Quanto spenderà la Cina per la Difesa nel 2022? Molto meno degli Stati Uniti

Quanto spenderà la Cina per la Difesa nel 2022? Molto meno degli Stati Uniti

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Difesa e Intelligence è anche su Telegram. Clicca qui per entrare nel canale e restare sempre aggiornato

La crescita della spesa cinese per la Difesa davvero è in forte aumento, nonostante una più bassa crescita del PIL di Pechino, e questo costituisce una minaccia per i paesi occidentali come insiste la narrazione dei media mainstream occidentali?

L'aumento del 7,1% del budget per la difesa della Cina nel 2022 è una mossa moderata che mira a salvaguardare la sovranità nazionale del paese, l'integrità territoriale, la sicurezza e gli interessi di sviluppo, nonché a fornire beni di pubblica sicurezza al mondo, hanno spiegato alcuni esperti cinesi al quotidiano Global Times. 

La cifra, che vedrebbe l'esercito cinese ricevere un totale di 1,45 trilioni di yuan (230 miliardi di dollari) di finanziamenti nel 2022, è stata rivelata sabato in una bozza di relazione sul bilancio rilasciata all'apertura della quinta sessione del 13° Congresso Nazionale del Popolo (NPC), il massimo organo legislativo del paese.

Pur ammettendo che la Cina ha mantenuto il suo aumento del bilancio della difesa a una sola cifra per sette anni consecutivi, articoli di Reuters e Bloomberg affermano che l’aumento di spesa è superiore alla crescita prevista. Una spesa del 7,5% contro una crescita del PIL stimata intorno al 5%. 

Concentrandosi solo sulle cifre senza dare più contesto, i media occidentali stanno semplicemente cercando di portare avanti artatamente la teoria della "minaccia militare cinese”, spiegano gli esperti sentiti dal Global Times. 

Quando si guarda indietro ai precedenti bilanci della difesa cinese, i tassi di crescita dal 2016 sono sempre stati superiori al 7% prima della pandemia COVID-19, e il 7,1% del 2022 è ancora inferiore alla cifra media tra il 2016 e il 2022, che è più del 7,2%, hanno detto gli analisti. 

Uno dei motivi principali per cui i tassi di crescita sono scesi sotto il 7 per cento nel 2020 e nel 2021 è dovuto alla pandemia COVID-19 e al suo impatto sull'economia, hanno detto gli analisti, notando che un aumento della spesa militare di circa il 7 per cento è normale e costante, e anche se il 7,1 per cento è il più alto degli ultimi tre anni, non è nulla di cui essere sorpresi.

Per quanto riguarda la relazione del bilancio della difesa con il PIL, gli osservatori hanno sottolineato che il PIL della Cina ha visto una crescita enorme dell'8,1% nel 2021, raggiungendo 114,37 trilioni di yuan. Se la Cina raggiunge il suo obiettivo di crescita del PIL del 5,5% quest'anno, il PIL sarebbe di circa 120,66 trilioni di yuan nel 2022. Con la Cina che prevede di spendere 1,45 trilioni di yuan per la difesa nazionale, il bilancio della difesa prenderebbe solo l'1,2% del suo PIL totale, e questa cifra è ancora più bassa dell'1,3% previsto negli ultimi anni. 

In confronto, la media mondiale per il rapporto spesa militare/PIL nel 2020 è quasi il 2,4 per cento, il doppio della Cina, secondo i dati dello Stockholm International Peace Research Institute (SIPRI). 

La cifra per gli Stati Uniti, che spendono quasi quattro volte più della Cina, è del 3,7%, secondo il SIPRI. Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden dovrebbe chiedere al Congresso degli Stati Uniti un bilancio della difesa superiore a 770 miliardi di dollari per il prossimo anno fiscale, secondo quanto riferito da Reuters lo scorso 17 di febbraio. 

Quindi, l'aumento del bilancio della difesa della Cina nel 2022 non è affatto alto, e dovrebbe essere considerato molto contenuto, ha spiegato l’esperto militare cinese Fu Qianshao, al Global Times.

Dunque Fu Qianshao ha evidenziato che chi contesta l'aumento del bilancio della difesa della Cina, dovrebbe innanzitutto prestare più attenzione agli Stati Uniti. 

A giudicare dal basso rapporto spesa militare/PIL della Cina, il paese si sta ancora concentrando sullo sviluppo economico e sui mezzi di sussistenza, ha detto Fu, notando che per avere uno sviluppo economico stabile, la Cina ha bisogno di avere un ambiente di sicurezza stabile, ed è per questo che una forte difesa nazionale è necessaria.

Quando la riforma e l'apertura della Cina sono iniziate alla fine degli anni '70, la Cina ha dato la priorità allo sviluppo economico rispetto a quello militare, e anche quando l'economia del paese è decollata, la crescita del bilancio della difesa si è fermata, ha detto domenica al Global Times un ufficiale in pensione che ha servito nell'Esercito Popolare di Liberazione (PLA) in quel periodo, che però ha preferito non rivelare la sua identità. 

Lo sviluppo militare di oggi sta recuperando ciò che è stato perso, ed è vitale avere una forza militare che corrisponda allo stato di sviluppo globale della Cina, al fine di salvaguardare i frutti dello sviluppo del paese, ha aggiunto il veterano.

In realtà, la Cina ha ancora spazio per aumentare il suo budget per la difesa, ma la Cina non sta cercando una corsa agli armamenti anche quando paesi come gli Stati Uniti, il Giappone e l'Australia stanno aumentando notevolmente le loro spese militari, poiché l'obiettivo della Cina è quello di salvaguardare la sua sovranità nazionale, la sicurezza e gli interessi di sviluppo, a differenza dei programmi di alcuni altri paesi, ha affermato l'esperto militare cinese e commentatore televisivo Song Zhongping.

Nel 2021, la Cina ha fatto grandi passi avanti nel rafforzamento della difesa nazionale e delle forze armate, nell’ambito del 14° piano quinquennale (2021-2025), e nel 2022, la Cina lavorerà verso gli obiettivi per il centenario del PLA nel 2027, migliorerà l'addestramento militare e la prontezza al combattimento, rimarrà ferma e flessibile nel condurre la lotta militare, e salvaguarderà la sovranità, la sicurezza e gli interessi di sviluppo, secondo il rapporto sul lavoro del governo consegnato all'apertura della sessione annuale del Congresso Nazionale del Popolo. 

La Cina si muoverà più velocemente per modernizzare la logistica militare e i sistemi di gestione delle risorse, costruire un moderno sistema di gestione delle armi e delle attrezzature, continuare a riformare la difesa nazionale e i militari, intensificare le innovazioni nella scienza e nella tecnologia della difesa, attuare la strategia di rafforzamento dei militari attraverso la formazione di personale competente nella nuova era, gestire i militari in conformità con la legge e la disciplina rigorosa, promuovere lo sviluppo di alta qualità dei militari, e migliorare la disposizione della scienza della difesa, la tecnologia e l'industria, afferma il rapporto. 

Wei Dongxu, un esperto militare di Pechino, ha affermato al Global Times che l'aumento del bilancio militare cinese è appropriato e ragionevole, dato che la Cina mira a sviluppare un esercito modernizzato, e perché alcune forze esterne hanno costantemente aumentato il loro dispiegamento militare e hanno creato problemi vicino alla Cina.

Questo include le provocazioni aeree dell'esercito degli Stati Uniti e i movimenti delle navi, così come le esercitazioni militari su larga scala alle porte della Cina, la chiamata a raccolta di alleati e partner per circondare militarmente la Cina e la vendita di armi all'isola di Taiwan a sostegno delle forze secessioniste, hanno evidenziato gli osservatori.

Alcuni media occidentali hanno messo in relazione l'aumento del bilancio della difesa con la crisi ucraina, ma questa è una sciocchezza, ha spiegato un altro esperto militare al Global Times sotto condizione di anonimato.

Ci sono preoccupazioni per il conflitto, come per la Germania che ha recentemente aumentato la sua spesa per la difesa, ma il conflitto tra Russia e Ucraina è iniziato solo pochi giorni fa, mentre il bilancio della difesa della Cina è stato probabilmente redatto mesi prima, ha notato l'esperto.

La spesa per la difesa della Cina è utilizzata anche per fornire beni di pubblica sicurezza, tra cui la partecipazione delle Nazioni Unite per il mantenimento della pace, la scorta delle navi, l'assistenza umanitaria e gli sforzi di soccorso in caso di disastri, che hanno dato un forte contributo alla pace mondiale e alla stabilità regionale, hanno affermato infine gli analisti.

 

Difesa e Intelligence è anche su Telegram. Clicca qui per entrare nel canale e restare sempre aggiornato

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano di Savino Balzano Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato di Pasquale Cicalese Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"... di Antonio Di Siena In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...