Putin: «I cittadini di Iraq, Libia, Afghanistan e Jugoslavia hanno visto quanto sia pacifica la NATO»

Putin: «I cittadini di Iraq, Libia, Afghanistan e Jugoslavia hanno visto quanto sia pacifica la NATO»

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il presidente russo Vladimir Putin ha definito significativo e utile l'incontro con il leader francese Emmanuel Macron, avvenuto a Mosca e durato poco più di cinque ore. Il capo di Stato ha evidenziato il mancato rispetto da parte di Kiev degli accordi di Minsk, ha criticato la politica della NATO e ha lanciato un monito sulla minaccia di guerra se l'Ucraina tentasse di riconquistare la Crimea con la forza.

Parlando della strategia della NATO, il capo di Stato ha ricordato che la Russia è designata come un nemico dal blocco atlantico. 

La NATO viene sovente descritta come un'alleanza puramente difensiva, ma i cittadini di molti paesi hanno vissuto sulla propria pelle quanto questa sia un’affermazione mendace, ha sottolineato Putin, citando Iraq , Libia e Afghanistan come esempi lampanti.

«I cittadini di Iraq, Libia, Afghanistan e Jugoslavia hanno visto quanto sia pacifica la NATO», ha affermato Putin portando così un poderoso attacco al blocco atlantico e a chi si ostina a definire la NATO come un’alleanza difensiva che non rappresenta una minaccia per nessuno.

I membri della NATO, ha anche ricordato Putin, continuano a fornire armi all'Ucraina. 

«Gli stessi paesi membri della NATO continuano a imbottire l'Ucraina con tutti tipi di armi più moderne, stanziando risorse finanziarie significative per la modernizzazione dell'esercito ucraino. Inviano specialisti e istruttori militari», ha affermato, osservando di aver discusso di questo problema con Macron.

La Russia è categoricamente contraria all'espansione della NATO attraverso nuovi membri nell'est, ha sottolineato il presidente. 

«Perché rappresenta per noi una minaccia l'ulteriore avanzamento della NATO verso i nostri confini, non ci stiamo muovendo verso la NATO. La NATO sta avanzando verso di noi. Pertanto, dire che la Russia è aggressiva è quantomeno non coerente con la logica». 

L’Ucraina e la guerra con la NATO

Putin ha avvertito che l'ammissione dell'Ucraina alla NATO aumenterebbe la possibilità di una guerra tra l'Alleanza del Nord Atlantico e la Russia, se Kiev dovesse rivendicare la Crimea con mezzi militari. Come tra l’altro la stessa Ucraina afferma in alcuni documenti ufficiali. 

«Volete che la Francia combatta la Russia? Questo è esattamente ciò che accadrebbe» se l'Ucraina entrasse nella NATO e cercasse di attuare la sua politica di 'reintegrare' la Crimea con la forza, ha spiegato Putin ai giornalisti. 

I paesi europei, ha avvertito il leader russo, in una situazione del genere saranno automaticamente trascinati in una guerra in cui non ci saranno vincitori. 

Putin apprezza gli sforzi di Macron

Putin ha anche ringraziato il presidente francese  Emmanuel Macron per i suoi sforzi nel cercare di migliorare le relazioni tra Russia e NATO, garantire la sicurezza, creare un ambiente di stabilità e risolvere la situazione nel sud-est dell'Ucraina.

«Ci siamo già riuniti a Parigi e adesso, nonostante i problemi che ha ogni capo di Stato, in particolare un grande Stato europeo, il signor Presidente ha comunque ritenuto necessario venire in Russia per scambiare opinioni su come agire», ha detto Putin.

Diverse idee di Macron possono benissimo essere utilizzate come base per ulteriori passi avanti in Ucraina, ha osservato il capo dello Stato. Allo stesso tempo, ha affermato che Macron «avrà difficoltà» nei negoziati con la leadership ucraina.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan... di Francesco Santoianni Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano di Savino Balzano Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

30 anni di pagliacci. E' il lavoro la misura di ogni cosa di Pasquale Cicalese 30 anni di pagliacci. E' il lavoro la misura di ogni cosa

30 anni di pagliacci. E' il lavoro la misura di ogni cosa

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"... di Antonio Di Siena In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

Privatizzazioni e imprese di stato. Fact Checking completo di Gilberto Trombetta Privatizzazioni e imprese di stato. Fact Checking completo

Privatizzazioni e imprese di stato. Fact Checking completo

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli di Michelangelo Severgnini A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli