Prof. Joerg Bibow al FT: "La Germania ora dovrebbe uscire dall'euro"

Prof. Joerg Bibow al FT: "La Germania ora dovrebbe uscire dall'euro"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!



In una lettera indirizzata al quotidiano FInancial Times, l'economista Joerg Bibow, professore presso lo Skidmore College negli Stati Uniti, afferma che la sentenza della corte costituzionale tedesca rischia di gettare l'intera eurozona in una "impasse insolubile". Quindi la Germania dovrebbe prendere atto e seguire "la secessione giudiziaria del suo tribunale supremo" quindi staccarsi "dalla zona euro". Per il professore il comportamento della Germania risulta incomprensibile anche alla luce di un'unione monetaria dove "le enormi e persistenti eccedenze esterne della Germania hanno preceduto la crisi dell'euro. Erano la fonte della vulnerabilità dei paesi debitori tra i partner europei della Germania".


di Joerg Bibow - Financial Times
 

Martin Wolf sostiene giustamente (Opinion, 13 maggio) che, nella sua recente sentenza sulle politiche monetarie della Banca Centrale Europea, che la corte costituzionale tedesca ha commesso un "atto di secessione giudiziaria" che "ha creato una crisi forse insolubile". Nel contemplare le opzioni disponibili adesso, osserva che "la Germania potrebbe separarsi coraggiosamente dalla zona euro". Invero.

 

Dato che la Germania ha effettivamente chiuso il percorso finale in quello che ho soprannominato il suo "trilemma dell'euro", in cui si afferma che la Germania "non può avere tutto: eccedenze perpetue all'esportazione, un'unione monetaria senza trasferimenti/senza salvataggi e una banca centrale indipendente".

 

Le enormi e persistenti eccedenze esterne della Germania hanno preceduto la crisi dell'euro. Erano la fonte della vulnerabilità dei paesi debitori tra i partner europei della Germania.

 

I gravi squilibri prolungati sono la fonte di richieste per un’unione di trasferimenti nell'euro. L'attuale crisi di Covid-19 sembra solo peggiorare le divergenze e quindi rischia di sbilanciare ulteriormente l'Europa. Eppure la Germania continua a bloccare tutti i modi costruttivi per sostenere la crisi attraverso strumenti di debito comuni per paura di un'unione fiscale. Da sempre la BCE è stata "the only game in town" nel tentativo di contenere almeno il danno risultante e mantenere a galla l'economia dell'euro.

 

Ma la corte costituzionale tedesca ha ora posto dei blocchi anche su questa strada, sulla base di un ragionamento profondamente imperfetto.

 

La Germania avrebbe potuto usare i suoi immensi risparmi di bilancio derivanti dal suo status di rifugio sicuro all'interno dell'unione monetaria difettosa per compensare i suoi risparmiatori che sarebbero stati espropriati dalla BCE. Sotto il suo mantra fiscale "black zero" la Germania ha scelto diversamente. Il possibile impasse insolubile creato dall'ultima sentenza del tribunale è veramente ironico. Chi avrebbe mai pensato che il principio dell'indipendenza della banca centrale, che la Germania ha combattuto così duramente per stabilire in Europa, alla fine sarebbe stato demolito dai giudici indipendenti tedeschi?

 

Sembrerebbe logico che la Germania segua la secessione giudiziaria del suo tribunale supremo e si stacchi dalla zona euro. La Germania sarà abbastanza audace?

 

(Traduzione de l’AntiDiplomatico)

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti