Russia, il leader dell'opposizione Zyuganov: «Navalny rappresenta il capitale finanziario americano»

Russia, il leader dell'opposizione Zyuganov: «Navalny rappresenta il capitale finanziario americano»

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Dopo il suo teatrale ritorno in patria seguito al periodo di ‘riabilitazione’ passato in Germania per il presunto avvelenamento da novichok è tornato alla ribalta Alexei Navalny, il blogger autoproclamato dall'Occidente capo dell'opposizione a Vladimir Putin. Un nazionalista convinto ma molto apprezzato in Occidente. Sicuramente molto più che in Russia. 

Secondo il leader del più grande partito di opposizione del paese, Gennady Zyuganov del Partito Comunista della Federazione Russa, Alexey Navalny non è una figura politica ma rappresenta il denaro statunitense in Russia. A tal proposito in passato Zyuganov aveva già paragonato Navalny all’ex presidente Boris Eltsin, uomo politico decisamente filo-occidentale. 

Zyuganov ha poi accusato Navalny di essere nient’altro che il capo di se stesso. 

“Non lo considero un oppositore. Rappresenta il capitale finanziario americano”, ha affermato questo lunedì Zyuganov alla radio Komsomolskaya Pravda, secondo quanto riferisce l’emittente RT. "Lo presentano come una grande figura, ma questo non è altro che un tentativo di denigrare la realtà russa".

Secondo Zyuganov, Navalny è stato preparato dai servizi segreti stranieri per avviare una rivoluzione, che paragona al Maidan ucraino nel 2014.

“Non è il capo di se stesso. Lavora con specialisti esperti che hanno promosso altre persone prima di lui ", ha affermato Zyuganov.

L'opinione del parlamentare comunista su Navalny è cambiata in modo significativo dal 2012, quando ha annunciato che avrebbe collaborato con ‘l’oppositore’ per assicurarsi che le elezioni fossero libere ed eque.

Nel 2020, Zyuganov ha paragonato Navalny al suo ex avversario, dicendo al presidente Vladimir Putin che l'attivista è "uno Eltsin giovane ma sobrio".

 

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan... di Francesco Santoianni Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Il marcio del finto sindacato viene alla luce di Savino Balzano Il marcio del finto sindacato viene alla luce

Il marcio del finto sindacato viene alla luce

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito di Gilberto Trombetta Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito

Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli di Michelangelo Severgnini A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli