplomatici russi dal paese.

Questo è il genere di cose che si fanno prima dell'avvio di una guerra.

  E in Europa, sono così ossessionati da una potenziale interferenza russa nelle loro elezioni che stanno "erigendo difese per contrastare possibili attacchi informatici russi" ...

 Molti sperano che le relazioni con la Russia miglioreranno durante l'amministrazione Trump, ma la verità è che le cose potrebbero andare diversamente.

E' importante ricordare che Trump sarà circondato da militari che sono violentemente anti-Russia. Ad esempio, James Mattis che è stato nominato per essere il segretario alla difesa questa settimana ha detto al Congresso che la Russia è la "principale minaccia" alla sicurezza degli Stati Uniti ...

 Vi è una grande preoccupazione che la visione di Trump della Russia potrebbe essere significativamente plasmata dai militari, come Mattis. Democratici e repubblicani vogliono che Trump diventi molto più anti-Russia.

 E in risposta alle truppe americane in Polonia, il governo russo ha dispiegato sistemi missilistici anti-aerei avanzati intorno a Mosca ...

 Dobbiamo essere molto grati che Barack Obama stia lasciando l'ufficio, scrive Snyder, perché in questo momento siamo su un sentiero che porta alla guerra con la Russia.

Ogni persona dovrebbe sperare che Donald Trump lavorerà per migliorare notevolmente i rapporti con i russi.

Una nuova guerra fredda è cominciata, e la posta in gioco è incredibilmente alta ...

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito di Geraldina Colotti Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse di Clara Statello La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Israele arranca – Salvo Ardizzone di Giacomo Gabellini Israele arranca – Salvo Ardizzone

Israele arranca – Salvo Ardizzone

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO) di Michelangelo Severgnini "L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza di Michele Blanco Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza

Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti