Quale disarmo? La Gran Bretagna aumenterà l'arsenale nucleare Trident del 40%

Quale disarmo? La Gran Bretagna aumenterà l'arsenale nucleare Trident del 40%

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Attivisti e commentatori hanno accusato il primo ministro britannico Boris Johnson di aver voltato le spalle al disarmo dopo che un rapporto affermava che stava pianificando di aumentare drasticamente il limite posto alle scorte nucleari del Regno Unito.

Johnson è pronto ad annunciare che il limite al numero di testate nucleari Trident nell'arsenale del Regno Unito sarà aumentato addirittura del 40%, ha riferito il The Guardian, citando una copia trapelata di una revisione della difesa e della politica estera del paese. In pratica, si porterebbe il numero di testate che la Gran Bretagna può possedere da 180 a 260. Le testate Trident sono caricate su sottomarini con missili balistici come parte della strategia di deterrenza nucleare del Regno Unito, e almeno un sottomarino con armi nucleari è sempre di pattuglia.

Secondo il Guardian, la revisione di 100 pagine sulla sicurezza ritiene che l'aumento del limite massimo delle testate nucleari è una risposta all ' "ambiente di sicurezza in evoluzione" e "alla gamma in via di sviluppo delle minacce tecnologiche e dottrinali" per il paese. La Russia è stata considerata una "minaccia attiva" per il Regno Unito, mentre la Cina è stata descritta come una "sfida sistematica". Il documento ha anche avvertito che esiste una "possibilità realistica" che un gruppo terroristico effettui un attacco chimico, biologico o nucleare entro il 2030. 

Il presunto cambiamento di politica ha scatenato la rabbia di attivisti, esperti e osservatori dei social media. 

Kate Hudson, il segretario generale della Campagna per il disarmo nucleare, ha spiegato al Guardian che non ha senso che il governo a corto di denaro persegua "spese grandiose e sprecate in armi di distruzione di massa" . 

Hans Kristensen, direttore del Nuclear Information Project, parte della Federation of American Scientists, ha detto che è stato "profondamente" deludente vedere la Gran Bretagna "porre fine alla sua politica di riduzione delle armi nucleari e invece unirsi alla corsa agli armamenti nucleari aumentando la sua scorta di armi nucleari".

Altri hanno reagito alla notizia chiedendo al governo britannico di spiegare come consentire un aumento delle scorte nucleari manterrebbe il paese più sicuro. 

"Dì addio alla vita sulla terra se lasciano andare UNO di quelli", si legge in uno dei tanti commenti di disapprovazione. 

Sebbene pubblicizzato come necessario per garantire la sicurezza della Gran Bretagna, il programma Trident è stato regolarmente criticato come inutilmente costoso e mal gestito. 

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti