Russia, il leader dell'opposizione Zyuganov: «Navalny rappresenta il capitale finanziario americano»

Russia, il leader dell'opposizione Zyuganov: «Navalny rappresenta il capitale finanziario americano»

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Dopo il suo teatrale ritorno in patria seguito al periodo di ‘riabilitazione’ passato in Germania per il presunto avvelenamento da novichok è tornato alla ribalta Alexei Navalny, il blogger autoproclamato dall'Occidente capo dell'opposizione a Vladimir Putin. Un nazionalista convinto ma molto apprezzato in Occidente. Sicuramente molto più che in Russia. 

Secondo il leader del più grande partito di opposizione del paese, Gennady Zyuganov del Partito Comunista della Federazione Russa, Alexey Navalny non è una figura politica ma rappresenta il denaro statunitense in Russia. A tal proposito in passato Zyuganov aveva già paragonato Navalny all’ex presidente Boris Eltsin, uomo politico decisamente filo-occidentale. 

Zyuganov ha poi accusato Navalny di essere nient’altro che il capo di se stesso. 

“Non lo considero un oppositore. Rappresenta il capitale finanziario americano”, ha affermato questo lunedì Zyuganov alla radio Komsomolskaya Pravda, secondo quanto riferisce l’emittente RT. "Lo presentano come una grande figura, ma questo non è altro che un tentativo di denigrare la realtà russa".

Secondo Zyuganov, Navalny è stato preparato dai servizi segreti stranieri per avviare una rivoluzione, che paragona al Maidan ucraino nel 2014.

“Non è il capo di se stesso. Lavora con specialisti esperti che hanno promosso altre persone prima di lui ", ha affermato Zyuganov.

L'opinione del parlamentare comunista su Navalny è cambiata in modo significativo dal 2012, quando ha annunciato che avrebbe collaborato con ‘l’oppositore’ per assicurarsi che le elezioni fossero libere ed eque.

Nel 2020, Zyuganov ha paragonato Navalny al suo ex avversario, dicendo al presidente Vladimir Putin che l'attivista è "uno Eltsin giovane ma sobrio".

 

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Green Pass e lavoro:  perché è una misura incostituzionale di Savino Balzano Green Pass e lavoro:  perché è una misura incostituzionale

Green Pass e lavoro: perché è una misura incostituzionale

Il Govermo dei padroni di Giorgio Cremaschi Il Govermo dei padroni

Il Govermo dei padroni

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina   di Bruno Guigue I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

In difesa di Alessandro Barbero In difesa di Alessandro Barbero

In difesa di Alessandro Barbero

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass di Thomas Fazi Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio? di Giuseppe Masala Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

I nuovi strabilianti numeri delle importazioni cinesi dall'Italia di Pasquale Cicalese I nuovi strabilianti numeri delle importazioni cinesi dall'Italia

I nuovi strabilianti numeri delle importazioni cinesi dall'Italia

Svenduta ai privati anche la società elettrica greca di Antonio Di Siena Svenduta ai privati anche la società elettrica greca

Svenduta ai privati anche la società elettrica greca

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia di Gilberto Trombetta Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Haftar si candida in Libia: l'Europa è nel panico di Michelangelo Severgnini Haftar si candida in Libia: l'Europa è nel panico

Haftar si candida in Libia: l'Europa è nel panico

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti