«Rappresentano il capitalismo e difendono il capitalismo e l'impero piuttosto che il popolo», la risposta di Evo Morales agli ex presidenti che lo contestano

«Rappresentano il capitalismo e difendono il capitalismo e l'impero piuttosto che il popolo», la risposta di Evo Morales agli ex presidenti che lo contestano

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!



America XXI
 

"Non so se hanno una coscienza sociale, una sentimento di umanità. Chiaramente, rappresentano il capitalismo e difendono il capitalismo e l'impero piuttosto che il popolo". Così il presidente boliviano Evo Morales ha risposto alla dichiarazione firmata dal 20 presidenti di America Latina e Spagna, tutti membri dell’Iniziativa Democratica della Spagna e delle Americhe (IDEA).

 

Evo ha preso la parola in occasione di una cerimonia pubblica tenutasi nella città di Cobija, dipartimento di Pando. Da quella tribuna ha ribattuto ai leader conservatori di destra che, guidati dall'ex presidente boliviano Jorge Quiroga, hanno contestato la sua candidatura presidenziale.

 

Figure ampiamente impopolari nei loro paesi, come l'uomo d'affari ecuadoriano Gustavo Noboa, il messicano Vicente Fox, l'argentino Fernando De la Rua, lo spagnolo José María Aznar e il più volte  denunciato per i suoi legami con i paramilitari, Alvaro Uribe, sono stati alcuni dei firmatari.

 

Per Morales, contestare la sua candidatura significa rifiutare le domande "di lavoratori, contadini e poveri della Bolivia".

 

Di fronte al vantaggio di cui gode l'attuale presidente nei sondaggi, gruppi di opposizione a livello nazionale ed internazionale, cercano di negare la legittimità della nuova nomina elettorale del binomio Evo Morales - Álvaro García Linera, autorizzato dalla Corte Costituzionale ed Elettorale della Bolivia.

 

A gennaio si terranno le elezioni primarie, sebbene le alleanze registrate non presentino più di un candidato, mentre a ottobre si svolgerà il primo turno delle elezioni presidenziali.

 

Visto l'appoggio popolare che ha Evo Morales, i presidenti hanno denunciato una "violazione dell'ordine costituzionale e democratico in Bolivia".

 

Nei tre precedenti processi elettorali, la candidatura del MAS si è imposta con il 54% nel 2005, il 67% nel 2009 e il 63% nel 2014.

Potrebbe anche interessarti

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Covid 19: la situazione in Russia di Marinella Mondaini Covid 19: la situazione in Russia

Covid 19: la situazione in Russia

Per me questa è resistenza di Savino Balzano Per me questa è resistenza

Per me questa è resistenza

Caffè: i prezzi andranno alle stelle di  Leo Essen Caffè: i prezzi andranno alle stelle

Caffè: i prezzi andranno alle stelle

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Camilla e la città di Omelas di Antonio Di Siena Camilla e la città di Omelas

Camilla e la città di Omelas

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund di Gilberto Trombetta "Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

I migranti in Libia: “Riportateci a casa” di Michelangelo Severgnini I migranti in Libia: “Riportateci a casa”

I migranti in Libia: “Riportateci a casa”

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti